Esperto Risponde: rimborsi chilometrici interrotti

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Una azienda comunica l'interruzione dei rimborsi chilometrici solo per alcune sedi, come bisogna comportarsi in questi casi?

Salve Avvocato, ho letto nel sito Lavoro e Diritti di questa nuova rubrica, vi racconto brevemente quello che mi è accaduto.

Lavoro per conto di una grande azienda del settore delle Telecomunicazioni il mio contratto è a tempo indeterminato CCNL metalmeccanico, vivo a Roma e sono consulente presso un’altra azienda sempre del settore, e tutte le mattine percorro 60 km per recarmi in questa azienda, da circa 6 anni che percepisco i rimborsi chilometrici, per i precedenti 6 anni non mi è stato mai dato alcun rimborso pur svolgendo attività sempre fuori dell’azienda di assunzione e sempre nel comune di Roma.

Da qualche giorno è arrivata una comunicazione in cui ci viene detto che questi rimborsi chilometrici non saranno più riconosciuti, non in maniera totale, ma solo per alcuni dipendenti che si recano in sedi particolari, una regola che non vale per tutti solo per un gruppo di pochi.

A questo punto io non sò cosa fare, voi cosa mi consigliate?

Gentile Stefano,

la Sua situazione prima di essere affrontata sotto il profilo legale, dovrebbe trovare uno spazio all’interno di una trattativa sindacale. Mi scrive che si tratta di una grande azienda, avrete sicuramente, quindi, delle rappresentanze sindacali a cui Le consiglio di rivolgersi per cercare di trovare una soluzione.

Affrontare una vertenza per ottenere l’indennità dei rimborsi chilometrici potrebbe essere controproducente.

La lasci, quindi, come ultima ipotesi.

Cordiali saluti.

Avv. Pietro Cotellessa

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Si laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Bologna nel 2000. Dal 2005 è convenzionato con primaria Organizzazione Sindacale presso la quale svolge attività di consulenza. Nel 2007 consegue il Master di II° livello in « Diritto e Processo del Lavoro » presso l’Università La Sapienza di Roma. Convenzionato con l'avvocatura INPS e INAIL dal 2011 al 2013. Attento alla formazione ed all’aggiornamento professionale, ha frequentato diversi corsi di specializzazione soprattutto in ambito giuslavoristico. Svolge l’attività di avvocato su tutto il territorio nazionale.

Altri articoli interessanti