Come richiedere gli assegni familiari (ANF): modulo richiesta e istruzioni

In questo periodo milioni lavoratori e pensionati e altri aventi diritto devono presentare richiesta di assegni familiari, vediamo insieme come fare

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

In questa breve guida andiamo a vedere come richiedere gli assegni familiari (ANF); ricordiamo, se ancora ce ne fosse bisogno, che gli assegni al nucleo familiare sono una prestazione a sostegno delle famiglie dei lavoratori dipendenti e assimilati e dei pensionati da lavoro dipendente.

Anche se comunemente si parla di assegno familiare, il termine tecnico relativo all’argomento in oggetto è Assegno per il nucleo Familiare. La denominazione stessa ci evidenzia come gli assegni sono riferiti al nucleo familiare del soggetto richiedente; lo stesso quindi farà domanda non per moglie e figli, ma per il suo intero nucleo compreso se stesso. Vi rimandiamo alla lettura della nostra guida completa per comprendere bene il funzionamento degli ANF, oggi invece vedremo come fare richiesta assegni familiari.

Come richiedere gli assegni familiari, istruzioni

Per prima cosa bisogna comprendere che a seconda del soggetto richiedente gli ANF possono essere richiesti al datore di lavoro privato o pubblico oppure direttamente all’INPS. Importi e regole rimangono gli stessi, ma cambieranno le modalità di richiesta di assegni familiari e i modelli da utilizzare.

Gli assegni familiari spettano ai:

  1. lavoratori dipendenti pubblici e privati;
  2. lavoratori dipendenti agricoli;
  3. colf, badanti e baby sitter regolarmente assunti;
  4. lavoratori parasubordinati (collaboratori iscritti alla gestione separata senza partita IVA);
  5. pensionati (a carico del fondo pensioni lavoratori dipendenti, fondi speciali ed Enpals);
  6. titolari di ammortizzatori sociali (NASpi, CIG);
  7. lavoratori in altre situazioni di pagamento diretto INPS.

A seconda dei casi gli ANF vanno richiesti al datore di lavoro privato o pubblico, oppure direttamente all’INPS; in ogni caso è l’INPS che paga, ma il pagamento avviene direttamente dall’Istituto o tramite il datore di lavoro.

Richiesta assegni familiari, datore di lavoro

Abbiamo appena detto che gli ANF vanno richiesti al datore di lavoro, sia privato che pubblico. La procedura cambia però leggermente.

Infatti si può fare una distinzione per il modulo di richiesta assegni familiari da usare e per le modalità di domanda.

Richiesta ANF datori di lavoro privati

In questo caso il lavoratore dipendente dovrà usare il modello richiesta assegni familiari ANF/DIP SR16; il modulo ANF già compilato va consegnato al datore di lavoro o al responsabile del personale o all’ufficio paghe:

  • entro il 30 giugno di ogni anno o comunque prima dell’elaborazione della busta paga di giugno;
  • al momento dell’assunzione o entro la prima busta paga in caso di nuove assunzioni.

Se non si presenta per tempo il modulo richiesta ANF non è un grosso problema, infatti si potrà presentare in qualsiasi momento anche con data retroattiva, infatti è possibile chiedere gli arretrati ANF fino a 5 anni dopo la maturazione del diritto.

SR16 ANF DIP
» 230,6 KiB - 0 hits - 29 giugno 2018

Richiesta assegni familiari dipendenti pubblici

A seconda dell’amministrazione pubblica di appartenenza vi saranno vari modi per richiedere gli ANF; è quindi bene rivolgersi all’ufficio del personale o ufficio paghe per farsi spegare bene come procedere.

In linea generale il modulo richiesta assegni familiari è quello rilasciato annualmente dal MEF, che trovate allegato qui di seguito. L’ultimo modello disponibile è aggiornato al 12 giugno 2018, lo trovate allegato qui di seguito.

Richiesta Assegno al Nucleo Familiare (per il dipendente) - Modulo 2018 (per reddito 2017)
» 26,5 KiB - 1.567 hits - 29 giugno 2018

Come specifica NoiPA, la domanda di richiesta ANF va inoltrata:

  • alle Ragionerie territoriali dello Stato (RTS), per il personale appartenente agli uffici periferici dello Stato sia di persona che tramite posta ordinaria od elettronica;
  • all’Ufficio della propria Amministrazione od Ente che gestisce il trattamento economico dei dipendenti, nel caso di personale delle amministrazioni centrali statali o di altri Enti;
  • per i supplenti brevi e saltuari, alla scuola titolare del rapporto di lavoro. Per più contratti su più scuole il modello va consegnato a ciascun istituto.

Come richiedere gli assegni familiari direttamente all’INPS

Come abbiamo detto sopra in alcuni casi la domanda di richiesta ANF va presentata direttamente all’INPS:

  • dipendenti agricoli;
  • colf, badanti e baby sitter;
  • lavoratori parasubordinati;
  • pensionati aventi diritto;
  • disoccupati in NASPI e cassintegrati a pagamento diretto INPS;
  • infine per le richieste di arretrati ANF da ditte cessate o fallite.

Nel caso di richiesta all’INPS la domanda va inoltrata telematicamente tramite l’accesso con le credenziali nel cassetto previdenziale.

Assegno per il nucleo familiare ai lavoratori agricoli

Caso particolare è quello dei lavoratori agricoli. Infatti in questo caso bisogna fare una distinzione tra operai e impiegati, a seconda dei casi infatti la domanda deve essere presentata:

  • dagli operai agricoli a tempo determinato e figure equiparate alla Sede INPS con il modello PREST.AGR.21TP (SR 25);
  • dagli impiegati e dagli operai agricoli a tempo indeterminato (dal 2007) direttamente al datore di lavoro con modulo ANF/DIP SR16.

PREST.AGR.21TP (SR 25)
» 267,4 KiB - 258 hits - 29 giugno 2018

Modulo Variazione Nucleo Familiare

Con le stesse modalità andranno presentate anche le variazioni del nucleo familiare; ricordiamo infatti che queste vanno prontamente comunicate perchè i cambiamenti del nucleo comportano anche una variazione dell’importo degli ANF.

Leggi anche: calcolo assegni familiari

Assegni familiari, quando arrivano i soldi

Vediamo infine quando arrivano i soldi degli ANF. Nel caso di pagamento da parte del datore di lavoro privato e pubblico, per i pensionati e per i disoccupati e cassintegrati il pagamento avviene mensilmente tramite il cedolino paga, il cedolino pensione o l’accredito NASPI.

Nel caso di pagamento da parte dell’INPS per colf e badanti e lavoratori parasubordinati l’INPS pagherà con due rate semestrali posticipate. Per maggiori informazioni sui pagamenti diretti e su come richiedere gli assegni familiari è utile contattare il Numero Verde INPS.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Share.

About Author

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo.

Altri articoli interessanti

Comments are closed.