Congedo per paternità

Pubblicato in: Presentazioni


  • Partecipante
    rcassoni del #44332

    Salve a tutti, sono nuovo di questo forum. Mi sto perdendo nei meandri della giurisprudenza italiana per cercare di capire se ho diritto al congedo per paternità e con quale retribuzione prevista, date le seguenti condizioni:

    Madre : esercita l’attività di architetto come libero professionista, in totale assenza di qualsiasi forma di contratto di lavoro ( parasubordinati o altro….). Paga regolarmente i propri contributi all’ente previdenziale del suo Ordine professionale ( INARCASSA ). Sicuramente l’ente previdenziale ( INARCASSA ) gli riconoscerà un indennizzo pari all’80% dei 5/12mi dell’imponibile dei due anni prima ( nel caso specifico del 2010 ).

    Padre: dipendente a tempo indeterminato presso PosteVita SPA ( società del gruppo Poste Italiane ).

    Domanda: ho diritto al congedo di paternità, considerando che per la madre lavoratrice autonoma ( non INPS ), le viene riconosciuta soltanto una indennità? Se si, con quale percentuale di retribuzione.

    Questo che aspettiamo è il secondo bambino, e il mio ufficio del personale, per il primogenito non mi ha suggerito nessuna forma di congedo prevista; ricordo ancora quando mia moglie a due mesi dalla nascita del primo bimbo, ha dovuto portarsi il neonato in cantiere ( ovvie ragioni di allattamento ), in quanto direttrice dei lavori.

    Ringrazio tutti coloro che mi daranno dei consigli


    Amministratore del forum
    Antonio Maroscia del #46727

    Salve sig. Cassoni, la situazione secondo me è abbastanza chiara… nel periodo di maternità che corrisponde all’obbligatoria per i dipendenti, quindi 2 mesi prima del parto e 3 mesi dopo sua moglie usufruirà di un congedo obbligatorio o qualcosa di simile pagato dalla sua cassa. In quel periodo il padre non non ha diritto al congedo obbligatorio se non per gravi problemi di salute della madre, ma non glielo auguro minimamente! (può usare le ferie o i permessi).

    Successivamente potrà utilizzare tutto ciò che sarebbe spettato a sua moglie se fosse stata dipendente, cioè i permessi di allattamento retribuiti (2 ore al giorno fino al compimento di un anno del neonato), congedo parentale con astensione dal lavoro con retribuzione al 30% ecc. per farsi un quadro completo può dare un’occhiata al T.U. sulla maternità e paternità http://www.edscuola.it/archivio/norme/decreti/dlvotucp.html

    In bocca al lupo per tutto!


    Partecipante
    rcassoni del #46728

    Molte grazie Sig. Antonio.


    Partecipante
    daschi45 del #46729

    ciao volevo chiedere se il padre ha il diritto del permesso per allattamento quando la moglie sta fruendo del periodo di disoccupazione percependo compenso… se si il padre con la riduzione dell’orario può partecipare a corsi di formazione oltre le quattro ore e può dare la propria disponibilità per reperibilità o chiamate per emergenza coprendo un doppio turno??? grazie 🙄


    Partecipante
    daschi45 del #46730

    @daschi45 wrote:

    ciao volevo chiedere se il padre ha il diritto del permesso per allattamento quando la moglie sta fruendo del periodo di disoccupazione percependo compenso… se si il padre con la riduzione dell’orario può partecipare a corsi di formazione oltre le quattro ore e può dare la propria disponibilità per reperibilità o chiamate per emergenza coprendo un doppio turno??? grazie 🙄


    Amministratore del forum
    Antonio Maroscia del #46731

    Sono domande a cui non so darti risposte certe. Orientativamente puoi richiedere i permessi di allattamento, in quanto la giurisprudenza ha chiarito più volte che il padre ha gli stessi diritti della madre riguardo ai figli. Quindi i permessi di allattamento possono essere richiesti dal padre anche se la madre è casalinga. Non si parla di disoccupazione ma il principio è più o meno lo stesso.

    Per il resto devi concordare con il datore di lavoro, non sono a conoscenza di leggi o regolamenti così dettagliati.

consulenza
Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.