Re:Re: MINI-ASPI dubbi in merito


Partecipante
spartacus del #47628

Caro amico Gabriele, per quanto abbia letto nel link che hai messo non ho trovato alcuna frase che dicesse che al lavoratore che volesse accedere alla mini aspi ci fosse il requisito per cui il contratto deve essere cominciato nel 2013. Piuttosto fa testo la circolare 142 del 18-12-2012 che, copio testualmente al punto 2.3 dice: – Contribuzione utile ed individuazione del biennio per il diritto: la precedente contribuzione, versata o dovuta, contro la disoccupazione è considerata valida ai fini dell’indennità di disoccupazione ASpI e della mini-ASpI.
Prosegue poi :
3.1 – Requisiti
L’indennità è riconosciuta ai lavoratori che, a partire dal 1° gennaio 2013, abbiano perduto involontariamente la propria occupazione e che presentino i seguenti requisiti:
a. possano far valere lo status di disoccupato ai sensi dell’articolo 1, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 181, e successive modificazioni;
b. possano far valere almeno 13 settimane di contribuzione da attività lavorativa negli ultimi 12 mesi precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione, per la quale siano stati versati o siano dovuti contributi per l’assicurazione obbligatoria. omissis
Si chiarisce che non è richiesto il requisito dell’anzianità assicurativa.
Per la verifica del requisito contributivo per la prestazione in esame quanto già precisato al precedente punto 2.3.
Semplificando il tutto secondo me ha diritto alla mini aspi chi è stato licenziato a partire dal 01/01/2013 ed abbia 13 settimane lavorate nell’anno che va ritroso dalla data di licenziamento, quindi sono validi i contributi versati nel 2012 purche risulti versato l’ex contributo ds, cioe per la quasi totalità dei lavoratori esclusi i coop e gli apprendisti, categorie tral’altro che cominciano a versare l’ex ds (oggi contributo aspi) dal 01/01/2013. Aggiungo che, solo per la mini aspi, non è più previsto il contributo di anzianità. Questo per i requisiti. Riguardo al calcolo, per entrambe le indennità prendono in considerazione la retribuzione del biennio dalla data del licenziamento e le dividono per le settimane al calcolo dello stesso periodo ottenendo la media mensile che opportunamente trattata tenendo presente dei massimali, e rapportandola al 75% edividendola per 4,33 uscirà la somma settimanale che , nel caso della mini aspi, verrà erogata per la metà delle settimane lavorate negli ultimi 12 mesi dalla data del licenziamento.
Qui la circolare completa: http://www.inps.it/bussola/VisualizzaDoc.aspx?sVirtualURL=%2fCircolari%2fCircolare%20numero%20142%20del%2018-12-2012.htm