Limite rinnovi


  • Partecipante
    ALIBABA del #63754

    Buongiorno,

    La domanda che faccio è semplice e complessa allo stesso tempo. Non ho trovato una risposta precisa perché il caso è particolare. Mi scuso in anticipo se è presente e non l’ho vista.

    In occasione del nuovo decreto sui rinnovi mi chiedo quale sia il limite temporale nel caso in cui una persona rifiuti un rinnovo in favore di un nuovo datore di lavoro e successivamente ritorni dal primo.

    È il mio caso. 14 mesi, due rinnovi. Rifiuto il terzo. Sottoscrivo un nuovo contratto con un altro datore. Dopo 20 giorni si interrompe questo nuovo rapporto ed io torno dal primo datore per firmare un terzo contratto di 6 mesi e mezzo a 45 giorni dalla scadenza del secondo . In questo caso il limite di rinnovi e quello temporale decorre dalla prima sottoscrizione oppure da quella attuale con una specie di “reset” dei termini?

    La legislazione parla di contratti “successivi” e non ho trovato casistiche in merito.

    Grazie in anticipo.


    Partecipante
    andrea68 del #63758

    Il decreto precisa che, limitatamente alle disposizioni relative al contratto a termine, le modifiche trovano applicazione ai contratti stipulati successivamente all’entrata in vigore dello stesso (e non poteva essere altrimenti), come pure ai rinnovi e alle proroghe dei contratti già in essere.

    In questa seconda ipotesi, i contratti in essere non potranno avere durata, per effetto anche di proroghe o rinnovi, superiore a 24 mesi. Qualora invece tale durata fosse stata superata per interventi antecedenti l’entrata in vigore, il rapporto potrà giungere a naturale scadenza senza possibilità di nuove proroghe o rinnovi, essendo l’assunzione a tempo indeterminato l’unica alternativa consentita per il mantenimento del “rapporto” tra le medesime parti.


    Partecipante
    Vincenzo89 del #65203

    Assunto a tempo determinato ottobre 2016, con vari rinnovi ora il mio ultimo contratto a tempo determinato scade 30/11/2018 avendo superato i 2 anni dall’inizio del rapporto lavorativo. Ora la domanda è.. il mio prossimo contratto potrà essere determinato o dovrà essere indeterminato?
    grazie


    Partecipante
    andrea68 del #65278

    Se la sommatoria supera i 24 mesi allora per forza a tempo indeterminato.

Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.