Dubbi sul congedo matrimoniale nella somministrazione di lavoro

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Chiarimenti in merito al congedo matrimoniale nella somministrazione di lavoro

Egregio Avvocato, le scrivo per avere un chiarimento in merito alla mia situazione, in particolare sul congedo matrimoniale nella somministrazione di lavoro.

Leggi anche: Il congedo matrimoniale

Dal febbraio scorso ho un contratto di lavoro con un’agenzia di somministrazione di lavoro e presto il mio servizio presso un’azienda che intende assumermi dal 7 Gennaio P.V. , Il 31 Dicembre P.V. mi sposo, e vorrei sapere se ho diritto o meno al congedo matrimoniale, visto che, dovendo firmare un nuovo contratto di lavoro regolato dal CCNL industria, sarei un lavoratore in prova per i primi tre mesi.

Certo di una vostra risposta vi porgo cordiali saluti.

Ing. Fabio O.

Salve,

ho letto la Sua richiesta e cercherò di darLe una risposta in poche righe, pur se la sua questione meriterebbe un discorso più approfondito.

Non conosco la scadenza del contratto di somministrazione, ma se tale contratto dovesse restare in essere sino alla nuova assunzione, potrebbe chiedere il congedo matrimoniale alla agenzia per il lavoro, anticipandolo completamente rispetto alla data del matrimonio o chiedendolo a cavallo di tale data.

Il giorno di inizio del congedo non deve necessariamente coincidere con quello della cerimonia. Questo le permetterebbe di usufruirne per intero, in quanto è previsto per i soli lavoratori non in prova e dal 7 gennaio Lei sarebbe in prova.

Il CCNL di riferimento prevede che “la richiesta di congedo deve essere avanzata dal lavoratore salvo casi eccezionali, con un anticipo di 10 giorni rispetto alla data indicata quale inizio del congedo. La celebrazione, inoltre, dovrà essere documentata con il certificato di matrimonio entro 30 giorni successivi al termine del periodo di congedo.”

Si potrebbe, infine, discutere sulla validità o meno della previsione contrattuale di un periodo di prova nel caso in cui l’attività lavorativa espletata è sempre la stessa dal febbraio 2013, sempre presso la stessa azienda, pur se con contratto di somministrazione, ma è un discorso che potrebbe portarLa fuori strada.

Spero di essere stato chiaro.

Auguri per le nozze!
Avv. Pietro Cotellessa

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Si laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Bologna nel 2000. Dal 2005 è convenzionato con primaria Organizzazione Sindacale presso la quale svolge attività di consulenza. Nel 2007 consegue il Master di II° livello in « Diritto e Processo del Lavoro » presso l’Università La Sapienza di Roma. Convenzionato con l'avvocatura INPS e INAIL dal 2011 al 2013. Attento alla formazione ed all’aggiornamento professionale, ha frequentato diversi corsi di specializzazione soprattutto in ambito giuslavoristico. Svolge l’attività di avvocato su tutto il territorio nazionale.

Altri articoli interessanti