Legittimo il licenziamento del lavoratore che fuma sul posto di lavoro

0
RICHIEDI UNA CONSULENZA SU QUESTO ARGOMENTO


Per la Cassazione è legittimo il licenziamento del lavoratore che fuma sul posto di lavoro, se può provocare pregiudizio alle persone o agli impianti

E’ legittimo il licenziamento del lavoratore che fuma sul posto di lavoro? Questo il quesito a cui la Cassazione ha risposto con la sentenza n. 23862 del 23 novembre 2016 sul ricorso presentato da un lavoratore contro una sentenza della Corte di Appello di Ancona che aveva confermato il suo licenziamento.

Licenziamento del lavoratore che fuma sul posto di lavoro? Legittimo in alcuni casi.

Nel caso in esame non si tratta della classica pausa di pochi minuti presa dal dipendente per potersi allontanare e fumare una sigaretta nei luoghi adibiti ad “area fumatori”. Anzi, il punto è proprio che il dipendente è rimasto sulla sua postazione lavorativa a svolgere le sue mansioni, così mettendo a repentaglio la salute e la sicurezza degli altri colleghi. Trattasi, infatti, di un dipendente di una fabbrica di mobili, colto a fumare più volte nei locali dove erano in lavorazione solventi e legno, che notoriamente possono prendere fuoco facilmente.

La Suprema Corte non ha ritenuto rilevanti né il fatto che altri colleghi comunque erano soliti fumare, né la tolleranza del datore nel permettere questi comportamenti all’interno dello stabilimento. Il dipendente licenziato ha, in tal senso, prodotto in giudizio filmati video di altri colleghi intenti a fumare nei luoghi di lavoro successivamente al suo licenziamento. E’ stato ascoltato anche un dipendente che ha confermato queste circostanze. Tutto ciò comunque non è stato ritenuto sufficiente.

Gli ermellini hanno quindi confermato la sentenza di Appello che ha correttamente basato la sua decisione su quanto previsto dal CCNL di riferimento, che sul punto recita:

“Fermo restando l’ambito di applicazione delle procedure previste dalla legge, il licenziamento – con immediata sospensione cautelare del rapporto di lavoro – può essere inflitto, con la perdita dell’indennità di preavviso, all’operaio che commetta gravi infrazioni alla disciplina ed alla diligenza del lavoro o che provochi all’azienda grave nocumento morale o materiale o che compia azioni delittuose in connessione con lo svolgimento del rapporto di lavoro. In via esemplificativa ricadono sotto questo provvedimento le seguenti infrazioni: … m) fumare nell’ambito dello stabilimento in quei luoghi dove tale divieto è espressamente stabilito o comunque dove ciò può provocare pregiudizio all’incolumità delle persone od alla sicurezza degli impianti o dei materiali”.

Non rileva quindi neanche il fatto che nessun danno si sia prodotto: a contare è piuttosto la semplice situazione di potenziale pericolo, valutazione essenziale che deve essere fatta a priori per tutelare la sicurezza degli stessi lavoratori. In questi casi di particolare gravità si configura, quindi, la giusta causa di licenziamento e sussiste anche il requisito della proporzionalità tra il fatto contestato e la sanzione disciplinare irrogata.

consulenza

Sull'autore

Si laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Bologna nel 2000. Dal 2005 è convenzionato con primaria Organizzazione Sindacale presso la quale svolge attività di consulenza. Nel 2007 consegue il Master di II° livello in « Diritto e Processo del Lavoro » presso l’Università La Sapienza di Roma. Convenzionato con l'avvocatura INPS e INAIL dal 2011 al 2013. Attento alla formazione ed all’aggiornamento professionale, ha frequentato diversi corsi di specializzazione soprattutto in ambito giuslavoristico. Svolge l’attività di avvocato su tutto il territorio nazionale.