Esonero contributivo 2017, cosa sappiamo del nuovo sgravio per il Sud

0
RICHIEDI UNA CONSULENZA SU QUESTO ARGOMENTO


L'esonero contributivo 2017 per il Sud prevede uno sgravio fino a 8060,00 euro per le assunzioni a tempo indeterminato nel 2017 nelle regioni del Sud Italia

Il direttore generale del Ministero del lavoro, Salvatore Pirrone, ha firmato in questi giorni il decreto sul cosiddetto esonero contributivo 2017, il testo è stato quindi trasmesso alla Corte dei Conti per il definitivo via libera entro 30 giorni.

Il D.M. il depositato in commissione bilancio alla Camera, è reperibile in rete solo da poche ore, e prevede uno sgravio fino a 8060,00 euro per le assunzioni a tempo indeterminato effettuate dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2017, a determinate condizioni, nelle regioni del Sud Italia Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia e in parte in Abruzzo, Molise e Sardegna.

Esonero contributivo 2017, a chi spetta

L’incentivo è riconosciuto ai datori di lavoro che assumono persone disoccupate ai sensi dell’art. 19 del D. lgs. 150/2015 in possesso di queste caratteristiche:

  • giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni;
  • lavoratori con almeno 25 anni, privi di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi;

I lavoratori non devono aver avuto rapporti di lavoro con lo stesso datore negli ultimi 6 mesi (tranne che in caso di trasformazione come vedremo in seguito).

L’esonero contributivo 2017, potrà essere richiesto per le assunzioni avvenute nelle sedi di lavoro rientranti in una delle regioni su elencate, a prescindere dalla residenza del lavoratore.

Tipologie contrattuali incentivate

Lo sgravio contributivo può essere richiesto, nel rispetto dei requisiti di cui sopra:

  • per le assunzioni a tempo indeterminato, anche in somministrazione, e anche part-time;
  • per le assunzioni con contratto di apprendistato professionalizzante o di mestiere;
  • per le trasformazioni di contratti a termine in contratti a tempo indeterminato,
  • assunzione di soci-lavoratori di cooperativa con rapporto di lavoro subordinato.

Sono esclusi i rapporti di lavoro domestico e accessorio.

Sgravio contributivo per il sud, quanto spetta

Lo sgravio contributivo per il sud è pari alla contribuzione a carico del datore di lavoro nel limite di 8060,00 euro, con esclusione della contribuzione e dei premi INAIL, ed è riproporzionato nel part-time.

Lo sgravio andrà richiesto telematicamente all’INPS con modalità stabilite successivamente dall’Istituto, e verrà attribuito nei limiti degli importi stanziati, ovvero 530 milioni di euro, di cui 30 milioni per Molise, Abruzzo e Sardegna, e potrà essere fruito a conguaglio dalle aziende secondo le consuete modalità.

consulenza

Sull'autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti.