Che cosa fa un Coach per chi cerca lavoro?

Il compito del coach lavoro è come quello di un tassista che ti guida a destinazione, prima però ti aiuta a capire “Dove vuoi andare esattamente?”

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Molti conoscono la figura del coach come quella dell’allenatore che stimola l’atleta a superare i propri limiti e a dare il meglio di sé. Ed è proprio nell’ambito sportivo che è nato il coaching che poi è diventata una disciplina a tutti gli effetti che si applica sia all’individuo, per quanto riguarda gli aspetti personali e professionali, che alle aziende e ai loro manager. Possiamo paragonare il compito del coach a quella di un tassista che ti guida a destinazione, non prima però di averti aiutato a rispondere alla domanda “Dove vuoi andare esattamente?”

Il paragone con il taxi non solo è attuale (sic!) ma è anche coerente con l’origine della parola che in inglese significa proprio “carrozza”!

Detto questo, come si applica il coaching al mondo del lavoro?

Il compito del coach chiaramente non è quello di un ufficio di collocamento né di un’agenzia per il lavoro, ossia di favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, bensì quello di promuovere per prima cosa la consapevolezza delle risorse della persona e poi di indirizzarla verso strategie più efficaci per trovare lavoro.

In sintesi, il Coach del Lavoro ti aiuta a capire chi sei e chi vuoi diventare dal punto di vista professionale, per poi aiutarti a mettere in campo le azioni più efficaci nella ricerca del lavoro, dall’inviare candidature mirate fino a promuoversi sui social network.

Infine il Coach può aiutarti anche a sviluppare e realizzare un’idea imprenditoriale, superando quegli ostacoli interni ed esterni che possono frapporsi all’avvio di un’attività autonoma o di un’impresa.

Ovviamente il Coach non fa miracoli, ma ti aiuta a tirare fuori quelle risorse interiori che altrimenti rimarrebbero inespresse ed anche ad agire concretamente nella realtà, a fare un passo dopo l’altro verso la meta.

Quello che accade molto spesso è che si hanno in mano le chiavi di un’auto berlina, ma la si guida come un’utilitaria, ossia non valorizzando le proprie capacità e potenzialità!

Inoltre, la maggior parte persone che viaggiano alla ricerca del lavoro percorrono sempre le stesse strade, lunghe e tortuose, senza arrivare mai alla loro meta, tanto che a volte, sfiduciate, decidono di rinunciare e di abbandonare la loro ricerca.

Il Coach per prima cosa ti mostra il valore dell’auto che possiedi, poi ti stimola a sistemarla e lucidarla in modo che possa correre fluidamente ed essere vista e apprezzata anche a distanza. Infine ti aiuta a trovare e sperimentare strade alternative, a superare le naturali frustrazioni e stanchezze del viaggio, fino ad arrivare soddisfatti alla meta.

In sintesi, il coach può fornirti un supporto per:

  • Definire chiaramente il tipo di lavoro che vuoi cercare…o inventare
  • Analizzare le tue attitudini, capacità e competenze
  • Valorizzare il tuo profilo tramite il Curriculum e la lettera di presentazione
  • Trovare le strategie più efficaci per muoverti e promuoverti nel mercato del lavoro, attraverso internet e non solo
  • Mantenere alta la tua energia e la tua motivazione durante tutto il periodo della ricerca
  • Prepararsi al meglio ai Colloqui di Lavoro
Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Psicologa del Lavoro con esperienza nella Selezione, Formazione e Sviluppo presso la Direzione HR di aziende multinazionali. Mi occupo nello specifico di Orientamento professionale, Coaching per il lavoro, Career Coaching (Consulenza di Carriera) e Business Coaching (per l’avvio di nuove attività).

Altri articoli interessanti