L’assegno per il nucleo familiare

Spetta ai lavoratori dipendenti e i pensionati da lavoro dipendente, i cui nuclei familiari siano composti da due o più persone e in base al reddito familiare.



Come nella precedente scheda, premetto che l’assegno per il nucleo familiare è differente dagli assegni familiari.

Benchè si tratti di due tipi di prestazioni INPS pressochè simili che si basano all’incirca sugli stessi presupposti, fra di loro ci sono notevoli differenze che andrò a chiarire nelle loro rispettive schede di sintesi.

Assegno per il nucleo familiare

E’ una prestazione INPS istituita per aiutare le famiglie dei lavoratori dipendenti e dei pensionati da lavoro dipendente, i cui nuclei familiari siano composti da due o più persone e il cui reddito complessivo familiare sia al di sotto delle fasce reddituali stabilite di anno in anno dalla legge.

Spetta anche ai lavoratori parasubordinati (collaboratori coordinati e continuativi e liberi professionisti iscritti alla gestione separata dell’Inps) a particolari condizioni e anche ai lavoratori con contratto di part-time.

CHI NE HA DIRITTO?

  • i lavoratori dipendenti in attività;
  • i disoccupati indennizzati;
  • i lavoratori cassintegrati;
  • i lavoratori in mobilità e impiegati in lavori socialmente utili;
  • i lavoratori assenti per malattia o maternità;
  • i lavoratori richiamati alle armi;
  • i lavoratori in aspettativa per cariche pubbliche elettive e sindacali;
  • i lavoratori dell’industria o marittimi in congedo matrimoniale;
  • le persone assistite per tubercolosi;
  • i pensionati ex lavoratori dipendenti;
  • i caratisti imbarcati sulla nave da loro stessi armata, agli armatori e ai proprietari armatori;
  • i soci di cooperative.

QUALI REDDITI SI CONSIDERANO?

Per il pagamento dell’assegno, è necessario che il reddito familiare non superi determinati limiti di reddito, stabiliti ogni anno dalla legge. Il reddito è costituito da quello del richiedente e di tutte le persone che compongono il nucleo familiare. Il reddito del nucleo familiare, da prendere in considerazione ai fini della concessione dell’assegno, è quello prodotto nell’anno solare precedente il 1° luglio di ogni anno ed ha valore fino al 30 giugno dell’anno successivo.

Ad esempio, per il periodo 1° luglio 2009 – 30 giugno 2010, si deve considerare il reddito prodotto nel 2008 (Risultante dalla dichiarazione dei redditi 2009).

QUALI REDDITI NON SI CONSIDERANO?

  • Le pensioni tabellari ai militari di leva vittime di infortunio;
  • le pensioni di guerra;
  • le rendite Inail;
  • le indennità di accompagnamento agli inabili civili, ai ciechi civili assoluti, ai minori invalidi non deambulanti;
  • le indennità ai ciechi parziali e ai sordi prelinguali;
  • le indennità di frequenza ai minori mutilati e agli invalidi civili;
  • gli assegni di superinvalidità sulle pensioni privilegiate dello Stato;
  • le indennità di accompagnamento ai pensionati di inabilità Inps;
  • le indennità di trasferta per la parte esclusa da Irpef;
  • i trattamenti di famiglia;
  • i trattamenti di fine rapporto o loro anticipazioni;
  • gli arretrati delle integrazioni salariali.

NOTA BENE
L’assegno spetta solo se la somma dei redditi derivanti da lavoro dipendente, da pensione o da altre prestazioni conseguenti ad attività lavorativa dipendente (integrazioni salariali, disoccupazione ecc.) riferita al nucleo familiare nel suo complesso, ammonta almeno al 70% dell’intero reddito familiare.

PER CHI POSSO FARE DOMANDA?

Per i componenti del nucleo familiare:

  • il richiedente l’assegno;
  • il coniuge non legalmente ed effettivamente separato;
  • i figli (legittimi, legittimati, adottivi, affiliati, naturali, legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati, nati da precedente matrimonio dell’altro coniuge, affidati a norma di legge) e i nipoti viventi a carico di ascendente diretto di età inferiore ai 18 anni;
  • i figli maggiorenni inabili che si trovano, per difetto fisico o mentale, nella assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi ad un proficuo lavoro.
  • i fratelli, le sorelle ed i nipoti collaterali del richiedente minori di età o maggiorenni inabili, a condizione che siano orfani di entrambi i genitori e non abbiano diritto alla pensione ai superstiti.

Tutte queste persone fanno parte del nucleo anche se:

  1. non sono conviventi con il richiedente;
  2. non sono a carico del richiedente;
  3. non sono residenti in Italia (il familiare cittadino straniero ha diritto all’assegno se è cittadino della Comunità europea; se invece è cittadino extracomunitario di un Paese non convenzionato, ha diritto all’assegno solo se risiede in Italia).

L’assegno per il nucleo familiare può essere pagato anche quando il nucleo sia composto da una sola persona che sia titolare di pensione ai superstiti (orfano o coniuge), a condizione che sia minorenne o maggiorenne inabile.

LA DOMANDA

Per ottenere il pagamento dell’assegno l’interessato deve presentare domanda utilizzando l’apposito modulo predisposto dall’Inps; il modulo può essere scaricato a fondo pagina, oppure direttamente nel sito dell’INPS nella sezione moduli; infine può essere reperito presso qualsiasi sede INPS.

A CHI PRESENTO LA DOMANDA?

  1. al proprio datore di lavoro, nel caso in cui il richiedente svolga attività lavorativa dipendente non agricola;
  2. alla Sede dell’Inps, nel caso in cui il richiedente sia pensionato, disoccupato, operaio agricolo, addetto ai servizi domestici e familiari ecc. (cioè in tutti i casi in cui il pagamento è effettuato direttamente dall’Inps).

CHI PAGA?

Il datore di lavoro deve pagare l’assegno su richiesta diretta del lavoratore che dimostri di averne diritto. In alcuni casi però il datore di lavoro è tenuto a pagare solo se il lavoratore è stato preventivamente autorizzato dall’Inps. L’autorizzazione dell’Inps è richiesta per il pagamento dell’assegno alle seguenti persone: i figli di separati, di divorziati, i figli naturali riconosciuti da entrambi i genitori, i fratelli, le sorelle, i nipoti, i familiari inabili per i quali non sia già documentata l’invalidità al 100%, i familiari residenti all’estero.

  1. Ai lavoratori in attività l’assegno viene pagato dal datore di lavoro in occasione del pagamento della retribuzione. Il datore di lavoro chiede poi all’Inps il rimborso delle somme pagate.
  2. Per colf, operai agricoli dipendenti, disoccupati ecc., l’assegno viene pagato direttamente dall’Inps.
  3. Ai pensionati l’assegno viene pagato direttamente dall’Inps insieme alla rata di pensione.

L’ASSEGNO AL CONIUGE

L’ assegno per il nucleo familiare può essere pagato direttamente al coniuge del lavoratore avente diritto. La domanda per il pagamento separato deve essere presentata al datore di lavoro nel caso in cui la prestazione sia pagata da questi per conto dell’Inps, utilizzando il previsto modulo per la richiesta dell’assegno. Nei casi in cui il pagamento è effettuato direttamente dall’Inps (pensionati, lavoratori agricoli, parasubordinati, lavoratori domestici), la domanda deve essere presentata direttamente agli uffici dell’Istituto. I moduli sono disponibili presso tutti gli uffici o possono essere scaricati dalla sezione “Moduli” sul sito dell’Istituto www.inps.it. Il pagamento dell’assegno sarà effettuato dal soggetto competente (il datore di lavoro per i pagamenti a conguaglio, l’Inps per i pagamenti diretti) secondo le modalità indicate dal richiedente.

Perché sussista il diritto al pagamento disgiunto è necessario che il coniuge che lo richiede non percepisca a sua volta un assegno per il nucleo familiare, non sia lavoratore dipendente e non sia titolare di una pensione o prestazione previdenziale derivante da lavoro dipendente. Il diritto può essere esercitato anche dal coniuge dei lavoratori iscritti alla gestione separata dei lavoratori autonomi.

ASSEGNO DI SOSTEGNO

I nuclei familiari con almeno tre figli minori possono ottenere un assegno a carico del Comune di residenza, il cui importo dal 1° gennaio 2008 è pari a € 124,89 al mese per tredici mesi l’anno (riducibili in presenza di determinate condizioni reddituali). L’assegno si ottiene a condizione che il nucleo non abbia redditi superiori a determinati tetti. I redditi sono calcolati in base ai criteri stabiliti dal “redditometro”.

Per le domande relative al 2008, il valore dell’indicatore della situazione economica (ISEE), con riferimento ai nuclei familiari composti da cinque componenti, di cui almeno tre figli minori, è pari a € 22.480,91.
La prestazione non costituisce reddito ai fini fiscali e previdenziali.

L’assegno può essere richiesto entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento. I Comuni provvedono a ricevere, istruire e definire le domande e comunicare all’Inps i dati necessari per il pagamento. Inoltre i Comuni possono affidare all’Inps il servizio di concessione della prestazione, mediante specifici accordi.

LIMITI DI REDDITO ANNUO

Il diritto all’assegno è subordinato al reddito complessivo del nucleo familiare che non deve superare i limiti annui indicati dalla legge.

I limiti di reddito familiare hanno valore dal 1° luglio di ogni anno al 30 giugno dell’anno successivo; sono stabiliti dalla legge e rivalutati ogni anno in base alla variazione percentuale dell’indice medio annuo dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati calcolato dall’Istat.

Modulistica




Link: Tabelle assegni nucleo familiare 2011/2012

Link: Tabelle assegni nucleo familiare 2010/2011

Link: Tabelle assegni nucleo familiare 2009/2010

Link: Scheda INPS




Articoli correlati

  • Gaetano

    grazie per la risposta

    immaginavo dovessi metterlo in tab. a, ma non ero sicuro

    per via del fatto che essendo la cifra esigua e quindi a carico, nel mio 730 non figurava da nessuna parte

    e in fondo in fondo speravo di non doverlo indicare, di questi tempi 18 euro al mese sono soldi :)

    buona giornata

  • spartacus

    Dipende da cosa deriva il reddito di sua moglie: se sono da lavoro dipendente e assimilati, pensione, lavoro autonomo e in genere i redditi assoggettabili all’irpef devono essere inseriti nella tabella A. Se vedi tra le note del modello ti indica chiaramente la tabella dove inserire il reddito.

  • Gaetano

    buongiorno

    devo compilare il modulo sr16_anf_dip, dal CUD di mia moglie, il suo reddito e’ circa 2000 (duemila) euro, quindi e’ a carico mio

    questi 2000 euro, vanno indicati? se si, nella tabella A o B ?

    grazie

  • spartacus

    No, devi consegnare al nuovo datore di lavoro un nuovo anf/dip.

  • Ersilio

    Buongiorno, se cambio datore di lavoro nell’arco dell’anno devo presentare loro una domanda di richiesta assegni familiari ad ognuno di loro o la domanda effettuata annualmente prevede l’erogazione automaticamente?
    Grazie, Ersilio

  • Antonio

    Ciao Ale, per avere informazioni dettagliate in merito ti consiglio di rivolgerti alla sede INPS più vicina oppure al numero verde gratuito 803164

  • ale

    mio padre ha fatto la domanda di assegni familiari dei miei figli dopo quando tempo viene accettata la domanda’

  • demetrio

    complimenti ottima spiegazione e ottimo sito

  • Antonio

    Salve sig. Loreto, il mio consiglio è di rivolgersi ad un patronato oppure agli uffici sociali comunali

  • LORETO

    SONO DISOCCUPATO DA LUGLIO 2011. HO TRE FIGLI MINORI POSSO FARE QUALCHE DOMANDA DI QUALCHE SOSTEGNO?

  • Katia

    il redddito del convivente, che sta nello stesso stato di famiglia, va calcolato?
    grazie

  • ma certo que si no lo fa per loro maman ma per li bambini perchè sono moto chiari

    sono salimata ho 34 anni due figli lìatra 3anni e l’altro11 mesi quasi 1anno

  • gianni bertoli

    Sono legalmente separato e ho l’affidamento congiunto dei miei due figli che convivono con mia moglie vorrei sapere se ho diritto agli assegni per il nucleo familiare. Grazie.

  • daniela

    volevo avere alcune risposte se fosse possibile.ho 2 bambini uno da 11 anni,altro 11 mesi.il primo e dal primo matrimonio,la bambina con il nuovo compagno con il quale non sono sposata.il mio reddito e di 10.000 euro al anno.quanto dovrei prendere per i miei bambini di assegni.grazie

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio

    Si

  • emanuela

    ciao, vorrei una volta per tutte capire..ho un lavoro dipendente, una figlia minorenne che all’anagrafe rientra nel mio nucleo famigliare, sono divorziata da suo padre, ed ho sempre preso l’ ANF. Mi sono risposata ma mio marito non e’ ne’ convivente ne’ residente con noi ma in un’altra provincia e non risulta dal mio nucleo famigliare, deve essere considerato il suo reddito ai fini della determinazione dell’importo dell’ANF?

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Michela, per prima cosa va richiesta un’autorizzazione all’INPS, solo successivamente si potranno richiedere gli assegni al datore di lavoro. L’unico inconveniente riguarda appunto la convivenza, in quanto legge dice proprio quello che hai detto tu. Il mio consiglio è di rivolgervi ad un patronato e vedere bene la pratica con loro, che esistono proprio per questo genere di assistenza…

  • Michela

    Buongiorno!
    Mi chiamo Michela, ho un figlio di 4 anni e sono disoccupata da un anno. Il padre di mio figlio non convive con noi, può lo stesso chiedere gli assegni per il figlio? So che spettano anche ai figli naturali riconosciuti, purchè il pagamento venga versato direttamente al genitore che convive con il figlio. Ma non so quali moduli presentare!!! E può richiedere gli arretrati? Aiutatemi, vi prego.
    Grazie infinite. Michela

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao giuseppe, per sapere l'importo, basta che inserisci i dati a questo link http://www.lavoroediritti.com/calcolo-assegni-fam

  • giuseppe de paolis

    salve sono giuseppe ,sono un lavoratore dipendente con un reddito annuo di 25000,00 euro.la mia famiglia e" composta da mia moglie( nessun reddito) e 2 figli minori, qual"e" l"importo degli assegni familiari? lavoro in un "azienda casearia. grazie e a presto.

  • almir

    Qualcuno può spiegare a me se ho i diritti sul sociale.sono sposato mi aspetto un bambino … sono stato disoccupato per un anno …

  • almir

    Qualcuno può Objat se ho qualche diritto su primanja.oženjen sociale mi aspetto un bambino … sono stato disoccupato per un anno …

  • fernando

    Si, ma solo se il reddito famigliare e per due terzi derivante da lavoro dipendente. Sono circa 35 Euro mensili.

  • carmelo

    Buona sera
    ho un reddito, tra me e mia moglie, di euro 46.000 con due figli 17 e 24 anni (studenti)
    ho diritto agli assegni per la minore?
    grazie

  • Spano' Giuseppe

    ciao mi chiamo Giuseppe ho una domanda da porvi il mio nucleo famigliare e' composto da 5 di cui un figlio inabile nel mese di aprile compie 18anni ho diritto all'assegno famigliare

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Michele, i suoi redditi vanno compresi. Inoltre devi stare attento in quanto il reddito da lavoro dipendente deve essere il 70% del reddito complessivo per poter percepire gli ANF

  • Michele

    Buongiorno,
    mia moglie è architetto libera professionista, non mi è chiaro se nel calcolo del Reddito per percepire gli assegni per il nucleo familiare devo considerare anche il suo reddito o no ? Grazie

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Patrizio, certo che puoi richiederli, nel nucleo familiare però dovrai inserire solo tua figlia, questo perchè la normativa sugli ANF non contempla le convivenze!

  • Patrizio

    Salve, la mia situazione familiare e': io e la mia compagna conviviamo, non siamo sposati ed abbiamo un figlio di 2 anni. io lavoro come dipendente, la mia compagna non lavora da 3 anni. ho diritto a richiedere gli assegni familiari per mio figlio? il mio reddito e' di circa 25000 euro. grazie per la risposta.

  • Eleonora Campana

    E' necessario prima presentare la domanda all'INPS, ottenuta l'autorizzazione (circa 1-2 mesi ti arriva direttamenta a casa) compila i moduli (SR16), i moduli vanno compilati per annualità (dal 01/07 al 30/06) e li devi presentare all'azienda, l'inps fornisce tutte le risposte.
    Si possono richiedere solamente gli arretrati degli ultimi 5 anni.
    E' importante ricordarsi che l'assegno per il nucleo familiare NON E' UN COSTO PER L'AZIENDA, è l'inps che paga tramite le aziende.

    Eleonora Campana
    (prov. di modena)

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    nella tabella c'è anche il nucleo di 2… prova a guardare meglio, per i redditi idicato quello del CUD o del 730 o dell'Unico… ovviamente se hai casa non può bastare il CUD ma dovrai procedere alla dichiarazione, quindi quello sarà il reddito da indicare.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    devi presentare la domanda per iscritto, magari tramite patronato… l'azienda è tenuta a pagarti gli arretrati..

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Lara, per le coppie non sposate c'è questa possibilità. L'importante è che il genitore che chiede gli assegni e gli arretrati vada all'INPS per chiedere l'autorizzazione tramite mod. ANF/42. Poi con questa autorizzazione presenta il modello normale all'azienda in cui include 2 persone, nel tuo caso mamma e figlio o padre e figlio, e il reddito del solo genitore che presenta la domanda…

  • Lara

    Buongiorno,
    se il nucleo familiare è costituito da una coppia non sposata, convivente, e da un bambino, per il calcolo del reddito complessivo si deve tener conto di entrambe le dichiarazioni dei redditi (un dipendente e un lavoratore autonomo)? In questo caso il dipendente può fare richiesta dell'assegno per il nucleo familiare, e eventualmente per gli arretrati?
    Grazie,

  • cesare

    buongiorno, volevo damondare come mai la mia ditta da 1 luglio 2011 mia decurtato l assegno famigliare di 36 euro . siamo in tre in famiglia mia moglie svolge un lavoro part-time ho una bima di 4 anni se qualcuno gentilmente mi da una risposta grazie.

  • alessandro

    salve a tutti . se qualcuno puo aiutarmi ho lavorato 5 anni in una azienda 6 mesi fa mi ha licenziato non ho mai percepito gli assegni familiari in tutte le buste paghe che ho non vi risulta la voce . adesso a chi devo richiederli all imps ? l azienda mi ha risp che e impossibilitata a darmi gli arretrati..

  • sioux

    salve, vorrei sapere se per gli ANF se ne ha diritto anche se in casa si è solo in 2 e perchè nelle tabelle qui pubblicate non risulta l'importo ove il nucleo famigliare sia di 2…e se ai redditi va sommata anche la rendita della casa di proprietà…grazie!

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    ciao Pietro devi chiedere all'INPS al numero verde 803164

  • pietro

    salve, vorrei sapere quanto tempo tarda l' INPS per pagare l'assegno familiare

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    ciao la tua è una famiglia numerosa, puoi inserire i figli fino a 21 anni purché studenti o apprendisti, in questo caso anche il loro reddifo concorre alla formazione del reddito familiare. Comunque vista la situazione ti consiglio di farti aiutare da un patronato..

  • Giuseppe

    Volevo aggiungere che i 2 maggiorenni uno ha 18anni e l'altro (quello che percepisce reddito) 21

  • Giuseppe

    Ho un quesito da porvi: il mio nucleo familiare (vivono a casa con me) è composto da me, mia moglie ed i miei 4 figli; 2 di loro sono Maggiorenni ed uno percepisce reddito…. Ora nella domanda devo inserire solo i minorenni o ho diritto all'assegno anche per i magiorenni (logicamente inserendo nel reddito complessivo anche quello del figlio maggiorenne)?

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Luciano, se non siete sposati non puoi richiedere gli assegni familiari, purtroppo la legge è obsoleta e non lo ammette.

  • luciano assirelli

    salve io e la mia ragazza conviviamo da 3 anni e abbiamo fatto un mutuo di30 anni per pagare casa. lavorando solo io volevo sapere se non mi spetta niente visto che lei non lavora. grazie..

  • http://www.facebook.com/antonio.maroscia Antonio Maroscia

    Ciao isabella di cosa hai bisogno?

  • isabella

    ciao,io ho bisogno di qualcuno che mi aiuti a compilare il modulo di"domanda per lavoratori dipendenti assegno per il nucleo familiare"!!!! spero di avere un aiuto al piu presto grazie

  • Giuseppe

    L'assegno familiare si percepisce solo per i figlio minori di 18 anni, ciò non toglie che può continuare a percepire la detrazione per figlio a carico.

  • Enrico

    Mia figlia divorziata con un lavoro part time,percepiva mensilmente E.650 compreso l'assegno della figlia con la quale vive.Questo mese la ragazza ha compiuto anni 18.Mia figlia,anche se con reddito basso più prima casa al 50%,perde
    l'assegno familiare perché la figlia é maggiorenne,studente,oppure le spetta l'assegno per nucleo familiare,se si a
    quanto ammonterebbe mensilmente?Grazie!

  • Renata

    Ciao a tutti. Io ho un problema: il padre di mio figlio, con il quale non ero sposata, è deceduto. Avevo ricevuto autorizzazione dell'INPS per l'assegno con scadenza 31/01/2011. Da Febbraio il datore di lavoro non mi riconosce più l'assegno. Sono andata all'INPS per rinnovare l'autorizzazione ma non hanno accettato la mia richiesta sostenendo che non è necessaria l'autorizzazione dell'INPS perchè sono l'unica che può ricevere l'assegno in quanto unico genitore rimasto al minore. Intanto però io l'assegno non lo sto prendendo perchè il datore di lavoro non me lo riconosce senza autorizzazione dell'INPS. Come posso fare?

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Si può fare richiesta per i figli maggiorenni studenti o apprendisti solo se si hanno 3 figli.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    La domanda degli assegni familiari dura dal 1/07 al 30/06 dell'anno successivo, quindi non può "scadere" il 30 aprile. In ogni caso può sempre richiedere gli arretrati, il mio consiglio spassionato è di far seguire la pratica ad un patronato, esistono proprio per questa ragione.

  • igor

    salve , una cortesia, mi e' scaduto il foglio degli assegni familiari il 30 aprile, cosa devo fare visto che nella mia ditta non mi hanno avvisto ma ho gia' portato la nuova richiesta,

  • Nadia

    Salve avrei una domanda,mia figlia è diventata maggiorenne ma studia ,mio marito può ancora chiedere gli assegni familiari per lei? Grazie 1000 Nadia

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Si Ana, l'importante è che lei faccia parte del tuo nucleo familiare. Comunque ti consiglio di andare da un patronato, loro sono addetti proprio ad aiutare i lavoratori con queste pratiche.

  • ana

    salve. sono una signora rumena che vive in italia dal 2002 e con permesso di soggiorno dal 2003. vorrei che qualquno mi dia una risposta. ho una figlia di 14 ani in romania che lo mantengo io,qui in italia lavoro dal 2004 a tempo indeterminato part-time. posso chiedere l'assegno familiare anche per lei<

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    La cosa migliore da fare è rivolgervi ad un patronato, loro sapranno indicarvi se ci sono degli aiuti per il vostro caso.

  • Luigi

    Salve io e mia moglia siamo disoccupati dal 2001 e 2005 io appartengo alle categorie protette art.18 abbiamo un figlio nato prematuro di 13 mesi volevo sapere se ci aspetta qualcosa assegni familiari o altro???? grazie

  • michele

    La condizione per il riconoscimento degli ANF viene determinata, se si fa riferimento al calcolo degli ANF a cui si ha diritto per il periodo 07/2010 – 06/2011, in funzione dei redditi percepiti dal nucleo familiare per l'anno 2009 (per semplicità CUD ricevuti nell'anno 2010 se non è stata presentata alcuna dichiarazione, 730 / unico PF 2010).
    la condizione di disoccupato del coniuge, essendo temporalmente una situazione recente, non rileva dal punto di vista reddituale con riferimento al periodo 07/2010 06/2011 ma potrà essere validamente utilizzata per il periodo 07/2011 06/2012 (se disoccupazione è del 2010).
    non verrà conteggiata la figlia maggiorenne ai fini del riconoscimento degli ANF e ciò dal mese successivo al compimento del 18 .esimo compleanno.

  • PAOLO

    Salve! ho lavorato con contratto a progetto dal 2/2008 al 12/2008.
    Ho diritto agli assegni familiari per questo periodo, Anche se produco la domanda oggi? ( sembra che all'epoca non si potesse fare domanda perchè per questa tipologia di contratti i lavoratori non erano indennizzati).
    Inoltre non lavorando attualmente poichè disoccupato e non riusecendo a ricollocarmi data la mia età(45) per la mia famiglia di 2 adulti + 2 figli ci sono delle agevolazioni da parte dello stato o inps anche a livello di assegni?.
    Grazie per chi con competenza potesse rispondermi

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Credo di si Antonio, comunque conviene sempre che facciate seguire la pratica da un patronato che potrà aiutarvi al meglio.

  • er caciara

    certo che devi chiederlo e devono dartelo anche a te dico rivolgiti ad un caf

  • er caciara

    ciao carla tuo marito deve avere l'assegno perche' se vostro figlio studia l'assegno deve percepirlo fino a 26 anni comunque rivolgiti sempre ad un CAF

  • er caciara

    salve io ti consiglio di andare in un CAF loro sapranno dirti come ti devi muovere

  • antonio

    mia madre percepisce una prestazione di reversibilità dal 2004 a me carico maggiorenne inabile al 100% dal 2009 può richiedere assegno nucleo familiare

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Nico, devi fare domanda per ricevere gli assegni; puoi rivelgerti ad un patronato per farti compilare il modello da presentare al datore di lavoro.

  • nico

    salve a tuti io ho un figlio di 9 mesi e la moglie che e a mio carico lavoro nel edilizia e non ricevo il asegnio familiare contrato di lavoro indeterminato chi mi puo dire quanto sarebe la soma che dovrei ricevere al mese grazie anticipatamente

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Carla, ti consiglio di rivolgerti ad un patronato perchè loro sono i più esperti in questa materia.

  • carla

    Mio figlio maggiorenne studia, ha un'invalidità del 46% mio marito può chiedere per lui gli assegni familiari

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Vincenza, potresti chiederlo se lei è apprendista o è iscritta all'università… comunque per non fare errori ti consiglio di farti aiutare da un patronato, loro sono esperti in queste cose.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Raffaele, la cosa migliore da fare in questi casi e farsi compilare la domanda da un patronato…

  • vincenza landi

    salve mi chiamo enza mio marito è da cinque mesi in disoccupazione io sono stata assunta in una ditta di pulizie , ho due figli minori e una maggiorenne di 20 anni purtroppo non lavora posso chiedere l'assegno anche per lei ? spero di avere una risposta

  • RAFFAELE

    Sono Lavoratore dipendente con un reddito complessivo di solo lavoro dipendente di € 16.000. Mia moglie e’ titolare di impresa agricola nel 2009 al rigo N1 della dichiarazione dei reddito il reddito complessivo e’ di € 25,00 in quanto ha subito delle perdite di esercizio. Il reddito da considerare e’ € 25,00 oppure quello ala netto delle perdite? Mi spiego meglio lei ha redditi di terreni e’ fabbricati per un valore ai fini IRPEF di € 2.000 circa che pero in virtu’ della perdita d’impresa sul modello Unico viene riportato un reddito complessivo di € 25,00. Quindi qual’e’ il reddito da considerare? Ho letto nelle istruzioni la seguente considerazione che per’ non riesco ad interpretarla le sarei grato se lo facesse lei. Grazie….N.B.:Qualora il reddito di uno dei componenti il nucleo risulti negativo in relazione a perdite di esercizio connesse ad attività di lavoro autonomo o di impresa, deve essere considerato uguale a zero.Se il reddito di uno dei componenti stessi risulta diminuito per effetto delle perdite suindicate, esse dovranno essere oggetto di specifica comunicazione per evitare che il reddito complessivo risulti inferiore ai redditi da lavoro dipendente

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    No Patrizia, non vengono a saperlo da soli, l'azienda in questo caso fa solo da tramite… nel momento in cui il figlio diventa maggiorenne il lavoratore è tenuto a ripresentare il modello variato. Tieni presente che l'INPS potrebbe richiederti i soldi indietro fino a molti anni dopo..

  • Patrizia

    Salve, volevo chiedere se qualcuno potrebbe dirmi quali sostegni del reddito mi spetterebbero. Ho 43anni, sono separata (non divorziata) con un figlio abile maggiorenne (18anni ad agosto 2010) all'ultimo anno di scuola media superiore (e che probabilmente continuerà gli studi) e sono dipendente di un'azienda che continua a farmi lavorare con contratti a tempo determinato di pochi mesi (adesso ho il contratto fino a fine marzo) ; ho percepito l'assegno di 137,50€ per figlio minorenne fino a gennaio 2011 ma quando la settimana scorsa ho chiesto mi hanno detto che avrei dovuto dichiarare IO che mio figlio era diventato maggiorenne e adesso devo restituire gli assegni percepiti da settembre a dicembre (il che mi sembra assurdo…io devo dichiarare che mio figlio diventa maggiorenne?? con tutti quei moduli non lo vengono a sapere da soli??). Adesso mi chiedo se, essendo mio figlio studente, posso riscuotere l' assegno, dove e come richiederlo?? O comuqunque ci sono altre forme di sostegno?? Grazie tante in anticipo!

  • Mario

    Buongiorno! Sono Mario non riesco a capire, xkè la ditta con cui lavoro mi decurta l'assegno familiare di 10/15€ nonostante io faccio un lavoro part-time settimanale di ore 30 lunedì – venerdì e il sabato di 5 ore. Vorrei ke qualcuno mi aiutasse a capire.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Gli assegni spettano per i soli figli minorenni, solo in alcuni casi fino a 21 anni, ma non credo sia il tuo.

  • Flavia

    Buongiorno, ho un figlio di 23 anni che studia. Non ho mai chiesto l'assegno per il nucleo familiare. Ho diritto agli arretrati? Grazie

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Ignazio, ti consiglio di rivolgerti ad un patronato così potrai compilare al meglio la domanda ed evitare errori che potrebbero costarti tempo e denaro…

  • ignazio

    Salve , sono Ignazio , ho dimenticato di presentare la domanda periodica per gli assegni famigliari a luglio 2009, posso ottenere gli arretrati presentandola oggi ?
    Inoltre poichè mi sono legalmente separato a giugno 2009 e i miei 2 figli vivono con la madre devo indicare nella compilazione della domanda anche i dati anagrafici e reddituali della madre ? Faccio presente che nello stato di famiglia , dato che risiedo ufficialmente in altra sede , risulto da solo.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Francesco, sinceramente non so risponderti con certezza, così ad intuito però mi viene da notare che anche se fosse equiparato ad altri redditi, la quota da non superare sarebbe del 70%… comunque per esserne certo ti consiglio di rivolgerti ad un patronato, loro sono esperti in questo settore!

  • Francesco

    Buongiorno, volevo porvi questo quesito: i redditi esenti, nello specifico l'assegno di mantenimento percepito dal coniuge separato, è equiparabile ai redditi da lavoro dipendente? Nel caso in cui l'assegno percepito dal coniuge è superiore alla quota del 30% del reddito familiare complessivo si perde il diritto all'assegno al nucleo?

  • Francesco

    Buongiorno, volevo porvi questo quesito: i redditi esenti, nello specifico l'assegno di mantenimento percepito dal coniuge separato, è equiparabile ai redditi da lavoro dipendente? Nel caso in cui l'assegno percepito dal coniuge è superiore alla quota del 30% del reddito familiare complessivo si perde il diritto all'assegno al nucleo?
    Grazie
    Cordiali saluti
    Francesco

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Grazie per il supporto… ;)

  • marilena

    perchè sono zippate… devi aprirle con un programma di decompressione ed avere excell x vederle… ciao

  • http://album.alfemminile.com/album/see_628596/VENDO-acquisti-paghi-una-sola-spedizione.html marilena

    siamo in 4 in famiglia (due minori : 3 e 1 anno).
    dal 1° settembre 2010 sono a casa dal lavoro con permesso bimbo (nel settore del commercio danno la possibilità di stare a casa fino ai 3 anni tenendo il posto di lavoro a stipendio zero per assistenza e cura a minore di 3 anni ) . volevo sapere se in questo caso l'assegno famigliare ,che già viene versato nella busta al marito che ha figli a carico, viene aumentato in quanto potrei risultare anche io a carico … dal commercialista della ditta dicono che devi fare rif. al cud , ma il cud non è riferito al periodo 1.07 al 30.06 dell'anno successivo ma bensì all'anno 2009 (gennaio-dicembre) … non so se mi sono fatta capire… ringrazio infinitamente per eventuali chiarimenti … saluti marilena

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Vittorno, se il datore di lavoro è sempre lo stesso devi presentare una domanda compilata per ogni anno di arretrato. Se invece è cambiata allora credo che puoi chiedere gli arretrati direttamente all'INPS, in questo caso prova a chiedere a loro presso uno sportello la procedura.

  • Vittorino

    Buonasera, sono Vittorino.
    In un nucleo familiare composto da 7 persone il coniuge invalido al 100%, ha diritto alla maggiorazione (rif. tabella 14) e gli arretrati per gli ultimi 5 anni come bisogna chiederli?

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Per avere gli arretrati devi presentare una domanda per ogni periodo per cui chiedi gli arretrati…

  • nando

    salve sono nando vorrei sapere se una volta presentata la domanda mi spettano anche gli arretrati.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Andrea, non si può fare domanda di assegni per i figli maggiorenni, neanche se sono studenti se non nel caso in cui si tratti di famiglie numerose, ossia con più di 3 figli e comunque fino a 21 anni.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Giusy, puoi trovare le tabelle nel nostro sito a questo indirizzo http://www.lavoroediritti.com/2010/05/tabelle-ass… in particolare puoi fare riferimento alle tabelle 14, 15 o 16 a seconda della situazione familiare.

  • giusy

    ciao chiedo se si puo o come poter cercare la tabella con i redditi per gli assegni famigliari 2010-2011 con figli maggiorenni INABILI, grazie
    giusy

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Rosalia, purtroppo superati i 18 anni non puoi più considerare i figli per gli assegni per il nucleo familiare. Le uniche eccezioni sono per le famiglie con più di 3 figli e per i figli inabili.

  • rosalia

    ciao vorrei sapere se con 2 figli minori e una di 18anni studente e un reddito basso spettano an cora gli assegni al figlio studebte

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Paolo, l'assegno familare sarà calcolato solo sul reddito del genitore che ha fatto richiesta perchè per lo Stato Italiano il reddito dei conviventi non fa cumulo

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Gli assegni familiari per i figli vanno ad un solo genitore che deve includere i figli nel proprio nucleo familiare mediante domanda inps apposita. Nel tuo caso tu come lavoratrice autonoma non avresti diritto agli ANF, mentre il tuo compagno si, anche se non abitate sotto lo stesso tetto. Questa è una mia interpretazione, per maggiori certezze conviene che per la compilazione della domanda vi facciate aiutare da un patronato.

  • sonia

    Buongiorno,
    io sono lavoratrice autonama e il mio compagno dipendente e abbiamo una figlia a carico, ma non abbiamo la stessa residenza, o meglio io e la bimba si, ma il mio compagno no, è possibile richiedere l'assegno per il nucleo familare o dobbiamo avere tutti la stessa residenza?
    Grazie Sonia

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Gli Anf spettano solo ai lavoratori dipendenti.

  • Daniela

    Salve,
    Vorrei sapere a chi aspettano gli assegni familiari in questo caso:
    entrambi i coniugi hanno un'attività lavorativa e sono assicurati.Hanno 1 figlia minore,1 figlio di 22 anni disocupato nel nucleo familiare.Chi deve presentare la richiesta degli assegni familiari?
    Grazie Daniela.

  • Renata

    ciao sono una madre straniera ho otenuto permesso per nucleo familiare che gia scaduto ora ho fato domanda di nuovo e mi arrivato dopo 6 mesi per quel periodo datore di lavoro non mi ha pagato asegnio quel secondo che durava solo un anno ga scaduto ho fatto la domanda di nuovo di febraio 2010 e ancora non mi arivata la risposta sto lavorando e sulla busta paga non mi risulta asegnio . Datore di lavoro mi ha chiesto se bimbo in mio carico o meta con padre. Se carico 50% e problematico. Quello che so asegnio famigliare prende uno dei genitori non si divide 50% Grazie

  • luisa

    come faccio a sapere a che punto e la domanda che ho gia fatto per il permeso dell'asegno famigliare????

  • Gennaro

    Salve sono Gennaro,mi sono separato a gennaio 2010 dopo la notifica dell'avvenuta separazione 28/02/2010 ho comunicato la mia separazione all'agenzia interinale adecco ho smesso di percepire l'anf. La mia ex moglie nn lavora ma può chiedere lo stesso l'anf al mio datore in questo caso l'adecco?! L'inps ha rilasciato l'autorizzazione da fare recapitare al mio datore di versare l'anf alla mia ex.Fino al 31/07/2010 ho lavorato ancora x l'adecco sempre nella stessa azienda,e dal 01/08/2010 sono stato assunto dalla ditta.Fatto stà ke la mia ex sino ad oggi nn ha ancora ricevuto 1€ sia dall'inps ke dall'adecco.

  • Gennaro

    Salve sono Gennaro,mi sono separato a gennaio 2010 dopo la notifica dell'avvenuta separazione 28/02/2010 ho comunicato la mia separazione all'agenzia interinale adecco ho smesso di percepire l'anf. La mia ex moglie nn lavora ma può chiedere lo stesso l'anf al mio datore in questo caso l'adecco?! L'inps ha rilasciato l'autorizzazione da fare recapitare al mio datore di versare l'anf alla mia ex.Fino al 31/07/2010 ho lavorato ancora x l'adecco sempre nella stessa azienda,e dal 01/08/2010 sono stato assunto dalla ditta.Fatto stà ke la mia ex sino ad oggi nn ha ancora ricevuto 1€ sia dall'inps ke dall'adecco.
    Sono andato all'inps x avere spiegazioni e mi dice ke loro pagano al mio datore e lui a sua volta dovrebbe versarli alla mia ex.
    Parlo con la sig.na dell' adecco e mi dice ke loro nn sono tenuti a pagare mia moglie xkè nn è loro dipendente. Infatti le spiego ke dall'autorizzazione dell'inps fatta recapitare a loro l'inps li autorizza a pagare la mia ex. la sua risposta è impossibile!!!
    Allora vorrei sapere ma questi benedetti anf la mia ex può averli o meno cosa devo fare grazie!

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    Ciao Natalino, purtroppo non puoi richiedere l'assegno per tuo figlio in quanto maggiorenne. L'assegno per i figli maggiorenni può essere chiesto solo per figli inabili o in caso di famiglie numerose, cioè con almeno 4 figli e entro certi limiti.

  • natalino scalas

    Ciao sono natalino e sono pensionato inpdap
    Posso richiedere gli assegni familiari per un figlio maggiorenne che ancora studia?
    l mio nucleo famigliare è composto da tre persone, ( io coniuge figlio)
    il mio reddito non supera 18000 euro annui

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    Non sono un fiscalista, ma immagino che tu debba inserirli, in quanto la normativa sugli ANF parla di redditi familiari. Comunque ti consiglio di rivolgerti ad un patronato, loro sono più esperti in materia.

  • SANDRO

    VOLEVO SAPERE SE NEL CHIEDERE L’ASSEGNO FAMILIARE DEVO INIDICARE ANCHE IL REDDITO DI MIA MOGLIE CHE LAVORA AL VATICANO (STATO ESTERO) E PERCEPISCE UN REDDITO ESENTE DA IMPOSTE IN VIRTU DEI PATTI LATENARENSI…NO CUD NO 730. NEL CASO DEVO DICHIARARLI DOVE VANNO INDICATI NEL MODULO.

    GRAZIE INFINITE

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    Purtroppo l'assegno per il nucleo familiare spetta solo ai lavoratori dipendenti e a coloro che percepiscono una indennità.

  • SARA

    SALVE POSSO RICEVERE L ASSEGNO PER NUCLEO FAMIGLIARE SI NON LAVORO PIU E NON PRESCIPESCO NESSUN IDENTITA ? GRAZIE

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    Ciao Mariem, gli assegni familiari comunemente vengono pagati dal datore di lavoro che a sua volta li scala dai contributi aziendali.

  • mariem

    l assegni familiari non pagati per 4 anni saranno rimborsati tutti direttamento al datore di lavoro o l imps fa detrazione di questa somma di contributi del azienda

  • stefano

    Ti ringrazio della risposta.
    Comunque, la sintesi delle varie informazioni che ho ricevuto è che per chiedere questi benefici devo ancora aspettare il decreto definitivo che sarà emesso dal Tribunale di Venezia di ratifica del provvedimento straniero.
    Saluti.
    Stefano

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    Ciao Stefano, è una domanda molto tecnica e abbastanza complicata. Io immagino che tu possa iniziare a usufruirne dal giorno in cui la sentenza di Kiev è stata ratificata in Italia. Hai provato a chiedere informazioni all'ente che ti ha aiutato durante il percorso di adozione?

  • Stefano

    Saluti.
    Io volevo sapere da quando decorre la data per poter beneficiare delle detrazioni fiscali per figlio a carico e dell'assegno per il nucleo familiare (stante il requisito del reddito) per un bambino adottato. Io ho la sentenza del tribunale di Kiev esecutiva in data 21/03/2010, decreto della Commissione Italiana per le Adozioni di nulla-osta in data 30/03/2010, con visto dell'ambasciata Italiana di ingresso in Italia del 07/04/2010 e decreto del Tribunale di Venezia che dichiara "l'efficacia in Italia con gli effetti dell'adozione del provvedimento pronunciato dalla Ucraina".
    A partire da quale data io posso chiedere l'assegno e le detrazioni fiscali?.
    Ringrazio sentitamente.
    Stefano

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    Ciao Nicoleta, non so qual è il motivo, ne devi parlare con lui.

  • nicoleta

    per che il mio datore di lavoro non mi ha pagatoi assegni familiari restanti?la mia decorenza era dal gennaio 2009?

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Purtroppo i nostri governi di destra e sinistra si riempiono la bocca di tante belle parole, come welfare, sostegno al reddito ecc. ecc. ma poi nei fatti i contributi alle famiglie sono sempre pochi e regolati da leggi che non sono al passo coi tempi. Tanto per dirne una i soldi che sono stati spesi negli ultimi due anni di crisi sono andati a sostegno del reddito delle famiglie con lavoro, vedi la cassaintegrazione, ma per i disoccupati non si è andati oltre gli 8 mesi, se non in qualche caso sporadico. Qui sembra di essere in una giungla e solo i più forti ce la fanno, ma per quanto si potrà andare avanti così?

  • vincenzo

    sono un padre con due minori a carico e moglie disoccupata sono due anni che non riesco piu a trovare un lavoro onesto purtroppo ha 45 anni sono considerato fuori mercato sono stato sfrattato potete immagginarvi tutto il resto quello che non riesco a capire e questo perche l’assegno di sostegno viene dato solo a chi ha tre figli a carico mentre io disopcuppato a zero euro con due minori ormai nella poverta totale no? non sarebbe questo un aiuto per la condizzione in qui mi trovo voi che ne pensate? nei paesi nord europei questo avviene mentre i nostri cari governanti con la loro misera paga mensile di questi problemi non ne hanno non mi rimane che ringrarziarli per il loro interesse nei riguardi della famiglia povera italiana oggi e il 6/04/2010

  • http://intensedebate.com/people/butred77 butred77

    Ciao Marcia, puoi chiedere gli assegni anche per tuo marito se risulta dallo stato di famiglia che siete coniugi; non importa dove lui ha la residenza. Se tuo marito è disoccupato puoi inserirlo per le detrazioni.

  • marcia

    ciao Andrea sono marcia di nuovo,quindi se non e residente a casa mia non posso richiedere gli assegni familiare per lui?nel mio stato di famiglia ce solo che sono coniugata con lui ,allora non posso fare niente ?.ma poi adesso sto compilando la dichiarazione de spettanza delle detrazioni d'imposta non so se devo mettere anche lui nella dichiarazione.

  • http://intensedebate.com/people/butred77 Antonio Maroscia

    Ciao Marcia, puoi chiedere l'assegno anche per tuo marito; non importa se lui risiede in Spagan, la cosa importante è che lui faccia parte del tuo stesso nucleo familiare. Se puoi dimostrare questo ( magari con uno stato di famiglia), non avrai problemi nell'ottenere l'assegno anche per tuo marito.

  • marcia preciado

    ciao Andrea,vorrei sapere se ho diritto a prendere gli assegni per mio marito che risiede a Barcellona per motivi di lavoro ma che adesso lui e disoccupato noi non siamo legalmente separati,lui e cittadino extracomunitario con regolare permesso di soggiorno della Spagna e da più di un anno che non lavora,io qua en Italia prendo già gli assegni per le due bambine che abbiamo,mi aspetto l assegno per il congiunge ?

  • http://www.facebook.com/antonio.maroscia Antonio Maroscia

    Se malauguratamente quello che scrivi nel tuo modulo non è corretto, l'azienda dovrà ridare di tasca sua i soldi all'INPS, quindi credo che sia legittimo che si tuteli. Del resto io non mi metterei a fare questioni per un certificato… poi se non sbaglio basta anche solo l'autocertificazione.

  • Pietro

    L’azienda mi ha richiesto, oltre all’apposito modulo debitamente compilato, anche il certificato di stato famiglia in quanto a suo dire potrebbe essere richiesto dall’INPS.
    Il certificato non mi risulta obligatorio.
    Vorrei gentilmente il suo parere.
    Grazie

  • bruno

    Mia figlia è separata ed ha una bambina di 5 anni a carico, lavora in un negozio alla Corte del Sole ( SESTU – CAGLIARI ); non basta la sfortuna che il marito non le passa gli alimenti per la bambina, ma si ci è messo anche il datore di lavoro che ormai da un anno e mezzo non le passa gli assegni per il nucleo familiare.
    purtroppo questo signore paga in contanti e non per assegno per cui non si può dimostrare la truffa. come mi posso comportare? c'è modo di avere gli assegni direttamente dall'INPS.

  • http://www.lavoroediritti.com Antonio Maroscia

    Ciao Andrea, quello che trovi qui è il link alla pagina dove puoi scaricare le tabelle che cerchi (sempre in Lavoro e Diritti); li, in fondo all’articolo trovi il file da scaricare, a me funziona, però ammetto che stiamo avendo dei problemi con il server negli ultimi giorni, che stiamo cercando di risolvere, e quindi può darsi che sia quello il motivo. Comunque riprova perchè funziona.

  • Andrea

    Salve Antonio, perchè non riesco a vedere le tabelle di reddito
    per nucleo famigliare? Grazie


Cerca nel sito

Se vuoi rimanere aggiornato su tutti i nostri articoli inserisci la tua email nel box qui sotto



A BREVE RICEVERAI UNA EMAIL PER DARE CONFERMA D'ISCRIZIONE

Google+