Re:Re: indennità di malattia oltre il periodo di comporto


Amministratore del forum
Antonio Maroscia del #47399

Nella mia non molto lunga esperienza non è mai capitato un caso simile, comunque a mio avviso scaduti i 180 giorni il lavoratore non può continuare ad inviare certificati malattia ma potrà chiedere un periodo di aspettativa non retribuita per ulteriori 120 giorni, a condizione però di continuare ad esibire i certificati di malattia.

Tuttavia secondo l’INPS e secondo il CCNL commercio e terziario per anno solare si intende il periodo 01/01 -31/12. Quindi teoricamente per malattie a cavallo di 2 anni il conteggio ricomincia dall’inizio il 1/1. Di conseguenza la malattia dovrà essere retribuita e il periodo di comporto potrà durare fino al 180 giorno di questo successivo anno.

Per concludere quindi ritengo che ne l’azienda ne l’INPS sono tenuti a pagare i giorni dal 15/12 al 31/12 per poi ricominciare a pagare l’anno nuovo. Infine c’è sempre da ricordare che dal 16/12 in poi il lavoratore è comunque licenziabile dall’azienda visto che è terminato il periodo di comporto.

Ovviamente come sempre preciso che il mio è solo un parere per nulla vincolante, anzi ti invito a chiedere pareri anche in altri forum o direttamente all’INPS o a professionisti di fiducia 😉