Contratti: firmato CCNL per lavoratori a progetto nei call center

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Firmato CCNL per i lavoratori a progetto nei call center

Lo scorso 1 agosto, Assotelecomunicazioni-Asstel, titolare del Ccnl, Assocontact l’associazione che rappresenta le aziende di call center in outsourcing e i sindacati di categoria Slc CgiL,  Fistel Cisl e Uilcom Uil hanno firmato un contratto collettivo specifico per  i collaboratori a progetto dei call center che svolgono attività in modalità outbound.

L’accordo riguarda oltre 30mila lavoratori e, come si legge nel comunicato stampo di Assotelecomunicazioni, “rappresenta un’importante novità nel panorama delle relazioni industriali, stabilendo una piattaforma di  regole, diritti e welfare per lavoratori non subordinati su cui il comparto potrà basare il suo modello di sviluppo”. Questi i punti principali:

  • Minimi retributivi rapportati al 2° livello di inquadramento dei lavoratori dipendenti delle Tlc. E’ prevista una scaletta progressiva che parte dal 60% di questo minimo dal 1° ottobre 2013 per arrivare alla parità nel 2018;
  • Viene assicurata una garanzia di continuità occupazionale stabilendo un meccanismo di prelazione attivabile dal collaboratore;

In pratica questa clausola contrattuale consente alla aziende di tener conto, prioritariamente, per la stipula di nuovi contratti di collaborazione, delle richieste dei lavoratori già impiegati presso la stessa unità produttiva o azienda se coincidente,a condizione che abbiano maturato, anche attraverso più contatti, un periodo minimo di attività di 4 mesi. Verrà quindi stilata una graduatoria sulla base della quale i committenti procederanno a stipulare e/o rinnovare i contratti di collaborazione.

In caso di rifiuto il collaboratore sarà collocato all’ultimo posto nella graduatoria

  • Viene costituito, a partire dal 1° gennaio 2014, un Ente bilaterale che, a partire dal successivo 1° luglio erogherà prestazioni di sostegno in favore dei collaboratori affetti da gravi patologie, alle collaboratrici in caso di maternità e per le attività formativa. L’Ente sarà supportato da una contribuzione datoriale pari a 15 centesimi per ora lavorata e da una del collaboratore pari a 5 centesimi. Una commissione paritetica avvierà i lavori a partire dal 15 ottobre 2013.

Il contratto integrale lo trovate di seguito

  CCNL call center (391,2 KiB, 6.259 download)
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti