Esperto Risponde: dimissioni verbali e contratto mancante

Per la rubrica Esperto Risponde l'avvocato Pietro Cotellessa fornisce indicazioni per un caso di dimissioni verbali, da un rapporto di lavoro anomalo

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Buonasera Avvocato, circa due anni fa ho iniziato a lavorare in un bar. Dopo circa due mesi il datore di lavoro mi ha chiesto la copia della carta d’identità e del codice fiscale. Dopo di che non mi ha fatto firmare nessun contratto. Verso la fine di settembre ho smesso di lavorare li avvisandolo comunque per tempo.

Adesso (dopo quattro mesi) mi ha detto per telefono che dovrei passare da lui per firmare le dimissioni. E’ tutto regolare? Può farmi firmare le dimissioni pur non avendo mai firmato un contratto? Firmarle cosa comporterebbe?
La ringrazio dell’ attenzione.

Cordiali saluti

Salve, la Sua situazione è certamente anomala.

Per verificare la Sua posizione Le consiglio di recarsi presso il Centro per l’impiego competente per territorio e chiedere un certificato storico della Sua posizione. Dal certificato potrà accertare se c’è stata o meno assunzione, in che data è stata assunta e se l’assunzione è ancora in corso.

In base a ciò che risulta dalla certificazione dovrà agire di conseguenza.

Saluti.
Avv. Pietro Cotellessa

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Si laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Bologna nel 2000. Dal 2005 è convenzionato con primaria Organizzazione Sindacale presso la quale svolge attività di consulenza. Nel 2007 consegue il Master di II° livello in « Diritto e Processo del Lavoro » presso l’Università La Sapienza di Roma. Convenzionato con l'avvocatura INPS e INAIL dal 2011 al 2013. Attento alla formazione ed all’aggiornamento professionale, ha frequentato diversi corsi di specializzazione soprattutto in ambito giuslavoristico. Svolge l’attività di avvocato su tutto il territorio nazionale.

Altri articoli interessanti