Rispondi a: Controllo accessi e privacy


Amministratore del forum
Antonio Maroscia del #54784

La materia della privacy nei rapporti di lavoro è in continua evoluzione, ma è evidente che viaggiano di pari passo, infatti è evidente come il datore di lavoro svolga sempre una raccolta di dati personali a partire dall’assunzione del lavoratore, alla raccolta dati per le buste paga, alla malattia ecc.

Tuttavia vi è un fattore comune a tutti i tipi di acquisizione lecita dei dati, ovvero i lavoratori devono essere sempre informati, chiaramente ed in modo particolareggiato, in merito alle modalità di utilizzo degli strumenti messi a disposizione e se ed in quale misura sono effettuati i controlli. Inoltre il lavoratore deve sempre poter accedere ai dati conservati previa richiesta al datore di lavoro.

Tutta la regolamentazione può essere consegnata personalmente ai lavoratori o racchiusa in una sorta di regolamento interno all’azienda, l’importante però è appunto che il lavoratore deve essere sempre informato e consapevole dei dati che l’azienda raccoglie. Il consenso comunque in alcuni casi particolari, come l’utilizzo del badge per agevolare l’acquisizione delle presenze non può essere negato dal lavoratore.

Puoi fare quindi richiesta scritta al datore di lavoro per conoscere che tipo di dati sono trattati e in che modo sono conservati e chi può accedervi.