Assegni familiari per iscritti alla gestione separata nei periodi di congedo

Diritto agli assegni familiari ANF per gli iscritti alla Gestione separata per i periodi di congedo di maternità/paternità e parentale


Assegni familiari per iscritti alla gestione separata nei periodi di congedo

Con Circolare n. 114 del 18-09-2012 l’INPS è intervenuta sul riconoscimento del diritto degli assegni familiari, o meglio all’assegno per il nucleo familiare per gli iscritti alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge n. 335/95 per i periodi di congedo di maternità/paternità e di congedo parentale coperti dalla contribuzione figurativa.

La Circolare n. 137 del 21 dicembre 2007 ha sancito l’applicazione di parte delle disposizioni del D. Lgs n.151/2001 (T. U. in materia di tutela e sostegno della maternità e paternità) in favore delle lavoratrici a progetto e categorie assimilate nonché delle associate in partecipazione e delle libere professioniste iscritte alla Gestione separata di cui all’art.2, comma 26, della legge n.335/95.

E’ stato riconosciuto, tra l’altro, il diritto alla contribuzione figurativa per i periodi di astensione dal lavoro per i quali è corrisposta l’indennità di maternità ai fini del diritto alla pensione e della determinazione della relativa misura.

Riconoscimento del diritto all’assegno per il nucleo familiare per i periodi di congedo di maternità/paternità e di congedo parentale coperti da contribuzione figurativa

A seguito di questa nuova applicazione sono pervenute all’INPS domande di Assegni per il Nucleo Familiare anche per questi periodi.

E’ stata formulata una richiesta di parere al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per conoscere se la copertura figurativa, risultante dal computo dei periodi di astensione, possa legittimamente considerarsi utile, oltre che per il diritto e la misura della pensione, anche ai fini dell’erogazione dell’assegno per il nucleo familiare.

Il Ministero, preso atto che per l’erogazione dell’assegno per il nucleo familiare agli iscritti alla Gestione separata è necessario che sia soddisfatto il requisito della specifica copertura contributiva, ha ritenuto che, in caso di maternità, vada riconosciuto il beneficio dell’assegno per il nucleo familiare anche in relazione ai periodi per i quali vi sia stato il solo versamento della contribuzione figurativa.

Pertanto, in presenza di tutti i requisiti previsti dalla normativa sull’assegno per il nucleo familiare e dalle disposizioni vigenti per la Gestione separata, per gli iscritti alla Gestione separata che non risultino iscritti ad altra forma previdenziale obbligatoria e non siano pensionati, la copertura figurativa è ritenuta utile, oltre che per il diritto e la misura della pensione, anche ai fini dell’erogazione dell’assegno per il nucleo familiare.

L’INPS precisa inoltre che il diritto agli assegni familiari va riconosciuto in tutti i casi in cui vi è diritto alla copertura figurativa per maternità, sia che si tratti di congedo di maternità (ordinario e/o anticipato o prorogato ed anche con riferimento alle ipotesi di adozione e affidamento di cui al D.lgs. n. 151/2001), sia che si tratti di congedo di paternità.

Inoltre, in presenza di tutti i requisiti richiesti dalla normativa di settore, il diritto all’assegno va riconosciuto anche nelle ipotesi di contribuzione figurativa per congedo parentale.

L’INPS, conclude la circolare, procederà al pagamento degli assegni familiari, ove ne ricorrano i presupposti, anche per situazioni pregresse nei limiti della prescrizione quinquennale  e comunque non oltre la data  di entrata in vigore del citato Decreto del 2007.

Link: Circolare n. 114 del 18-09-2012




Articoli correlati


Cerca nel sito

Se vuoi rimanere aggiornato su tutti i nostri articoli inserisci la tua email nel box qui sotto



A BREVE RICEVERAI UNA EMAIL PER DARE CONFERMA D'ISCRIZIONE

Google+