contratto part-time, a tempo determinato.


  • Partecipante
    pdb86 del #44105

    Salve,
    sono una studentessa con un contratto part-time a tempo determinato.
    Il mio orario di lavoro è pari a 28 ore settimanali. Attualmente ho un contratto dal 29/08/2011 al 23/12/2011. Il rinnovo del contratto avverrà il 27/12/2011. So che per tali contratti c’è bisogno di una pausa pari a 10 gg. se il ctr è inferiore a 6 mesi e di 20 gg. se è superiore a 6 mesi. In questo modo, al momento della proroga, che avverrà a soli 4 gg. dopo il termine del mio ctr di 4 mesi, non c’è abuso? come posso far valere i miei diritti?


    Amministratore del forum
    Antonio Maroscia del #45831

    Ciao, se si tratta di un rinnovo devono passare necessariamente 10 gg fra la fine del vecchio contratto e l’inizio del nuovo. La conversione non è automatica, dev’essere un ispettore del lavoro a verificare l’irregolarità e diffidare il datore di lavoro a trasformare il rapporto da t. determinato a t. indeterminato. questo può avvenire durante una classica ispezione o su segnalazione alla Direzione Provinciale del lavoro direttamente da parte del lavoratore o un suo rappresentante, es. un sindacato..

    La cosa migliore in questi casi è rivolgersi ad un’organizzazione sindacale, proprio per evitare di fare errori e per tutelare al meglio i propri interessi 😉


    Partecipante
    pdb86 del #45832

    Certo, è un rinnovo. Lavoro con questa azienda dal 2009 e sempre hanno rispettato i termini dei 10 gg. per i ctr inferiori a 6 mesi e i 20 gg. per quelli superiori.
    Nel caso in cui il nuovo contratto abbia ad oggetto una dicitura diversa dalla solita, è possibile che avvenga questo rinnovo senza che siano trascorsi i 10 gg??
    Io so della possibilità di effettuare un contratto interinale nel periodo di sospensione tra un contratto e l’altro, ma viene stipulato con un’agenzia somministratrice diversa. Non è questo quindi il caso.
    L’azienda per cui lavoro è nazionale e quindi i responsabili che trovo nella mia sede non definiscono i contratti dei dipendenti.
    Rivolgendomi al sindacato potrei avere la conversione del contratto a tempo indeterminato? Quanto tempo ho per agire? c’è un periodo massimo? Firmando il nuovo contratto perdo la possibilità di rivolgermi ai sindacati?


    Amministratore del forum
    Antonio Maroscia del #45833

    A quanto pare la tua azienda stà agendo rispettando tutte le regole del contratto a termine, però bisognerebbe comprendere che la normalità non è il contratto a tempo determinato, bensì il contratto a tempo indeterminato. Il contratto a termine deve avere ragioni più che valide per essere adoperato, quindi in una eventuale vertenza la tua azienda dovrebbe dimostrare che il tuo contrattoaveva ad esempio delle valide ragioni tecniche per essere stipulato a termine. Il contratto può essere impugnato durante la sua durata o al massimo entro 30 giorni dal licenziamento. Per i vecchi rapporti invece c’è tempo fino al 31/12 di quest’anno. Comunque per avere una idea precisa ti consiglio di rivolgerti ad un buon sindacato.


    Partecipante
    carla binci del #45834

    vorrei aggiungere che devi vedere come effettivamente avverrà la proroga o l’eventuale nuovo contratto ; infatti il giorno 23/12 cade di venerdì ed il 27/12 è il 1° giorno di lavoro dopo natale.
    potrebbe esserci un semplice equivoco a livello verbale, aspetta di vedere il documento che firmerai e ….scrivi tu la data quando firmi 😯 .

consulenza
Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.