Il contratto intermittente o a chiamata

Il contratto di lavoro intermittente o a chiamata è un tipo di contratto part-time a termine o indeterminato. Scopri tutto quello che devi sapere.



Il contratto di lavoro intermittente o a chiamata è un particolare tipo di contratto che può essere stipulato sia a tempo indeterminato che determinato, mediante il quale un lavoratore si pone a disposizione di un datore di lavoro che ne può utilizzare la prestazione lavorativa nei limiti della legge.

Riferimenti normativi

Il lavoro intermittente (detto anche lavoro a chiamata o job on call) è disciplinato dagli articoli 33-40 del decreto legislativo 276/03 e ss.mm.

Leggi anche: il contratto a chiamata o intermittente dopo la riforma del lavoro 2012

Ricorso al lavoro intermittente

Il contratto di lavoro intermittente o a chiamata può essere concluso per lo svolgimento di prestazioni di carattere discontinuo o intermittente secondo le esigenze individuate dai contratti collettivi nazionali o territoriali.
Può comunque essere stipulato per prestazioni rese da soggetti in stato di disoccupazione con meno di 25 anni di età ovvero da lavoratori con più di 45 anni di età che siano stati espulsi dal ciclo produttivo o siano iscritti alle liste di mobilità e di collocamento.

Il contratto intermittente o a chiamata, approfondimenti

Divieti

Il ricorso al lavoro intermittente è vietato:
a) per la sostituzione di lavoratori che esercitano il diritto di sciopero;
b) salva diversa disposizione degli accordi sindacali, presso unità produttive nelle quali si sia proceduto, entro i sei mesi precedenti, a licenziamenti collettivi che abbiano riguardato lavoratori adibiti alle stesse mansioni cui si riferisce il contratto di lavoro intermittente
c) da parte delle imprese che non abbiano effettuato la valutazione dei rischi ai sensi dell’articolo 4 del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

Forma del contratto

Il contratto di lavoro intermittente e’ stipulato in forma scritta ai fini della prova dei seguenti elementi:

  • indicazione della durata e delle ipotesi, oggettive o soggettive, previste dall’articolo 34 che consentono la stipulazione del contratto;
  • luogo e la modalità della disponibilità, eventualmente garantita dal lavoratore, e del relativo preavviso di chiamata del lavoratore che in ogni caso non può essere inferiore a un giorno lavorativo;
  • il trattamento economico e normativo spettante al lavoratore per la prestazione eseguita e la relativa indennità di disponibilità, ove prevista, nei limiti di cui al successivo articolo 36;
  • indicazione delle forme e modalità, con cui il datore di lavoro e’ legittimato a richiedere l’esecuzione della prestazione di lavoro, nonche’ delle modalità di rilevazione della prestazione;
  • i tempi e le modalità di pagamento della retribuzione e della indennità di disponibilità;
  • le eventuali misure di sicurezza specifiche necessarie in relazione al tipo di attività dedotta in contratto.

La disponibilità

  • Lavoro intermittente con espressa pattuizione dell’obbligo di disponibilità: il lavoratore  si  obbliga  a  restare  a  disposizione  del  datore  di  lavoro, a tempo indeterminato o determinato, per effettuare  prestazioni lavorative alla “chiamata” del datore di lavoro. In cambio del vincolo di disponibilità assunto, egli riceve una indennità di disponibilità.
  • Lavoro intermittente senza obbligo di disponibilità: in questo caso il prestatore non si impegna contrattualmente ad accettare la chiamata del datore di lavoro, e dunque non matura il diritto all indennità correlata all impegno di disponibilità, bensì solo la retribuzione per il lavoro eventualmente prestato.

Indennità di disponibilità

Nel caso in cui il lavoratore si obblighi contrattualmente a rispondere alla chiamata del datore di lavoro:

  1. Nel contratto di lavoro intermittente deve essere stabilita la misura della indennità mensile di disponibilità, divisibile in quote orarie, corrisposta al lavoratore per i periodi nei quali il lavoratore stesso garantisce la disponibilità al datore di lavoro in attesa di utilizzazione in base a quanto stabilito nel CCNL.
  2. In caso di malattia o di altro evento che renda temporaneamente impossibile rispondere alla chiamata, il lavoratore e’ tenuto a informare tempestivamente il datore di lavoro, specificando la durata dell’impedimento. Nel periodo di temporanea indisponibilità non matura il diritto alla indennità di disponibilità.
  3. Nel caso in cui il lavoratore non provveda all’adempimento di cui al comma che precede, perde il diritto alla indennità di disponibilità per un periodo di quindici giorni, salva diversa previsione del contratto individuale.
  4. Il rifiuto ingiustificato di rispondere alla chiamata può comportare la risoluzione del contratto, la restituzione della quota di indennità di disponibilità riferita al periodo successivo all’ingiustificato rifiuto, nonche’ un congruo risarcimento del danno nella misura fissata dai contratti collettivi o, in mancanza, dal contratto di lavoro.

Le suddette norme non si applicano nel caso in cui il lavoratore non si obblighi contrattualmente a rispondere alla chiamata del datore di lavoro.

Nel caso di lavoro intermittente per prestazioni da rendersi il fine settimana, nonchè nei periodi delle ferie estive o delle vacanze natalizie e pasquali l’indennità di disponibilità è corrisposta al lavoratore solo in caso di effettiva chiamata da parte del datore di lavoro.

Principio di non discriminazione

Fermi restando i divieti di discriminazione diretta e indiretta previsti dalla legislazione vigente, il lavoratore intermittente non deve ricevere, per i periodi lavorati, un trattamento economico e normativo complessivamente meno favorevole rispetto al lavoratore di pari livello, a parità di mansioni svolte. Il trattamento economico, normativo e previdenziale del lavoratore intermittente e’ riproporzionato, in ragione della prestazione lavorativa effettivamente eseguita.

Per tutto il periodo durante il quale il lavoratore resta disponibile a rispondere alla chiamata del datore di lavoro non e’ titolare di alcun diritto riconosciuto ai lavoratori subordinati ne’ matura alcun trattamento economico e normativo, tranne l’indennità di disponibilità.

Computo del lavoratore intermittente

I lavoratori con contratto intermittente sono computati nell’organico dell’impresa in proporzione all’orario di lavoro effettivamente svolto nell’arco di ciascun semestre.





Articoli correlati

  • Gennaro

    CIAO IL 13/07/2012 HO DATO LE DIMISSIONI NELL’AZIENDA IN CUI LAVORO,DANDO I 21 GIORNI DI PREAVVISO QUINDI DOVREI CESSARE IL RAPPORTO IL 4O 5 AGOSTO.IL PROBLEMA E CHE L’AZIENDA E’ SOTTO CONTRATTO DI SOLIDARIETA’ E QUINDI LE GIORNATE DI VENERDI E DI SABATO SIAMO A CASA.MA SICCOME IL 31/7 CHIUDE PER FERIE DEVONO ESSERE CONSEGNATI ORDINI URGENTI E HANNO OBBLIGATO IL PERSONALE AD ANDARE A LAVORO LE GIORNATE PRIMA CITATE E CHE E’ POSSIBILE FARLO X CONTRATTO.io NEL FRA TEMPO IL VENERDI E SABATO ANDAVO E VADO A SVOLGERE LA MIA NUOVA ATTIVITA’!!CHIEDEVO QUESTO:SE IL MIO ATTUALE DATORE DI LAVORO NON MI DESSE O LASCIASSE LIBERO QUESTE 2 GIORNATE E IO FACCIO ASSENZE INGIUSTIFICATE,COSA MI PUO SUCCEDERE VISTO CHE HO GIA DATO LE DIMISSIONI?GRAZIE

  • Silvana Casalnovo

    Salve. Ho un contratto a chiamata a tempo determinatato. ossia, dal 01/05/2012 al 30/09/2012,Il 21/06 mi sono fatta male a casa e ho fraturato l’alluce del piede.Sono andatta al pronto soccorso,e mio medico curante ha fatto la dichiarazione di malatia telematica.Mio dubbio è se ho diritto a malattia.

  • loretta

    ho 48 anni mi vogliono assumere con c ontratto a chiamata quante ore posso lavorare al mese? e posso dare la mia disponibilità solo per le ore mattutine o é il datore di lavoro che decide il tutto? Ho diritto inoltre a 13esima ferie malattia liquidazione? il mio contratto dovrebbe essere commercio dato che lavorerò in una panetteria pasticceria quindi maturerò anche la 14cesimà? grazie lory

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Si, può usufruirne sicuramente in questo periodo di ferie estive. Comunque la invito a rivolgersi ad un consulente del lavoro o al suo commercialista per vedere bene come funziona, anche in vista delle modifiche apportate dalla riforma del lavoro.

  • gregorio

    Buongiorno, sono un titolare di un bar. Fermo restando che ho tutti i requisiti necessari, vorrei gentilmente sapere se posso usufruire del contratto a chiamata per mia figlia 19enne. Grazie

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Dipende dai ccnl, comunque puoi decidere di non rispondere più alle chiamate, il che equivale a dare le dimissioni, oppure generalmente con una settimana di preavviso dovresti cavartela.

  • Ale

    ciao!!qualcuno puo’ dirmi quanti giorni servono di preavviso per le dimissioni con contratto a chiamata a tempo determinata

  • Ale

    ciao!!qualcuno puo’ dirmi quanti giorni servono di preavviso in caso di dimissioni con contratto a chiamata a tempo determinato…grazia

  • Gennaro

    ti ringrazio x l’informazione,ma il mio nuovo datore di lavoro che mi ha stipulato il contr a chiamata dice che e’ mio compito comunicare all’imps le giornate lavorate di venerdi che sono sotto contratto di solidarieta presso la mia azienda e il sabato che non rientra nelle giornate di solidarieta’ xche’ non lavorativo in azienda!grazie

  • spartacus

    Non hai nessun obbligo verso l’Inps se non le trattenute che vengono versate all’Inps dal tuo datore di lavoro. Allo stesso è devoluta la responsabilità di informare l’istituto previdenziale del tuo rapporto di lavoro.

  • spartacus

    Per una risposta bisognerebbe capire il contratto di riferimento e il livello d’inquadramento.

  • adriana

    salve sono la mamma di una ragazza 17enne al suo primo lavoro stagionale. il datore di lavoro mi ha detto che mia figlia verrà assunta con contratto di lavoro a chiamata ma non mi ha quantificato la retribuzione che percepirà ad ogni chiamata.vorrei approssimat. sapere se lo stipendio che percepirà mia figlia verrà stabilito dal datore o se c’è una quota prestabilita dal contratto stesso.grazie

  • Gennaro

    ciao io ho un contratto di lavoro a tempo indeter. da 14 anni,ma dal 1 di gennaio del 2012 sono sotto contratto di solidarieta’con 0.30 min.al giorno in meno e il venerdi a casa.Nel fra tempo ho stipulato un contratto a chiamata a tempo indeterminato senza obbligo di risposta.ecco io vorrei sapere da qualcuno se e legale questo tipo di contratto perche’sono gia lavoratore e x favore qualcuno mi dica in che modo devo comunicare all’imps le giornate lavorate perche’ sia i sindacati ‘sia il patronato,NON HANNO SAPUTO DARMI UNA RISPOSTA NE PARZIALE NE CHIARA!ANCHE PERCHE’ NON VORREI TROVARMI UN GIORNO A PAGARE VISTOI TEMPI CHE CORRONO DELLE MULTE SALATE!!! GRAZIE.

  • Massimo

    Salve, mi chiam Massimo, quello che mi preme sapere è questo:
    Dal 26/03/2012 sono in CIGS, lavoro solo una settimana al mese nella stessa società rientrando dalla cassa integrazione, con regolare busta paga e retribuzione per la settimana lavorata. Ora la società mi informa che tale procedura non è più fattibile perchè è costretta a mettere definitivamente tutti in CIGS per procedura fallimentare. Una nuova società, però, mi ha proposto un contratto di assunzione del tipo “Contratto a Chiamata (intermittente – 1 settimana al mese circa). Secondo voi è possibile un contratto a chiamata visto che sono in cassa integrazione? Se “Si”, ci sono rischi per me dal punto di vista economico, contributivo e soprattutto nel diritto acquisito nei confronti della CIGS? Quante volte in un anno si posso fare questi contratti a chiamata, sempre tenedo conto che sono in cassa Integrazione?. Grazie Mille.

  • alessandro

    buon giorno mi hanno fatto un contratto a chiamata indeterminato, qualcuno mi spiega sta benedetta differenza tra determinato eindeterminato a chiamata? grazie perchè sono molto confuso in svizzera

  • alessandro

    buon giorno mi hanno fatto un contratto a chiamata indeterminato, qualcuno mi spiega sta benedetta differenza tra determinato eindeterminato a chiamata? grazie perchè sono molto confuso

  • Pablogarcia67

    ciao… cmq lavoro da eseguire al di fuori dell’orario di lavoro del comune, infatti al comune il mio lavoro viene svolto solo di mattina invece il lavoro occasionale (grafica e serigrafia) lo devo svolgere solo il pomeriggio 2 o 3 volte al mese … cmq ne parlero ad un caf o patronato come mi consigli tu.. Grazie Gentilissimo!!!

  • Gloriana

    Ciao Gabriella, il contratto a chiamata sta cambiando è vero ma non è ancora uscita nessuna nuova normativa e soprattutto i ratei che ora ti mettono in busta paga li devi aver maturati anche in passato e non solo adesso, quando si assume con un contratto a chiamata a tempo determinato si può scegliere di applicare la retribuzione oraria inclusa di tutti i ratei o la retribuzione normale e far maturare i ratei in base alle ore lavorate non c’entra nulla con la disponibilità alla chiamata che da quel che ho letto sulle varie circolari in merito alla riforma del contratto a chiamata non dovrebbe esserci alcuna novità.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Gabriella direi proprio di si, se hai l’obbligo di risposta hai diritto anche all’indennità, che non ha nulla a che fare con i ratei di 13a, 14a, ferie e TFR!!

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Pablo, i contratti a chiamata credo siano incompatibili, proprio perchè potrebbe capitare che ti chiamino entrambi i datori di lavoro lo stesso giorno. Con la prestazione occasionale invece non dovresti avere problemi. Comunque ti conviene chiedere chiarimenti ad un caf o un patronato di fiducia

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Marius, se hai dei dubbi sull’applicazione del contratto devi rivolgerti ad un sindacato o un avvocato

  • gabriella

    lavoro in un bar da un anno,tempo in cui mi è stato rinnovato 3 volte il contratto a chiamata,e fino all’anno scorso nella busta paga erano presenti due voci “importo ordinario” con l’importo per il totale ore svolte e una seconda voce “maggiorazione per lavoro intermitente” 30% sempre sul totale ore. Dall’ultimo rinnovo invece, c’è solamente una voce “lavoro ordinario intermitente” senza nessuna indennità di disponibilità, anche se sul mio contratto sta scritto che mi impegno di rendermi disponibile pena la risoluzione immediata del contratto, ecc ecc, cosa che per me implica automaticamente se non sbaglio, anche il diritto a questa indennità. La comercialista dell’azienda mi ha detto che sono cambiate le normative e che al posto di questa indennità mi inseriscono in busta tutti i mesi i ratei della 13sima e 14esima e anche tutte le ferie e permessi quidi è la stessa cosa. Io non sono cosi convinta, e vero, l’anno scorso pur avendo lo stesso contratto non mi venivano pagate ne ferie ne permessi ne tredicesima, ma mensilmente la mia busta era diversa di almeno 200 euro in piu.Come devo comportarmi? Mi spetta questa indenntita di disponibilità se nel mio contratto sono vincolata a rendermi disponibile? Grazie mille.

  • marius

    ciao sono autista di camion che fa 90% facio estero e un contract a chiamata autista e o scoperto che non paga niente fieri niente 13zima e niente tfr io vengo pagato in baze a km che facio e basta niente altro visto che dormo fuori 4 giorni a septimana per cortesia vorei sapere qualcosa di piu riguarda questo contract di m…a xche penso per lavoro che facio un contract dell genere non e quello giusto

  • Pablogarcia67

    Ciao… sono un impiegato a tempo determinato e parziale presso un comune della regione sicilia, con contratto di diritto privato a 24 ore settimanali, con la mia domanda volevo sapere se è possibile lavorare per un privato con la prestazione a chiamata o lavoro occasionale da espletare al di fuori dell’orario di lavoro al comune ed inoltre di non contrastare gli interessi della P.A. …

  • nicola

    salve , volevo sapere io sono in disoccupazione ordinaria una agenzia mi ha offerto un lavoro a giornate dicendomi che se non supero tot giornate non perdo la disoccupazione. voglio sapere se è vero e se si quante giornate non devo superare,grazie.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Che io sappia non ci sono regole specifiche ma vale la disciplina generale.

  • Marco

    Salve ho un contratto a chiamata ormai da 2 anni, sul cud mi sono stati certificati 100 giorni che in realtà non sono ne i giorni sulle buste ne riconducibili a niente a mio parere….è possibile avere qualche riferimento alle norme che regolano la compilazione del cud del contratto a chiamata?ho l’impressione che la consulente del mio datoro di lavoro sia alquanto incompetente!!!Grazie

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Tiziana, ti consiglio di rivolgerti ad un sindacato o ad un avvocato in quanto la situzione non è molto chiara..

  • tiziana

    Ciao..ho un contratto a chiamata da febbraio..ma all’inizio di aprile mi ha lasciato a casa dicendo …calo lavorativo….il lunedi dopo ha assunto un’extracomunitaria…nn mi ha piu’ chiamato….preciso che il contratto e’ con obbligo di risposta e da aprile nn percepisco un cent…come devo comportarmi…posso chiedere l’indennita’ di disponibilita’?…grazie Tiziana

  • Antonio

    Ciao Claudio, io credo che con il contratto a chiamata anche se non lavori neanche una giornata comunque ti fa perdere la disoccupazione. Quello che conta per l’INPS è la rioccupazione che non deve superare i 5 giorni. Non ricordo bene se puoi lavorare con i voucher, ti conviene chiamare il numero verde 803164 per evitare errori che potrebbero costarti caro…

  • Antonio

    Ciao Minny, se venissi assunta con contratto a chiamata non saresti più disoccupata. L’unica cosa che puoi fare durante la disoccupazione è il contratto a termine per massimo 5 giorni, che va comunicato all’inps. Credo anche i voucher fino a 3000 euro ma non ne sono certo, puoi provare a chiedere al numero verde inps 803164

  • Minny

    salve! io percepisco l indennità di disoccupazione ordinaria e sono appena al 3 mese… se venissi assunta con un contratto a chiamata, dovrei bloccare la disoccupazione?

  • claudio

    salve per non perdere la disoccupazione avendo un contratto a chiamata senza obbligo di disponibilita quante sono le giornate massime lavorative in un mese e sopratutto non devono essere continuative?

  • Olesya

    Salve,
    Verei chiedere se posso lavorare con contratto a chiamata se io ho permesso di soggiorno studio?

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Se non hai l’obbligo di disponibilità non sei obbligata a rispondere alla chiamata… comunque il datore potrebbe non chiamarti o chiamarti quasi tutti i giorni… il contratto è a chiamata proprio per questo motivo

  • Annamaria

    Buongiorno, mi apprestano a fare un contratto a chiamata senza obbligo di risposta in un ristorante ma non so quante ore dovrei fare. Quante ore minime e max si possono fare settimanalmente e posso essere chiamato anche durante la settimana????Questo per vedere se il datore mantiene fede al contratto, ma su internet non parla di ore o giorni disponibili.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Sinceramente non saprei risponderti, credo che ci debba essere qualche clausula a riguardo sul contratto che hai firmato presso l’agenzia

  • Andrea

    Salve, ho un contratto in staff leasing a tempo indeterminato con un’agenzia interinale; mi è stata appena comunicata la sospensione delle mie prestazioni presso l’azienda utilizzatrice.
    So di dover rimanere a disposizione della suddetta agenzia per nuove opportunità di impiego e di percepire un’indennità, ma nel frattempo posso firmare un contratto a chiamata presso un bar?
    La ringrazio anticipatamente

  • sara

    ho un contratto a chiamata e mi succede esattamente quello che dici qui sopra…ovvero lavoro tutti i giorni e a volte non ho il giorno di riposo…per di più non percepisco busta paga…ma il cud si…com’è possibile?il mio contratto è senza obbligo di risposta….

  • tanya

    buon giorno, volevo sapere, se al contratto a chiamata mi spetta il tfr!!il mio contratto è durato da 1 marzo 2010 al 1 marzo 2011!inoltre non ho lavorato negli ultimi 2 mesi d fine contratto (gennaio e febbraio 2001)il mio ex datore di lavoro ha tenuto opportuno non chiamare me ma prendere un’altra ragazza (penso senza contratto) e adesso m ha donato la busta paga di gennaio con la rata addizione regionale di trattenute pari a 2,68 euro senza un soldo (giustamente perchè non ho lavorato), e penso che quando si deciderà a darmi la busta paga di febbraio sarà uguale!ma questi 2,68 euro sono giusti e glieli devo dare?grazie per la risposta

  • Gloriana

    Che lui abbia degli obblighi a chiamarti non ne ho mai sentito parlare, il contratto a chiamata non ti vincola per un’eventuale iscrizione al collocamento…un soggetto resta disoccupato fino al raggiungimento di tot € e se loro non ti chiamano non hai reddito suppongo. Per quanto riguarda la maturazione dei ratei solitamente essi non maturano perchè il contratto a chiamata ha una retribuzione con i ratei già inseriti nella paga oraria.

  • Gloriana

    Sergio, gli assegni familiari vengono erogati in base ai giorni lavorati e se non ti fanno la busta paga cioè non fanno risultare alcuna presenza non te li possono sicuramente dare. Consiglio? Scusa se mi permetto ma quando vedi certe buste come fai a fidarti?Parla con il tuo datore di lavoro e fatti mettere in regola.

  • Irina

    Buongiorno!Ho lavorato quasi 4 mesi con un contratto a chiamata in un ristorante.Il mio dattore di lavoro mi ha lasciato a casa senza spiegazioni.Ho contratto fino il 02.09.2012 e lui nn mi vuole licenziare.Dice se io voglio posso licenziarmi da sola.Ho letto in internet,che lui e obligato chiamarmi una volta al mese prima di 24 ore.Lui mi dice che nn ne obligato fare questo.Alla fine mi trovo con un posto di lavoro,dove nn lavoro!!Posso rivolgermi in un ufficio di collocamento,avendo un lavoro?!E poi dopo di scadenza di contratto sarranno pagati ferii nn maturati e licenziamento? GRAZIE!

  • Sergio

    Ciao, ho un contratto a chiamata da 12/2010, però sono fisso e lavoro 6 gg alla sett ma la mia busta è di circa 400 euro (molto meno di quello che prendo al mese) se nn bastasse questo ho scoperto che l’anno scorso tramite INPS che ho solo 21 settimane di contributi e pure questo anno nn ho nessuna busta, mi sono stato fregare dal datore di lavoro xche mi fidavo e lui mi diceva che era tutto apposto. L’altro problema è che sono diventato padre da 7 mesi e ancora nn ho visto niente dell mio assegno familiare…
    Consigli???
    Grazie
    Sergio

  • Gloriana

    In fase di ispezione non ho mai avuto problemi in merito e i dipendenti non si sono mai posti il problema in quanto lo si spiega prima.

  • carla binci

    sono perplessa nel fatto che ad un contratto a chiamata a tempo indetrminato è possibile applicare la retribuzione tipica dei contratti stagionali…io sapevo che se è vero che lo stagionale viene retribuito in tal modo per via del termine , ma questo giustifica l’applicazione al tempo indeterminato?
    A me risulta che il T.F.R. non può essere corrisposto mensilmente senza la richiesta del lavoratore.

  • Gloriana

    salve Gianni, per prima cosa le chiamate tutti i giorni non sono ammesse, dovevi a quel tempo contestare la tipologia del contratto ora non puoi contestare il fatto che ti chiamino solo nel week se il contratto è stato stipulato in quel modo. Per quanto riguarda la liquidazione dipendente da che tipologia di retribuzione applicano, io ad esempio ai contratti a chiamata applico la retribuzione come se fosse uno stagionale pertanto con il rateo della liquidazione inclusa nella paga oraria.

  • gianni

    salve, ho un contratto a chiamata a tempo indeterminato e nn ho un’altro lavoro … all’inizio mi chiamavano quasi tutti i giorni e l’ho stipendio era decente, ora mi chiamano furse per il week end …guadagno nn + di 200 euro al mese perche’ questi cani preferiscono chiamare i vaucher che costano meno. ma il contratto che ho che diritti mi da e se mi licenzio ho diritto alla liquidazione? grazie

  • Roberto Rollo

    Salve, ho un contratto a chiamata senza obbligo di risposta.Posso essere chiamato solo nei fine settimana e periodi festivi ( estivi-natale-pasquali) o nell’evenienza anche durante la settimana??? E ci sono dei limiti di ore settimanali e giornalieri di lavoro???? O è tutto in base all’esigenza del datore??? Grazie per un eventuale risposta.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Canio, puoi provarci, io non ho alcuna informazione in merito…

  • Canio

    Ciao, a maggio passero’ da un contratto a chiamata a tempo indeterminato senza obbbligo alla chiamata, ad un contratto part-time. Mi spetta la disoccupazione per i mesi fatti con contratto intermittente nel 2012???????

  • Gloriana

    Beh Gina bisogna vedere che retribuzione ti applicano, io in genere su i contratti a chiamata applico la tabella retributiva del lavoro stagionale quindi nella retribuzione sono inclusi tutti i ratei compresa la liquidazione.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Gina, al termine del rapporto di lavoro ti spetterà la liquidazione in proporzione al tempo lavorato così come da CCNL di riferimento.

  • gina

    ho un contratto a chiamata 14ore settimanali..durato 6 mesi…mi spetta la liquidazione???grazie ciao gina..

  • isabella gaggi

    Ragazzi io ho un contratto a chiamata da quest’estate . faccio la stagione ho fatto quella estiva dove lui mi ha detto che mi dava1000 euro invece ha fine stagione mi ha dato 1050 dove facevo più di otto ore al giorno. e poi quest’inverno dove mi spettavano 900 euro al mese e non ho nemmeno lavorato tanto ho fatto solo un mese intero . il problema che io ho letto il contratto ma io non ho la copia a casa e nemmeno la busta paga di quest’estate e di questo inverno ho chiesto la copia ma mi dicono che io ce l’ho . come faccio io non so nemmeno come comportarmi. come posso fare??????????????

  • Rossano

    Ciao ragazzi,chi a un contratto determinato/indeterminato intermittente senza disponibilità,puo normalmente percepire la mobilità o disoccupazione quella che sia,l'inps verra avvisata dal consulente del lavoro dove andrete a lavorare.Meglio,voi andate a lavorare esempio 5 volte al mese,il vostro datore a scadenza di ogni mese informerà il suo ragioniere che fa le buste paghe,e online il consulente manderà l'avviso delle giornate da voi fatte all'inps quindi in automatico toglieranno a voi l'indennita di quei giorni.Kiaro????

  • glauco

    Buongiorno, ho un contratto a chiamata senza obbligo di risposta alla chiamata per i soli fine settimana in un ristorante.Vorrei sapere se ci sono delle ore minime e max per questo contratto (alcune volte faccio 3/4 ore, alcune 5/7 ore).Questo perchè la consulente del mio datore di lavoro sostiene che ad ogni chiamata mi deve segnare 8 ore anche se ne faccio meno perchè, dice che, non si puo' chiamare una persona per farla lavorare meno di 8 ore. A me sembra assurdo questo. Voi che mi dite a proposito????Grazie

  • sara

    ciao mi chiamo sara volevo chiedere mi è stato proposto un contratto a chiamata in un bar ancora nn ho il contratto in mano ma volevo sapere il minimo ke si possa percepire con questo contratto.sono un po in confusione e vorrei capire di più grazie mille…

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Il mio consiglio è di lasciar stare in quanto l'INPS non considera le giornate lavorate ma la durata del contratto che dovrai comunicare tu all'Ente. Puoi chiedere all'evenlatore di lavoro se è possibile pagarti con i voucher, con quelli non avresti problemi fino a 3000 €

  • Monia

    Buonasera.. son una ragazza di 28 anni e attualmente percepisco l'indennità di disoccupazione ogni mese, come se avessi uno stipendio (logicamente non la stessa quantità di denaro!!!). In questi giorni mi è stato proposto un impiego con contratto a chiamata ma senza obblighi (nel senso, se ci sarà lavoro mi chiameranno, altrimenti non mi pagheranno nulla logicamente.) volevo sapere se in caso di mancato lavoro potrò continuare a percepire l'indennità di disoccupazione o solo con la stipulazione di un contratto mi verrà bloccata. E ancora, se lavorerò solo alcune giornate qual'e il limite prima che me la blocchino? Dal momento che lavorerò, spetterà a me informare l'inps? Ringrazio anticipatamente in attesa di delucidazioni. MOnia

  • monica

    SALVE DOPO TRE COTRATTI A CHIAMATA A TEMPO DETERMINATO MI HA FATTO IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO MA SENZA SCRIVERE SUL CONTRATTO LE ORE SETTIMALI CHE PRIMA AVEVO NELLA GIORNATA TI FANNO FARE ANCHE DUE O TRE PAUSE DI MEZZ'ORA è REGOLARE.LA RINGRAZIO MONICA

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Carlo, con il lavoro occasionale non puoi superare le 5000 € nette, per l'IRPEF dovrai effettuare il conguaglio nel 730, quindi indicherai i redditi complessivi e l'IRPEF che hai già pagato in anticipo come dipendente e con ritenuta d'acconto, quindi si farà il conguaglio, che potrebbe essere a credito e a debito. Se stai attento e ti fai due conti non dovrebbe neanche essere difficile renderti conto in anticipo della situazione…

  • Carlo

    Buongiorno, ho un lavoro a tempo indeterminato (40 ore a settimana) e mi è stato proposto un contratto a chiamata per un secondo lavoro che si svolgerebbe la sera e nei fine settimana. Il pagamento sarebbe con ritenuta d'acconto e ovviamente io non ho partita iva essendo gia lavoratore dipendente.
    c'è qualche limite (ore/retribuzione) per il nuovo lavoro? e soprattutto nella dichiarazione dei redditi mi troverò brutte sorprese o gia la ritenuta d'acconto copre tutte le tasse?

    grazie.

  • Mike

    Va bene, ringrazio, domattina chiederò al centro per l'impiego. Io credo però che la mia ex azienda abbia fatto così per evitare di darmi appigli di impugnazione e di dover dimostrare il licenziamento. Questo licenziamento è avvenuto come ritorsione ad una causa che ho intrapreso in precedenza contro l'azienda. Ad ogni modo domani mattina chiederò le dovute informazioni e le farò sapere.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Se non hai impegni domattina ti consiglio di fare un salto al centro per l'impiego e chiedere chiarimenti a loro. Solo così avrai la certezza…

  • Mike

    Dal mio c2 storico risulta solo la cessazione del contratto, dove viene scritta la data di assunzione e il termine.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Mike, è importante sapere il tipo di licenziamento che risulta al Centro per l'Impiego. Altrimenti non posso aiutarti.

  • Mike

    Al centro dell'impiego risulta che il contratto sia cessato ma io sono stato licenziato a voce prima che il contratto scadesse: il tutto per una ritorsione nei miei confronti

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Mike, devi vedere al Centro per l'Impiego che tipo di licenziamento ti hanno fatto… questo perchè può essere che il datore di lavoro potrebbe non chiamarti più fino alla scadenza del contratto e sarebbe tutto regolare..

  • Mike

    Salve, sono sempre Mike, mi sono dimenticato di aggiungere che il mio contratto era a chiamata, a tempo determinato ma senza obbligo di risposta.

  • Mike

    Salve, io sono stato licenziato oralmente e per telefono avendo un contratto a chiamata a tempo determinato. E' possibile impugnare questo licenziamento?
    Saluti

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Puoi firmarlo sicuramente, l'unico vincolo che potresti avere è di non superare le 48 ore settimanali di lavoro. Per il resto visto che non hai l'indennità di disponibilità ritieniti libera di fare ciò che vuoi..

  • marta

    salve, io tra pochi giorni avrò fra le mani un contratto a chiamata a tempo determinato per un anno..mi hanno già dato le date in cui dovrò lavorare e non ho firmato per nessuna indennità di disponibilità..nel frattempo, in giorni che non coincidono, mi è stato proposto un lavoro a tempo determinato; posso firmalo o il contratto a chiamata me lo impedisce?grazie

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Katia, le ore oltre le 8 giornaliere sono straordinario, quelle lavorate domenica e festivi devono essere maggiorate..

  • katia

    salve volevo un chiarimento .. io ho un contratto a chiamata presso una sala giochi…. il mio lavoro viene svolto al sabato e la domenica salvo nei periodi di festa dove hanno bisogno che io lavori qualche ora in piu … volevo sapere se i giorni festivi ( domenica, feste varie) debbano essere pagati con una maggiorazione e se i giorni e le ore in piu lavorate comprendano oltre ai sabato e domenica sono considerati straordinari o no… grazie..

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Francesca solo l'INPS in questi casi potrà darti una risposta precisa e certa. Magari prova a sentirli al numero verde 803164

  • francesca

    salve io o un contratto di lavoro a chiamata senza obbligo di risposta al mase in busta avevo 82 ore sn in maternita volevo sapere se mi spettava visto che ci stano mettendo una vita per darmi una risposta . e il mio contratto scade a luglio dell anno prossimo ..grazie

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Carla, se lavori nei festivi la paga è maggiorata anche con i contratti a chiamata. Ci sono dei dubbi invece per il giorno festivo non lavorato, infatti in rete ho letto che non tutti pensano che si debbano pagare i festivi.

  • carla

    salve
    io lavoro come barista 7giorni su 7 ma vorrei sapere se i giorni festivi quindi parlo del 25 e 31 dicembre a me interessato se si viene pagata il doppia pur avendo il contratto a chiamata???

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    grazie per la puntualizzazione, non l'avevamo ancora capito…

  • lena

    le risposte date mi sembrano un po buttate là ,scusate se ve lo dico .il contratto a chiamata ha gli stessi diritti dei contratti a tempo determinato ,cominciando dalle ferie ai congedi straordinari ai permessi ed alle assenze per malattia.Certamente tutto ripartito per i giorni e le ore lavorate ,ma se il datore di lavoro ti permette di lavorare per l'intero mese e per otto ore al giorno il tuo contratto a chiamata ha a tutti gli effetti gli stessi diritti di un lavoratore con contratto a tempo determinato con le tue stesse mansioni .

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Francesca, credo che nella tua domanda sia già contenuta la risposta… comunque tieni presente che le 7,50 € del CCNL sono lorde e a quelle vanno detratti l'INPS a carico del dipendente e l'IRPEF… per quanto riguarda il licenziamento se il contratto è a termine, sai già la data della scadenza, se è a tempo indeterminato devono darti il preavviso che varia in base al livello di inquadramento, comunque da 15 a 20 giorni

  • francesca

    salve ho un contratto a chiamata e lavoro in un bar …la busta paga risulta che prendo all'ora 7.5euro invece mi paga 5euro all'ora ,lavorando 7giorni su 7 anche 11ore …tutto questo è normale?in busta ovviamente segnano il loro comodo con questo contratto si ha qualcosa?e alla scadenza devono dare il licenziamento o come fuonziona?grazie

  • Piera

    Salve signor Antonio vorrei se è possibile avere un'informazione. Lavoro da circa 3 mesi in un bar e ho un contratto a chiamata a tempo determinato, ma sul contratto non è scritto nulla riguardo una retribuzione ben precisa. In realtà lavoro sei giorni su sette x 8 ore al giorno come un regolare contratto. Sulla busta paga risulta che prendo 7,00 euro all'ora in realtà mi vengono date 3,35 all'ora. Posso fare qualcosa a riguardo?
    La ringrazio anticipatamente, Piera.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Purtroppo all'INPS arriva l'assunzione, non le giornate di lavoro, consultate un buon sindacato prima di fare ulteriori errori..

  • Pietro

    Ciao! Mio padre ha avuto un contratto a chiamata ma ancora non è mai stato "chimato" dall'azienda che l'ha assunto. L'inps ieri gli ha sospeso la mobilità. Può farlo?

  • Corda

    Buon giorno, c'e' un limite massimo di ore settimanali o mensili? Posso avere un dipendente a contratto a chiamata per 8 ore per 5 giorni alla settimana?

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Fabio, nel contratto a chiamata tutte le spettanze retributive e previdenziali sono in proporzione alle giornate lavorate.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Si Bobina, non dovresti avere problemi in base ai dati che mi hai indicato… comunque la risposta definitiva la può dare solo l'INPS dopo che farai la richiesta.

  • Bobina

    Salve due anni fa ho preso la disoccupazione a requisiti ridotti.quest estate ho lavorato per un villaggio turistico per 68 giorni e a dicembre devo lavorare per 11 giorni con contratto a chiamata che parte dal 1 al 30dicembre ma io lavorerò dal 13 al 24. mi spetta la disoccupazione a requisiti ridotti????mi potreste dare prima possibile una risposta?grazieeeeee

  • fabio

    buonansera lavoro come investigatore privato con un contratto a chiamata da circa un anno volevo domandare se i contributi vengono versati regolarmente e se cè un minimo di ore mensili che mi devono garantire grazie

  • ilaria

    ho un contratto a chiamata in un bar, posso licenziarmi in qualsiasi momento? quanti gg di preavviso devo dare?

  • lena

    salve ,lavoro presso uno stabilimento termale con contratto a chiamata da marzo a dicembre e talvolta a gennaio .cosa prevede il mio contratto x quanto riguarda la malattia le ferie e i congedi straordinari per lutti parentali ??possono fermarmi alcuni giorni per permettere ad un'altra persona di lavorare al mio posto??ho diritto di prelazione??

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Purtroppo credo di no, in quanto proprio a causa della malattia il tuo datore di lavoro non ha effettuato la chiamata… è una pratica un po' contorta purtroppo..

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Si Elisa, al lavoratore a chiamata spetta tutto ciò che spetta a un lavoratore con contratto non a chiamata, ma riproporzionato ai giorni lavorati.

  • elisa trescato

    Buongiorno,
    volevo sapere se nel contratto a chiamata la ditta che mi assume versa i contributi ai fini pensionistici, relativi naturalmente al periodo di lavoro.
    Cordiali saluti.

  • umberto

    buonasera,avendo un contratto intermittente a tempo indeterminato senza indennità di chiamata la malattia giustificata con certificato medico viene retribuita .grazie della disponibilità

  • carla binci

    perchè non vai presso la sede di un patronato sindacale? mi sembra strano che ti abbiano detto che non ti spetta la maternità; certamenet il contratto a chiamata è particolare ma non così tanto …

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    ciao Nicola, la cosa migliore è rivolgersi ad un sindacato o ad un avvocato, questa è sicuramente la cosa migliore da fare.

  • nicolas

    Salve, ho firmato un contratto intermittente a tempo indeterminato nel febbraio 2011
    Lavoro sei giorni su sette per 8-9 ore..Nella busta paga risultano pagate solo 2 ore al giorno. Da Agosto scorso non ricevo più nemmeno la busta paga e sono stato licenziato con motivazione di inidoneità. Altri due miei colleghi sono nelle stesse condizioni. Naturalmente siamo certi di non essere assolutamente inidonei, anche perché non ne abbiamo dato motivo.
    Cosa posso fare per far valere i miei diritti? Grazie

  • antonio

    ciao ,quali requisiti minimi ci vogliono per avere la disoccupazione mentre ho un contratto a chiamata a tempo indeterminato,lavoro circa 20 ore al mese.cuoco 5 livello ciao grazie

  • carla binci

    le ferie vengono calcolate ad ore e riproporzionate alle ore lavorate, sarebbe interessante vedere l'elaborazione dela tua busta paga

  • rita

    ho un contratto di lavoro intermittente a tempo determinato, come funziona il calcolo delle ferie? grazie

  • michela

    ciao, io ho un contratto a chiamata e lavoro presso un centro scommesse. mi hanno rinnovato il contratto fino a dicembre, ho scoperto di essere incinta ma so che nn mi aspetta la maternità volevo sapere se potevo fare qualcosa, grazie…. Michela

  • marta

    in questa stagione invernale ho avuto un contatto a chiamata. vale per la disoccupazione ordinaria e quanto? grazie

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ti confermo che il codice esatto è il 167 n so per quale motivo abbiano indicato lo 072, probabilmente un refuso del Consulente o di chi ha scritto il contratto. Tuttavia ritengo che questo non possa essere un elemento di annullabilità del contratto, in quanto quello che conta poi è quello che viene realmente applicato. Magari provi a portare una sua busta paga ad un sindacato; se la paga applicata è giusta allora credo che non ci sia niente da fare… o meglio, io mi informerei meglio sul contratto "extra"!! ;)

  • Antonio

    Salve signor antonio risulto impiegato in un'azienda alberghiera con tipologia lavorativa di extra o surroga.Sulla busta paga risulto lavorare con un codice contratto che riporta questa dicitura"072 aziende alberghiere"ora controllando i codici contratti dal sito dell'inps tale codice è associato a:" C.c.n.l. per i dipendenti da aziende esercenti servizi radio-televisivi, con attività di produzione, edizione emessa in onda, distribuzione e
    commercializzazione dei programmi".

    Ora io operando nel settore alberghiero come cameriere di sala dovrei avere comea codice il 167.
    Cosa comporta quest'errata dicitura del codice contratto?Una retribuzione diversa?é perseguibile penalmente?

    Grazoe

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    paga sicuramente i contibuti per la pensione, ma in proporzione alle giornate lavorate

  • Roberto

    salve ho un contratto a chiamata a tempo indeterminato volevo sapere se l'azienda paga all'inps i "punti" per la pensione
    grazie

  • https://www.facebook.com/massima.dipaolo Massima Di Paolo

    spetta ma a patto che si raggiungano i requisiti minimi previsti dall'Inps

  • elisabetta

    con il contratto a tempo indeterminato a chiamata spetta la disoccupazione?

  • cinzia

    che retribuzione è prevista per un contratto di lavoro intermittente a tempo determinato con mansioni di cameriera ai piani

  • http://www.facebook.com/antonio.maroscia Antonio Maroscia

    7,56 lordi circa a ora, a cui vanno tolti il 9.19% di INPS a carico dipendente e l'IRPEF. Vanno aggiunti invece ferie, ROL, 13a, 14a e TFR che maturano in base al lavoro prestato.

  • daniela

    che retribuzione è prevista per un contratto di lavoro intermittente a tempo determinato con mansioni di barista 5 livello?

  • ina

    ciao , si come io celio il mio contrato a chemata dopo un mese sono stata licenziata voglevo sapere con questo conttrato poso fare da desocupazione e anche si mi-a licenziato lui il licenziamento mi lo devono pagare o no' grazie

  • lucia

    :) c'è una banca dati per iscriversi?

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    se non hai l'obbligo di disponibilità mi sembra evidente che non ti possa obbligare proprio a nulla, tuttalpiù non ti pagherà le ferie se non le hai maturate…

  • danila

    il mio datore di lavoro mi ha fatto il contratto a chiamata dal mese di settembre 2010,adesso io vorrei andare in vacanza 2 settimane in agosto e lui vorrebbe che io ne facessi una sola,preciso che il mio non è un cotratto che comporta la mia disponibilità piena e non percespisco nessuna somma di denaro se non quella stabilita per le prestazioni effettuate,e il contratto non sottoscrive nessun obbligo da parte mia ad accettare le chiamate del mio datore di lavoro.vorrei sapere se non accettando la sua proposta potrei avere problemi o risarcire quacosa a lui!!grazie.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    ciao Cristina, l'unica cosa da fare è intentare una vertenza sindacale all'azienda. Ci sarà per prima cosa un tentativo di conciliazione, successivamente un processo, solo in questo modo puoi far vale re le tue sacrosante ragioni..

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Certo Patrizio, hai diritto a tutto, ma proporzionalmente alle giornate lavorate..

  • cristina

    quando ho cominciato un contratto a chiamata e percepivo già la disoccupazione, per alcuni mesi mi sono stati pagati i giorni che non lavoravo, per cui chiedi all'inps, ma ti toglieranno solo quel giorno e poi continuerai a prendere l'indennità fino ad esaurimento….

  • cristina

    sono nella stessa situazione di stefano, mi dichiarano 18 ore al mese, mentre lavoro la bellezza di 37-38 ore a settimana, come posso dimostrare questa cosa??? noi compiliamo un'agenda con le ore fatte giornalmente, ma ha valore??? i soldi li danno in contanti, non ho nulla in mano….grazie

  • patrizio

    buongiono, sono Patrizio ho un contratto intermittente, a tempo determinato vorrei sapere se ho diritto alle ferie, alla tredicesima,alla quattordicesima,e vorrei sapere se ho diritto alla buonuscita alla fine del rapporto di lavoro. vi ringrazio per la cortese attenzione.

  • Pietro

    Ciao a tutti , vorrei un informazione riguardo ai doveri che il Datore di Lavoro ha nei confronti del lavoratore a contratto intermittente.
    Dal momento che si è verificata la chiamata e il lavoratore si presenta sul luogo di lavoro, il Datore di lavoro può permettersi di non farlo lavorare se non è più necessaria la sua prestazione? O dal momento che il lavoratore è stato chiamato e si è presentato sul luogo di lavoro, il Datore di lavoro ha il dovere di fargli esercitare la prestazione oppure dargli una qualche forma di risarcimento?

    Grazie mille, Pietro

  • Carla_b

    ricordati che dovresti comunicare al tuo secondo datore di lavoro l'esistenza del primo part-time.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Visto che uno dei due lavori è a chiamata non dovresti avere problemi, la regola sarebbe comunque di non superare le 48 ore settimanali..

  • julian stiles

    salve.. ho il contratto a chiamta indeterminato, mi danno 20-25 ore sett.. ma posso anche avere un altro lavoro part time (20 ore sett) ? posso accetarlo? se supero 40 ore lavorativo sett mi faccio la multa?

  • Carla_b

    tieni presente che pur essendo formalmente un contratto a chiamata devono pagarti per le ore effettivamente lavorate e indicare il tutto in busta paga; in questo caso alla fine del contratto avrai le prove a tuo favore.
    oppure ti sei accordato per essere pagato "in nero"?
    se è così tsarà tutto a tuo carico l'onere di dimostrare che il contratto era a tempo pieno.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Cosa puoi fare? Non puoi certo obbligare in anticipo il titolare a farti un contratto regolare… al massimo potresti impugnarlo successivamente e dimostrare che non era un contratto a chiamata ma un normale contratto a tempo pieno!

  • stefano

    salve,avrei bisogno di un'informazione…. sono stato assunto come chef di cucina in un ristorante, dove mi vogliono fare un contratto a chiamata,ovviamente però lavoro tutti i giorni dalla mattina alla sera,possono farlo?? da tener conto che anche tutti gli altri dipendenti hanno contratto a chiamata…. nessuno ha un contratto stabile. cosa devo fare?'
    vi ringrazio infinitamente delle risposte e dei consigli
    Stefano

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Francesco, a questo punto sarà l'INPS a decidere, credo che non dovresti avere problemi, ma a questo punto valuta bene se ti conviene perdere l'indennità per un giorno di lavoro, a meno che non stia quasi per finire. Ti conviene sempre chiedere all'INPS prima di fare cose sbagliate.

  • Francesco

    Salve, avrei bisogno di un'informazione.
    Attualmente mi trovo in disoccupazione ordinaria che sto riscuotendo mensilmente, nel mese di aprile ho firmato un contratto a chiamata e avendo lavorato soltanto un giorno e non potendo lavorarne di più per questo mese, vorrei sapere se ho sempre diritto a riscuotere la disoccupazione, grazie mille!

  • caterpilla

    Buongiorno a tutti, in realtà ogni CCNL prevede un periodo di preavviso correlato all'anzianità e al livello e dato che il contratto a chiamata deve essere disciplinato dal CCNL di riferimento (menzionato nella lettera di assunzione) basterà consultare quest'ultimo.

  • Michela

    Ciao, sto attualmente percependo la disoccupazione ordinaria ( dal 13 gennaio). Sottoscrivendo un contratto a chiamata a tempo indeterminato alla scadenza potrò comunque ripresentare domanda di disoccupazione? Se si vi é la possibilità che mi venga data ridotta?

  • ilaria

    ciao, avrei bisogno di un'informazione. Sono una studentessa di 22 anni, nel week end lavoro come commessa e vorrebbero farmi un contratto a chiamata. Io però nn capisco niente di queste cose. Come funzione??
    Ed essendo io a carico dei miei genitori, con la dichiarazione dei redditi come devo muovermi? spiegatemi ualcosa per favore.

    Ilaria

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Dovresti avere il preavviso nel contratto che hai firmato, comunque essendo il tuo un contratto molto particolare io ti consiglio di dare un preavviso di una settimana, al massimo possono farti qualche trattenuta sull'ultima busta paga.

  • maurizio

    Ciao!
    Potete darmi un'informazione?Mi hanno fatto un contratto a chiamata o "intermittenza" con inizio il 01-03-2011 e fine il 31-12-2011…La domanda è posso licenziarmi in qualsiasi momento con preavvisso e se si a quali conseguenze vado incontro?Grazie in anticipo per l'aiuto….

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    NOn mi sono mai posto questo problema. Da un punto di vista tecnico si, ma credo che a questo punto il lavoratore potrebbe sempre impugnare il contratto e tentare di dimostrare che effettivamente non c'è stata discontinuità.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Credo proprio di no, proprio perchè è sproporzionata la clausola.

  • francesco

    E' possibile usare il contratto a chiamata per coprire i vuoti lasciati tra un contratto a termine e un altro contratto a termine?
    (i 10-20 girni di intervallo previsti cioè dalla legge).

  • federica

    Ma se nel contratto è scritto esplicitamente che il preavviso è di 30 gg. anche se hai lavorato un giorno altrimenti devi pagare 3.000,00, uò essere legale una cosa del genere?

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Se la tua azienda ha meno di 15 dipendenti il datore di lavoro può licenziarti per giusta causa (es. prolungate assenze ingiustificate, grave insubordinazione) o giustificato motivo (es. riduzione di personale). Il lavoratore comunque può impugnare il licenziamento tramite vertenza (con sindacato o avvocato) se lo ritiene ingiusto.

  • mauro

    salve,vorrei sapere se con un contratto a chiamata a tempo indeterminato il datore di lavoro può licenziarmi in un qualsiasi momento? grzie

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Carmen, se hai un contratto privato l'importante è che la nuova collaborazione non sia in concorrenza con l'attuale. Se invece è pubblico devi fare richiesta al tuo dirigente. Comunque tieni presente che corri il rischio di dover ritirare fuori tutto il guadagno extra in tasse in fase di dichiarazione dei redditi…

  • carmen

    buongiorno ho un lavoro a tempo indeterminato di 40 ore settimanali se volessi guadagnare qualche soldino extra potrei accettare un contratto di collaborazione ?

    grazie mille,

    carmen

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Giorgio, dipende dalle chiamate. Comunque ti consiglio di fare domanda, chiedi il dl86/88 bis e se raggiungi le giornate allora puoi fare domanda.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Si, perderesti temporaneamente l'indennità, ma non l'iscrizione, in quanto per perdere l'iscrizione dovresti essere assunto a tempo pieno e indeterminato, mentre il contratto a chiamata è una forma di contratto a tempo parziale. Comunque ti consiglio di farti seguire o comunque aiutare da un sindacato per non rischiare di fare scelte avventate…

  • giorgio

    Ciao!
    Vorrei sapere se o dirito alla disoccupazione con il contrato a chiamata determinato(7messi)? Grazie per le risposte

  • geco

    ho 52 anni e sono iscrito alle liste di mobilità da circa 5 mesi e ne percepisco l' indennità. mi hanno proposto un contratto a chiamata a tempo indeterminato, senza specificarmi altro.quello che vorrei sapere è come funziona il tutto, cioè se dovessi accettare questo tipo di contratto verrei a perdere la mobilità e l' indennità di essa. se qualcuno è in grado di darmi delle risposte ne sarei lieto, grazie un saluto.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Lily, se la chiamata avviene nei termine e tu non sei disponibile allora credo che dovrai considerarlo un giorno di permesso o di ferie…

  • esther acuna salazar

    salve ho un contratto a tempo indeterminato a 24 ore e un altro firmaro da poco , a chiamata… vorrei capire se posso fare le ore che voglio col secomdo contratto? o se ne andranno tutte in tasse… im piu’ con il 730 come funziona? esiste un tetto massimo di ore?

  • lily

    salve vorrei sapere se durate un lavoro a chiamata si sta a casa un giorno si deve chiedere permesso scritto o si sta a casa e basta (il lavoro e' senza obbligo di disponibilita')?

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    E' riconosciuta come a tutti i lavoratori, quello che varia è l'importo. Comunque la cosa migliore da fare in questi casi è farsi seguire da un patronato.

  • francesca

    vorrei sapere se nel contratto a chiamata è riconosciuta la maternità, vi ringrazio

  • lucia

    salve mi chiamo Lucia ho 25 anni e sono stata assunta con contratto a chiamata a tempo indeterminato.Volevo sapere:in caso di maternità che diritti ho?lavoro solo poche ore a settimana (15 ore per l esattezza)…se ho diritto alla maternità in che modo viene calcolata?e poi volevo sapere,avendo compiuto 25 anni questo contratto va bene così o deve essere cambiato in qualche modo.Vi ringrazio anticipatamente per la vostra disponibilità e auguro a tutti una buona giornata e un "in bocca al lupo"nella speranza di avere un contratto migliore.ciaoooooo

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Chiara, in teoria si. Comunque devo documentarmi meglio anch'io perchè anche mia moglie è nella stessa situazione… magari puoi provare a fare una telefonata al numero verde INPS 803164, poi tienici aggiornati!

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Arianna, dovresti chiedere all'avvocato..

  • kiara

    Ciao!
    Tutti gli anni svolgo un lavoro stagionale con contratto a chiamata presso la stessa azienda, che va dal 1 aprile al 31 ottobre.
    A metà stagione vorrei andare in maternità (sapendo che viene calcolata in base alle ultime 2 settimane lavorate)
    Vorrei sapere se il periodo di maternità durante il contratto di lavoro vale per il calcolo delle 52 settimane, in modo da poter chiedere la disoccupazione ordinaria nel periodo invernale una volta scaduta l'indennità di maternità.
    Spero di essere stata chiara.
    Grazie!

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Fregature ce ne sono molte, ma la legge prevede che per quella specifica figura è possibile fare il contratto a chiamata, te lo dico per esperienza personale. Comunque tutto quello che devi sapere su questo contratto lo trovi scritto nell'articolo qui sopra.

  • Consulente

    Ciao, il lavoro a chiamata puo essere stipulato:
    - senza limitazioni per sogg con meno di 25 o piu di 45 anni
    - con tutti (quindi anche con sogg tra 26 e 45)in particolari periodi dell'anno: vacanze pasquali,natalizie,stagione estiva e nei week end
    -esiste un decreto (regio decreto) che identifica mansioni per natura discontinua e che quindi non sottostanno alle limitazioni sopra

  • arianna

    Buongiorno,essendo separata e percependo l'assegno di alimenti, se firmo un contratto a chiamata chiaramente il reddito si somma al mio assegno cosi di fatto riducendolo?

  • michelle

    ciao, sono una ragazza di 33 anni e mi hanno appena proposto di lavorare in un hotel con contratto a chiamata.Non ho mai avuto un simile contratto e vorei sappere se mi possono fare un contratto del genere, visto che legevo prima che lo possono fare solo a chi ha meno di 25 e più di 45 anni.E poi, oltre al vincolo di essere sempre disponibile, c'è qualche fregatura, tipo stipendio più basso rispetto ad un stagionale normale?

  • NICO

    se in un contratto a intermittenza valido dal 9/10/2010 AL 15/10/2010 ho lavorato solo un giorno perdo la disoccupazione? nico

  • NIKO

    si puoi lavorare ma nn devi superare 5 giorni consecutivi di lavoro.

  • rosanna

    rivolgo un'ulteriore domanda per quanto riguarda mio figlio che lavora da dieci anni presso una ditta nella quale, come tecnico informatico, ha dato la reperibilita' il sabato e la domenica senza percepirne l'indennita'.Ora, dopo che mio figlio non ha risposto ad una chiamata, il titolare della ditta ha concesso di corrispondere una indennita' di chiamata a fine mese. Quanto potrebbe chiedere di indennita' considerando che questa riguarda dalle ore 8 alle ore 24(praticamente per 16 ore) ?

  • rosanna

    innanzi tutto ringrazio per le risposte che ho avuto dal sig.Antonio Maroscia ed altri. Vista la gentilezza porgo un'altra domanda:
    Nel contratto di lavoro a intermittenza viene corrisposta dall'inps l'indennita' di malattia, nel caso in cui in rapporto di lavoro a chiamata era stato prorogato anche per la settimanna sucessiva, ma per malattia di tre giorni e' stato interrotto?

  • marta alessandrin

    salve Laura. ci sono dei settori in il contratto è previsto senza limiti di età

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Si Giulia, sono d'accordo, ma la clausola dev'essere inserita nel contratto e comunque si fa riferimento al CCNL, ma visto che si tratta di un contratto a chiamata, che difficilmente è regolato dal CCNL… e comunque anche volendo prendere il preavviso ordinario va comunque rapportato alle giornate effettivamente lavorate, quindi si riduce a un minimo di preavviso.

  • giulia

    no assolutamente no. Può esserci una clausula con un minimo di preavviso che deve dare nel caso non fosse più disponibile.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    E' un classico esempio di elusione della legge, potresti accettare questo nuovo contratto, ma sappi che la contribuzione è molto diversa. Successivamente però potresti provare a fare una vertenza…. come a dire cca nisciun è fess!

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Rosanna, può tranquillamente dare le dimissioni in qualsiasi momento senza penali se da almeno un minimo di preavviso.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Carmen, tutte le spettanze sono dovute in proporzione alle giornate lavorate, se lui non vuole saperne rivolgiti ad un patronato e vedrai che la sua posizione si addolcirà!

  • luca

    Buongiorno, lavoro come portiere in un hotel. Al momento sono sotto contratto determinato in scadenza tra 1 mese ed ora mi hanno proposto 1 contratto a chiamata. Il problema e' che la chiamata ,comedicono loro , e' fittizia, in quanto mi e'stata fatta la promessa che avrei continuato a lavorare le miei 40 ore settimanali classiche(pero' perdendo i avri benefits di un contratto tradizionale)..solo che con un contratto a chiamata. E'possibile sostituire, a termini di legge, un contratto a tempo determinato con 1 a chiamata..mantendendo gli orari immutati?

  • ROSANNA

    MIA FIGLIA DEVE FIRMARE UN CONTRATTO DI LAVORO A CHIAMATA A TEMPO DETERMINATO CHE VA DAL 13/01/2011 AL 30 GIUGNO 2011. PRIMA DI FARLA FIRMARE VORREI CHIERE UNA INFORMAZIONE: SE LEI NEL FRATTEMPO TROVA UN'ALTRO TIPO DI LAVORO, MAGARI CONTINUATIVO, PER DARE DISDETTA DI TALE CONTRATTO A CHIAMATA E' COSTRETTO A PAGARE UNA PENALE? E DI QUANTO PIU' O MENO?( LA PAGA LORDA E' DI EURO 7,18618) SELA PAGA LORDA E' DI QUESTO IMPORTO COSA DOVREBBE PERCEPIRE IN REALTA? SE E' NECESSARIO MANDO COPIA CONTRATTO. GRAZIE

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Laura, purtroppo non è così, dipende se il contratto a chiamata prevede o meno l'indennità di disponibilità.

  • Carmen

    Salve, il 31 dicembre mi è scaduto un contratto intermittente. Le ferie e i permessi non goduti devono essere rimborsati come in un qualsiasi contratto scaduto? Nel caso non vengano conteggiati cosa bisogna fare (il mio datore non è infatti nell'avviso di pagarli…). Grazie per la risposta.

  • Laura

    Buongiorno, se il contratto a chiamata è equiparato al lavoro subordinato e quindi si segue la normativa del CCNL anche la malattia dovrebbe essere prevista, o no? non capisco che significhi la malattia dovrebbe andare in proporzione? e neanche che significhi quante giornate devono essere pagate per la malattia? Grazie. Laura.

  • Giuseppe

    grazie mille

  • marina

    salve sono una ragazza di 29 anni e da piu meno un anno lavoro presso un ristorante con un contratto a chiamata 20 ore sett. , solo vorrei sapere se ho diritto a chiedere la domanda di requisiti ridotti ????

  • debora

    salve sono una ragazza di 27 anni di cui quasi 10 passati dietro un bancone del bar. circa un anno fa mi hanno cambiato il contratto da 6 ore al giorno a 4 cioè part-time, ora vogliono ricambiarmi il contratto da part-time indeterminato a chiamata, mi sono un po informata e ho capito che è una grandissima fregatura e voi che ne pensate? come mi devo comportare? grazie mille

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Anna, hai l'indennità di disponibilità o no? Con questo tipo di contratto si ha diritto a tali prestazioni ma l'indennità ma ci sono delle regole da seguire.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Giuseppe, quello che vedi on-line è quello che vedono anche gli addetti dell'INPS che accettano o rigettano le domande… comunque puoi anche fare un salto da loro per chiarire la faccenda oppure puoi chiamare il numero verde INPS 803164

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Luca, è un classico contratto per raggirare la legge… anch'io farei come hai detto tu, però valuta anche l'ipotesi di trovare un datore di lavoro più onesto…

  • anna

    ciao sono anna, ho un contratto a chiamata a tempo indeterminato volevo sapere se ho diritto a malattia, maternita' e cose simili. vi ringrazio anticipatamente ciao

  • Giuseppe

    Salve, sono un ragazzo che ha lavorato come cameriere nel sabato degli ultimi anni. Sono stato licenziato il 31/12/2010, avevo un contratto intermittente (il contratto a chiamata) a tempo indeterminato, SENZA obbligo di risposta alla chiamata. Pensavo di aver raggiunto i requisiti per ottenere la disoccupazione ordinaria con i requisiti normali (per la ridotta non riesco a raggiungere i 78 giorni nell’anno 2010), rassicurato anche dal personale del centro impiego in qui ho fatto la dichiarazione attestante la disoccupazione.
    In quanto dal sito INPS ho e abbiamo verificato di avere 32 settimane retribuite nell’anno 2009 e 28 settimane nel 2010 (fino a settembre 2010), quindi in totale 60 settimane (32+28=60) che mi permettevano di stare tranquillo nel superamento delle fatidiche 52 settimane. Ma nella compilazione della domanda di disoccupazione on-line (attraverso il sito Inps) mi è stata mostrata una tabella che oltre a mostrare i dati prima citati(32 e 28 settimane), mi riferiva che nel periodo 2009 le settimane utili per la disoccupazione erano non 32 ma solo 14, stessa cosa per il 2010 dove da 28 si passava 10! Facendomi allontanare dalle 52 settimane. Com’è possibile questa differenza? E’ dovuto al tipo di contratto che non permette di computare le settimane retribuite in modo uguale alle settimane necessaria alla disoccupazione? Se si qualcuno sa dirmi come è fatto il calcolo delle settimane di disoccupazione x il mio contratto? Oppure può essere solo un errore del sito INPS e mi conviene comunque tentare la domanda? grazie mille

  • luca

    Buongiorno, lavoro come portiere in un hotel. Ho avuto in primis 1 contratto a tempo determinato di 7 mesi corredtao da motivazione :avvio servizio di portineria; un secondo contratto a tempo determinato con la motivazione:"..legato all'attivita' dell'azienda.." ed ora mi hanno proposto 1 contratto a chiamata. Il problema e' che la chimata ,comedicono loro , e' fittzia, in quanto mi e'stata fatta la promessa che avrei continuato a lavorare le miei 40 ore settimanali classiche..solo che con un contratto a chiamata. Secondo me cio' non e' affatto legale,,, ma sto pensando comunque di accettare il contratto e, dopo aver dimostrato che le mie ore di lavoro non sono cambiate e che svolgo sempre lo stesso lavoro di prima, ricorrere con un avvocato.. cosa ne pensa? La ringrazio! Luca

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Gabriela, puoi avere semplicemente una proroga del contratto. La liquidazione ti spetta ma è proporzionale alle giornate lavorate.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Bruna, credo proprio che non esista nulla per il tuo caso, comunque hai provato a rivolgerti ad un patronato? Loro sono molto esperti in materia e saprebbero consigliarti al meglio. Ciao e in bocca al lupo ;-)

  • gabriela

    Salve, io ho un contratto a chiamata a tempo determinato che è durato da maggio fino a ottobre 2010, è stato poi prolungato fino al 31 dicembre 2010. Ho chiesto al mio datore di lavoro di prolungarlo per altri giorni visto che il ristorante dove lavoro resterà aperto fino al 10 gennaio 2011 quindi vorrei sapere se era possibile ottenere un contratto simile che mi copra per questi pochi giorni. Inoltre per motivi di studio non vorrei più lavorare, in questo caso mi è possibile percepire la liquidazione visto che ho avuto lo stesso contratto con più o meno gli stessi tempi per due anni?
    Vi ringrazio della disponibilità.

  • bruna

    Salve,
    ho un contratto a chiamata a tempo indeterminato dal 2007, purtroppo le ore mensili che solitamente faccio sono 25 per uno stipendio misero di 250 euro.
    Volevo sapere se ho diritto a chiedere un sussidio statale(disoccupazione,bonus, una tantum ecc) come integrazione al mio misero stipendio. Grazie

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    L'indennità non viene versata per quei 5 giorni in cui lavori effettivamente, comunque è sempre bene chiedere direttamente all'INPS per non rischiare…

  • franco

    Salve, mi hanno proposto un contratto a chiamata di 9 giorni nel periodo natalizio, attualmente percepisco la disoccupazione ordinaria ho letto varie risposte in merito, ma nessuna esaustiva al mio caso.
    la disoccupazione viene sospesa anche se in questi 9 giorni ne lavoro solo effettivamente 5 ? senza percepire l'indennita' di chiamata.
    ringrazio anticipatamente . franco

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Susanna, tranne che per alcune categorie il tetto massimo di ore di lavoro settimanali è 40. Secondo me non dovresti avere problemi, tranne che per la dichiarazione dei redditi, però forse potresti parlarne col tuo datore di lavoro…

  • susanna

    Buongiorno, avrei bisogno di un chiarimento.
    Io ho un lavoro a tempo indeterminato come impiegata full time (40 ore settimanali). Posso avere un altro lavoro a chiamata per 3 ore settimanali (il sabato) come commessa?
    Susanna

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Secondo me devi andare in fondo alla questione…

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Lisa dipende dalla durata del contratto e dal reddito, lo stato di disoccupazione si sospende… ma non devi superare il limite temporale degli 8 mesi in un anno e 8.000 euro di reddito.

  • Stefania

    si, ho chiesto per quanto riguardava la busta paga… "é dal commercialista", mi ha risposto… solo che… non ne ho mai vista una dal mese di luglio!!!!

  • lisa

    buongiorno vorrei capire se un contratto a chiamata mi fa risultare "lavoratore", o mantiene il mio "stato di disoccupazione" presso il centro per l'impiego. grazie

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Stefania, se non hai firmato niente e non hai ricevuto buste paga, probabilmente il tuo datore di lavoro non ti ha regolarizzato. Di conseguenza non hai bisogno di preavviso per andartene, ma non hai neanche diritto alla liquidazione. Ma hai provato a chiederglielo?

  • Stefania

    Buongiorno a tutti! Vorrei solo avere un'informazione. Io lavoro dal mese di luglio presso un bar, con un contratto a chiamata. Il problema è che mi hanno solamente chiesto il documento d'identità per "mettermi a posto". Io non ho mai assolutamente firmato nessun foglio, nè tanto meno ne ho visto uno. Per di più dal mese di luglio non ho mai ricevuto una busta paga. Vorrei sapere fino a che punto sono in regola e non in nero. E come devo agire per licenziarmi (se dare un preavviso o no) e sapere se mi spetterebbe un minimo di liquidazione etc.
    Grazie a tutti per l'interesse.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Federica, prova a chiamare questo numero 803.164 oppure rivolgiti ad un patronato. E' difficile risponderti senza conoscere tutta la tua situazione.

  • federica

    ciao io ho lavorato con contratto intermittente per 3 anni, dopo di che non mi è stato rinnovato perchè ho raggiunto i 25 anni di età…volevo capire se adesso mi spetta l'indennità di disoccupazione ordinaria o una tantum. non riesco a capire leggendo sul sito dell'inps se rientro nella categoria dei lavoratori dipendenti o somministrati…grazie in anticipo!

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Il contratto a chiamata ha gli stessi diritti di un qualsiasi contratto per quanto riguarda maturazione ferie, permessi, 13a, 14a e TFR… dovrai trovarli in busta paga.

  • Elisa

    Salve iolavoro con il contratto a chiamata a tempo indeterminato con obbligo alla risposta.percepisco 5.80 € al ora lavoro tutti giorni circa 6ore.Compreso sabbato e domenica.Quali sono i miei diritti?Mi spetta la 13-ma,vacanze?Posso avere agevolazioni o pure il contratto non vale niente?

  • Laura

    Salve, volevo sapere se ho capito bene che non si possono mettere a contratto a chiamata persone di età superiore a 25 anni.
    Potrei far lavorare saltuariamente, con questo contratto, una ragazza disoccupata di 26 anni ma non posso permettermi di assumerla in nessun altro modo.
    Grazie a chi mi potrà dare una risposta.
    Saluti.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Il preavviso in realtà non sarebbe obbligatorio, a meno che è previsto dal contratto, però mi sembra una richiesta lecita… dopotutto a te non cambia nulla.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Giuseppe, la questione è che il datore di lavoro del contratto a termine, dovrebbe essere avvisato, in quanto cambierebbe la gestione dei riposi… prova a parlarne con lui o con il suo consulente del lavoro.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Carlotta, è abbastanza complicata come situazione, perchè un datore di lavoro non può rifiutarsi di far lavorare una persona perchè disabile, altrimenti sarebbe discriminazione, però essendo un lavoro a chiamata, il datore non è neanche obbligato a fare la chiamata se non ne ha bisogno…

  • patrizia

    Buon giorno,io ho un contratto a chimata a tempo determinato da circa 1 anno scaduto a novembre di quest'anno e prorogato fino ad agosto 2011, ho trovato un'altro lavoro e ho informato la mia titolare la quale mi ha obbligato a fare immediatamente la lettera di dimissioni e mi ha detto che avrei dovuto rinunciare al preavviso di 30 giorni…premetto che io sono stata assunata come operatrice coll center livello L3. La mia domanda è: ero obbligata a consegnare la lettera di dimissioni subito? e il preavviso da dare è davvero di 30 giorni dato che il contratto è a chiamata e senza indennità di chiamata?

  • giuseppe

    ciao a tutti
    ho un contratto a chiamata senza obbligo di disponibilità a tempo indeterminato presso una sala ricevimenti.
    ora ho la possibilità di lavorare per un'altra azienda(di altro settore) che mi farebbe un contratto a tempo PIENO, DETERMINATO, per un totale di 45 ore lavorative settimanali.
    devo obbligatoriamente recedere dal primo contratto(job on call) o i due contratti possono coesistere?
    anche perchè non disdegnerei andare a fare qualche extra in sala qualche volta(sempre con il primo contratto)
    grazie anticipatamante

  • carlotta

    Salve a tutti, ho un quesito da porre. Se un lavoratore diventa disabile durante il rapporto e non può più essere reintegrato nell'azienda del suo maggiore datore di lavoro(che possiamo chiamare A), ma continua a svolgere il suo "secondo" lavoro stipulato con contratto intermittente che lo impegna una volta a settimana, può il datore di lavoro(del job-on-call) rifiutarsi di chiamarlo proprio perchè diventato disabile per A?Grazie mille e arrivederci.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Sara, c'è già stata una discussione simile su questo blog, io ti consiglio di accettarlo anche se qualcuno potrebbe obbiettare che superi le 40 ore… però il contratto a chiamata non è vincolante in quanto appunto puoi essere chiamata o meno.

  • Sara

    Buongiorno, ho un lavoro a chiamata della durata di un anno, posso accettare un lavoro fulltme di de mesi e mezzo e tenermi tutti e due oppure no? a me hanno detto che posso avere un altro lavoro di massimo 20ore, è vero? Se io quel periodo non lavoro nel posto del contratto a chiamata non supero le 40 ore ettimanali quindi perchè non potrei tenerlo???

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Monica, non credo possa farlo, tu comunque puoi fare sempre riferimento al tuo dirigente o all'ufficio del personale.

  • monica

    buongiorno. vorrei sapere se un caposala puo' obbligarti a recuperare una pronta disponibilita' che la sottoscritta non ha potuto svolgere perche' assente per malattia. !

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Paolo, il contratto intermittente non può essere usato per eludere la legge sul contratto a termine, cioè non è che faccio un contratto a chiamata e poi le chiamate sono tutti i giorni addirittura saltando anche i riposi….

  • Paolo

    Gradirei avere una risposta ,sul fatto che sia applicabile o meno il contratto a chiamata a carattere intermittente ad un lavoro di vigilanza e antincendio per un periodo di 9 mesi all'anno in modo continuativo e con una media giornaliera di 10 ore lavorative compresi sabati e domeniche, senza quindi un solo riposo,poi è giusto per un livello C1 avere una paga oraria di € 4,99 lorde?? Grazie per una risposta.

  • apprendista!!

    Buongiorno, sono una ragazza di 20anni. ho avuto un regolare contratto di 3 anni appredistato, alla fine del quale mi è stato proposto un contratto a chiamata e7o prestazione occasionale :/ ho cercato informazioni. sono andata ai sindacati i quali dicono
    1 dopo un contratto apprendistato mi spetta un altro tipo di contratto non a chiamata e/o a prestazioen occasionale
    2 che non cè malattia, ferie, infortun o, insomma niente.
    sono andata a parlare con il direttore del locale.. che dice di nn centrare e che è l'amministrazione che decide i contratti ( in parte assurdo ma va beh) parlo in amministrazione e sostengono che la malattia ci sia… io ho insistito dicendo die ssermi informata sul fatto che la malattia nn ci sia e che mi spetta un contratto a tempo determinato che nn sia a chiamata. ma ora mi domando, la malattia cè o non cè nel contratto a chiamata?? cosa mi cambierebbe a livello di contributi ferie permessi amalttia e infortunio facendone uno a chiamata? grazie..

  • Franco P

    cia a tutti ,io sono stato assunto ,dopo 15 giorni di prova non rettribuite, con un contrattoa tempo indeterminato a intermittenza il12 giugno scorso ma il contratto scritto e da me firmato mi è stato sottoposto il 25 luglio sul posto di lavoro ,per cui non ho fatto caso a quel che firmavo fidandomi della serieta' della persona,la parola intermittenza per me era arabo,ho chiesto spiegazione al datore di lavoro su detto contratto e soprattiutto se aveva comunicato la mia assunzione agli organi competenti ,inps e inail ,per ilsemplice fatto che io ero sotto disoccupazione ,per tutta risposta mi ha licenziato verbalmente dicendomi che non aveva piu' bisogno della mia prestazione invitandomi ad andare dsl suo commercialista a licenziarmi,cosa che ovviamente io non ho fatto ,in pratica a oggi sono ancora suo dipendente non avendomi il datore rilasciato nessuna lettera di licenziamento per giusta causa e non posso mettermi sotto disoccupazione ,ora mi domando si puo' essere licenziati verbalmente?Io ho bisogno di quella lettera di licenziamento per la disoccupazione e per trovarmi un altro lavoro ,ma questo disonesto nonostante le raccomandate che ho fatto anche tramite sindacato fa orecchie da mercante,,,
    Sarei grato se qualcuno mi poresse dare una qualche risposta o suggerimenti su come possi fare per far valere i miei diritti GRAZIE
    Franco P.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Gabriela, il tuo contratto a chiamata prevede l'indennità di disponibilità? Se si hai diritto alla malattia, altrimenti credo proprio di no…

  • gabriela

    ciao, ho un lavoro a chiamata a tempo indeterminato. adesso sono in malattia per 2 settimana ma il mio dattore di lavore mi ha detto che non vengo pagata per malattia e non ho neanche le ferie, sul contratto c'è scrito che in teoria mi pagano le malatti e le ferie.. cosa posso fare??
    grazie

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Maruska, dipende da un paio di fattori… il tuo contratto a chiamata prevede l'indennità di disponibilità? Hai presentato un certificato di malattia al datore di lavoro e all'INPS?

  • Maruska

    Ciao ho un lavoro con un contratto a chiamata a tempo indeterminato, ma per un mese non ho potuto lavorare perchè sono stata male. Percepisco lo stesso il guadagno indicato sulla busta paga o sono soldi persi?
    Grazie!!

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Niccolo, purtroppo non è una cosa automatica. Inoltre devi sapere che il contratto a chiamata non segue le regole del contratto a tempo determinato.

  • niccolo

    vorrei sapere:ho un contratto a chiamata da un anno adesso il 30 mi scade ,vorrei sapere come scatta a tempo indeterminato. niccolo

  • http://www.facebook.com/antonio.maroscia Antonio Maroscia

    Ciao Francesca, il fatto che tu non riceva le buste paga mi sembra molto strano. Sei sicura di essere stata assunta?

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Francesca, il fatto che il datore non ti dia la busta paga non mi sembra molto regolare… Hai provato a far vedere tutta la tua documentazione ad un sindacato?

  • Francesca

    ciao ho un contratto a chiamata ke scadrà il 30 ottobre, solo che il titolare non mi dà una busta paga perchè mi paga in base alle camere ke faccio, e il quando mi paga compila un foglio suo dove scrive il numero delle camere il totale e l'importo, poi io firmo….vorrei sapere al termine di tutto come dimostro le giornate ke ho fatto per prendere la disoccupazione?

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Lice20, puoi fare le dimissioni con una settimana di preavviso, nulla di strano.

  • lice20

    Buona sera, ho un contratto a chiamata in un bar fino alla fine di settembre, solo che questa forma di contratto viene impiegata dai miei titolari esclusivamente per pagare meno contributi, infatti io lavoro 8 ore al giorno dal lunedì al venerdì con un fisso stabilito di 600 euro mensili. Ora io vorrei licenziarmi perchè non vengo pagata regolarmente, ho cercato online ma senza trovare risposte efficenti. Come posso fare?

  • cristina

    sono cristina.Grazie per la risposta. Sono stata da UIL euna risposta concreta non mi l"hanno data.La maternita si da in base alle buste avute,,perche se e cosi io sulle buste ho 60 ….80 euro al mese.Se e cosi non valle la pena a fare la domanda
    grazie

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    Ciao Franco, a mio avviso tu non sei obbligato a rispondere alla chiamata del tuo datore di lavoro, proprio perchè non percepisci indennità di disponibilità. Di questo però ne devi discutere con il tuo datore di lavoro, magari facendoti chiarire i tuoi dubbi.

  • franco81

    ciao, io ho un contratto ad intermittenza senza indennità di disponibilità,quindi non mi impegna contrattualmente ad accettare la chiamata del datore di lavoro. Ma come è possibile che nel mio contratto ci sono i punti 2.("In caso di malattia o di altro evento che renda temporaneamente impossibile rispondere alla chiamata, il lavoratore e’ tenuto a informare tempestivamente il datore di lavoro, specificando la durata dell’impedimento.") e 4. ("Il rifiuto ingiustificato di rispondere alla chiamata costituirà giusta casua di risoluzione del contratto"),del capitolo da voi pubblicato col nome "INDENNITà DI DISPONIBILITà"? nel vostro capitolo c'è scritto che quelle norme non valgono senza obbligo di risposta alla chiamata. I punti 2. e 4. hanno efficacia giuridica nel mio contratto? o sono irregolari in quanto manca il requisito fondamentale dell'indennità di disponibilità? e poi il 2. riguarda anche impegni nei mesi successivi?nel caso accadesse il 4. io potrò fare richiesta di disoccupazione?
    grazie tante

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    Ciao Cristina, anche il contratto a chiamata come il tuo ha gli stessi diritti di un contratto normale, ma in proporzione al lavoro svolto. Ti consiglio di farti assistere da un patronato per seguire senza errori tutte le procedure necessarie per la maternità o eventualemente la disoccupazione.

  • cristina

    lavoro con un contratto intermittente dal 6 giugno 2009.,indeterminabile,senza obligo alla risposta.Adesso sono incinta in sei messi.POtrei usufruire di desocupazione e quale sono le condizioni.?In piu quanto mi aspetta?

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    Ok, mi era sfuggito, invece il CCNL? Lo trovi sul contratto di assunzione…

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    Ciao Alessandro, l'indennità di disoccupazione spetta solo a chi perde involontariamente il lavoro, è il requisito fondamentale per ottenerla, tuttavia potrebbe capitarti un'altra assunzione a termine fino alla fine dell'anno, in quel caso ne avresti diritto.

  • terry

    grazie comunque, il livello era il terzo e l'avevo scritto, il resto non so. grazie lo stesso.

  • ale80

    in questo modo risulta che io ho dato le dimissioni, quindi l'anno prossimo non potrei fare domanda per l'indennità di dissocupazione? giusto?
    Antonio grazie tantissime per la disponibilità
    siete molto d'aiuto

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    Ciao Terry, non posso darti info dettagliate perchè mi mancano un po' di dati di riferimento, tipo CCNL, livello ecc.

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    Sui tempi di preavviso nel contratto a chiamata c'è un po' di incertezza. Per andare sul sicuro ti conviene rispettare il CCNL di riferimento. Comunque penso che con una settimana di preavviso dovresti cavartela.

  • ale80

    Buongiorno, io ho un contratto di lavoro intermittente a tempo determinato e mi scade l’anno prossimo. Sul contratto c’è scritto che “non mi è riconosciuta un’indennità di disponibilità”. nel caso un giorno volessi la risoluzione del contratto cosa e come devo fare?(es. tempi di preavviso per evitare risarcimenti da parte della ditta,…)

  • terry

    Buon giorno, volevo sapere la retribuzione ad una persona al terzo livello, in pratica quanto si prenderebbe all'ora al netto. Grazie Terry

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    Ciao Maria, con il contratto a chiamata maturi comunque le ferie in proporzione al numero di giornate lavorate, il conto esatto delle ferie e dei permessi maturati dovresti trovarlo in busta paga.

  • maria

    le ferie con questo contratto si possono prendere per che a me mi hanno detto che non ho il diritto lavoro da novembre

  • VANESSA

    Grazie per la pronta risposta.. Il mio sindacato mi ha detto che siccome non percepisco grandi somme di denaro e se non supero i 3000 euro all'anno, posso svolgere un altro lavoro anche senza avvisare l'inps, ma credo sia meglio seguire il tuo consiglio, chiedere direttamente ad un dipendente inps, sperando che almeno loro mi sappiano dare ulteriori chiarimenti. Grazie ancora..

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    Ciao Vanessa, purtroppo non esistono molti riferimenti in materia, ecco perchè neanche il call center INPS ha saputo risponderti… io farei un ultimo tentativo ad uno sportello INPS. Non è che per caso c'è un sindacato che segue la vostra cassa in deroga? Potresti chiedere a loro… comunque io credo che tu possa svolgere il lavoro a chiamata, ma devi comunque avvisare l'INPS per ogni giornata di lavoro svolta.

  • VANESSA

    Aiutatemi.. più leggo e più non ci capisco nulla…non so se voi potete darmi una risposta, ho chiamato pure il call center dell'inps ma anche loro nn hanno saputo rispondere.. dal 14 aprile sono in cassa di integrazione in deroga, posso svolgere un altro lavoro con il contratto a chiamata? considerate una busta paga di 50 euro al mese poco più, e sono tenuta ad avvisare l' inps? oppure rischio di perde la cassa di integrazione?

  • VANESSA

    Aiutatemi.. più leggo e più non ci capisco nulla…non so se voi potete darmi una risposta, ho chiamato pure il call center dell'inps ma anche loro nn hanno saputo rispondere.. dal 14 aprile sono in cassa di integrazione in deroga, posso svolgere un altro lavoro con il contratto a chiamata? considerate una busta paga di 50 euro al mese poco più, e sono tenuta ad avvisare l' inps? oppure rischio di perde la cassa di integrazione?
    Grazie Vanessa

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    A mio avviso puoi avere un contratto a chiamata, ma senza indennità di disponibilità. La normativa prevede che chi usufruisce della disoccupazione ordinaria può svolgere saltuariamente dei lavori, ma per non più di 5 giorni consecutivi, durante i quali la disoccupazione viene sospesa. Ogni volta che vieni rioccupato inoltre dovrai preventivamente comunicarlo all'INPS. Comunque ti consiglio vivamente di rivolgerti all'INPS telefonicamente al numero 803164 oppure presso uno sportello e chiedere maggiori spiegazioni, per non rischiare di perdere la disoccupazione.

  • giuseppe

    se percepisco una disoccupazione ordinaria posso svolgere un lavoro a chiamata e se si mi verrebbe detratto qualcosa dalla retribuzione di disoccupazione.

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    Ciao, la malattia dovrebbe andare in proporzione, mentre gli ANF e la disoccupazione sono pieni se si raggiungono i requisiti. L'unico dubbio che ho, perchè non mi è capitato, è: quante giornate devono essere pagate per la malattia, visto che le giornate lavorative non sono stabilite in precedenza? Questo non mi è chiaro soprattutto per i contratti a chiamata senza indennità di disponibilità. Magari qualche lettore ha avuto casi simili e può togliermi il dubbio…

  • Elena

    Buongiorno ! Mi incuriosisce questo tipo di contratto ad intermittenza e mi chiedevo se l indennità di malattia viene corrisposta al lavoratore.
    Arrivederci e grazie. Elena


Cerca nel sito

Se vuoi rimanere aggiornato su tutti i nostri articoli inserisci la tua email nel box qui sotto



A BREVE RICEVERAI UNA EMAIL PER DARE CONFERMA D'ISCRIZIONE

Google+