Cerca nel sito

Newsletter

RICEVI I NOSTRI ARTICOLI VIA EMAIL



A BREVE RICEVERAI UNA EMAIL PER DARE CONFERMA D'ISCRIZIONE

contratto a chiamata SENZA OBB. DI RISP. vs DISOCCUPAZIONE



In questa sezione si parla di contratti part-time, a chiamata o intermittenti, job sharing

contratto a chiamata SENZA OBB. DI RISP. vs DISOCCUPAZIONE

Messaggioda prettymustard » 13/01/2012, 16:10

Ciao.
Io sono sotto contratto a chiamata (intermittente ) DETERMINATO senza obbligo di risposta alla chiamata ( quindi non percepisco indennità di chiamata derivante dall’obbligo di risposta).
Il mio status quindi potrebbe essere definito DISOCCUPATA ai fini di concorsi pubblici e potrei teoricamente richiedere l’indennità di disoccupazione nei periodi di SICURO NON LAVORO?.
Ringrazio

prettymustard
Nuovo utente
 
Messaggi: 1
Iscritto il: 13/01/2012, 16:08


Re: contratto a chiamata SENZA OBB. DI RISP. vs DISOCCUPAZIO

Messaggioda antonio » 13/01/2012, 17:33

Ciao, non mi è mai capitato un caso specifico, però credo che i contratti a chiamata seguano le norme di tutti i lavoratori, senza elencarle ti lascio un link dove viene spiegato nel dettaglio come si mantiene, si perde o si sospende lo status di disoccupato:

http://www.provincia.torino.it/sportello-lavoro/rapporto_lavoro/coll_ordinario/stato_disoccupazione

antonio
Veterano
 
Messaggi: 948
Iscritto il: 22/04/2011, 13:31

Re: contratto a chiamata SENZA OBB. DI RISP. vs DISOCCUPAZIO

Messaggioda gabrieledagostino » 13/01/2012, 20:35

Per i periodi nei quali il lavoratore è a disposizione del datore di lavoro in attesa di utilizzazione spetta un'indennità specifica detta di disponibilità Art.36 del D.lgs n.276/2003 - corrisposta a consuntivo alla fine del mese.
L'indennità sopracitata non viene corrisposta solo quando il lavoratore si trovi in uno stato di impossibilità lavorativa (malattia) che ovviamente deve essere cominicato al datore di lavoro,se ciò non avviene si può perdere il diritto dell'indennità per i 15 giorni antecedentemente percepiti.
L'obbligo della chiamata del datore di lavoro deve essere pattuito espressamente e il rifiuto ingiustificato costituisce un inadempimento,che per gravità può comportare la risoluzione anticipata del rapporto di lavoro,e della restituzione dell'indennità di disponibilità percepita nei giorni successivi.

gabrieledagostino
Veterano
 
Messaggi: 456
Iscritto il: 21/04/2011, 10:37


Torna a Contratto a tempo parziale



Chi c’è in linea

Iscritti connessi: Bing [Bot], Google [Bot]

Google+