Il datore tenta di obbligarci ad un servizio pericoloso e non attinente

Pubblicato in: Argomenti vari


  • Partecipante
    Roberto Raff del #57168

    Salve a tutti, non sapendo più che fare apro una discussione per chiedere informazioni più dettagliate su ciò che ci sta accadendo negli ultimi tempi. Ho un contratto a tempo indeterminato di portierato in un centro commerciale, da un pò di tempo a questa parte stanno avvenendo dei grossi furti da parte di una banda organizzata di malviventi in regione che sta apparendo nei fatti di cronaca degli ultimi mesi, due dei quali avvenuti proprio in una catena di elettrodomestici all’interno del centro. La nostra immagine, seppr il contratto di lavoro sia di portierato, viene spesso spacciata per anche una piccola forma di sicurezza interna, quindi controllo telecamere, ispezioni delle parti comuni e cose così, nulla comunque che ci metta a seri rischi alla nostra incolumità. Almeno fino agli ultimi eventi in quanto la direzione ha richiesto alla società che noi dipendenti, uno alla volta per turno, dobbiamo presidiare nei turni notturni l’area più prossima al negozio a rischio con la disposizione che, come li vediamo arrivare, dobbiamo scappare e avvisare le forze dell’ordine.
    Questo ci mette nella situazione di trovarci in serio pericolo alla nostra incolumità in quanto:

    1. Crediamo il nostro contratto non ci tuteli in caso di incidenti su mansioni non attinenti alla tipologia del contratto
    2. Siamo privi di qualsivoglia maniera per difenderci, siamo disarmati, inermi e non sappiamo nemmeno la dinamica in cui i rapinatori potrebbero entrare. Non sappiamo se sono armati (ma una grossa rapina come quella rende verosimile che i rapinatori lo siano), non sappiamo se la situazione creatasi ci dia la possibilità di allontanarci dall’area di pericolo, non sappiamo niente. Non abbiamo alcun tipo di qualidica se non quella di primo soccorso e di antincendio,
    3. Non abbiamo alcun tipo di esperienza a far fronte a questo tipo di eventi a rischio il che ci rende impreparati.
    4. Non vi è alcun piano d’emergenza se non la disposizione di “scappare”.

    Noi dipendenti abbiamo fatto rifiuto della disposizione diverso tempo ma la società ci sta minacciando di azioni disciplinari in caso di mancato servizio e legali qualora si verificasse un furto senza la nostra presenza nell’area designata.
    Ci dicono inoltre che il servizio di portierato include anche i presidi, il che non vuol dire nulla, dipende da che tipo di situazioni il lavoratore viene inserito.

    Adesso chiedo a voi, il mio contratto di lavoro mi impone di mettere a rischio la mia incolumità in mansioni adatte alla sorveglianza armata? Il mio contratto mi tutela in caso di danni, anche gravi alla mia persona? Si sta perpetrando un abuso

    Grazie a chiunque vorrà risponderci da tutto il gruppo di lavoro.


    Partecipante
    robertocaccia del #57590

    Ciao, guarda per legge attieniti a cosa è scritto sul contratto
    cioè le tue mansioni sono X e Y e basta! il datore di lavoro ha facoltà di chiederti altre mansioni ma te non hai l’obbligo e quindi non sei licenziabile per giusta causa.

    Per quanto riguarda la sicurezza: sempre per legge il datore di lavoro deve tutelare il proprio dipendente quindi deve fornirti il materiale e il contesto per un lavoro idoneo.
    Poi dipende anche dal CCNL applicato, da altre assicurazioni e l’inquadramento che hai

    Da quel che so io, portierato non è guarda giurato nè addetto alla sicurezza.
    Per fronteggiare malviventi armati ci vogliono corsi e porti d’armi se è il caso… al massimo potete soltanto fare una normale legittima difesa

consulenza
Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.