MINI-ASPI dubbi in merito


  • Partecipante
    spartacus del #47640

    Riprendo perché mi è partito il messaggio prima di finire. Con la nuova domanda che andrai ad istruire non terranno conto del periodo contributivo per il quale hai già usufruito della mini ( anche se all’interno dei 12 mesi) ma prenderanno in considerazione il periodo che ancora non ti avevano indennizzato.


    Partecipante
    prometeo777 del #47641

    Innanzitutto grazie per la puntuale ed oggettiva risposta.

    In pratica se non ho capito male, avendo lavorato 6 mesi,

    1) dovrei essere indennizzato per circa 3 mesi e a questi aggiungere il periodo della precedente miniaspi interrotta, circa un mese (miniaspi precedente era di circa 3 mesi e mezzo – in quanto avevo lavorato per 7 mesi – usufruiti 2 mesi e mezzo, poi interrotta)

    Traducendo ciò che dice l’inps al mio caso concreto : ” ai fini della durata, non sono computati i periodi contributivi che hanno già dato luogo ad erogazione della prestazione”, io terminerò il mio contratto il 21 ottobre 2013, nei 12 mesi precedenti ho lavorato dal 21 ottobre 2012 all’ 8 gennaio 2013 e dal 22 aprile 2013 in poi. Dunque il primo periodo (21 ottobre 2012 – 8 gennaio 2013) per il quale ho già usufruito della miniaspi (seppure parzialmente) non sia andrà a sommare ai 6 mesi per i quali chiedo l’erogazione di una nuova mini-aspi.
    Alcuni parlano invece di sottrarre il primo periodo già usufruito ma tale interpretazione si discosta da quanto afferma letteralmente l’inps (“non sono computati”).

    Su questo punto sapete darmi delle delucidazioni ???????


    Partecipante
    prometeo777 del #47642

    Salve a tutti volevo porre alla vostra attenzione una questione estremamente importante per me.
    Come dicevo, mi è terminato il contratto (6 MESI) il 21 ottobre, tra qualche giorno farò domanda di mini-aspi.
    Ora il punto è questo: il datore di lavoro mi ha prospettato la possibilità di riassumermi per UN MESE a dicembre. Dunque in questo caso cosa succede con la mini aspi:
    1) verrò liquidato il mese di novembre e a dicembre devo fare l’interruzione, per poi continuare a ricevere l’indennità di nuovo a gennaio????
    oppure
    2) a gennaio devo fare ex novo una nuova domanda, ma in questo caso avendo solo lavorato il mese di dicembre come funziona con i requisiti?????

    Attendo risposte, questa è una situazione molto delicata, forse analoga a quella di molti giovani, vorrei evitare il rischio a gennaio di rimanere senza alcun sussidio.
    grazie anticipatamente


    Partecipante
    spartacus del #47643

    Se vuoi un consiglio io farei così: per istruire la domanda hai tempo 68 giorni, quindi termine ultimo il 28/12/2013. Io aspetterei almeno fino alla prima decade di dicembre per vedere se il tuo datore mantiene le promesse e poi regolarti di conseguenza. In alternativa la domanda puoi farla adesso. Economicamente non cambia niente, se la fai adesso te la bloccano quando riprendi a lavorare per poi usufruire del periodo non utilizzato quando rifarai la domanda. Se la domanda la fai a gennaio rientreranno tutti i sei mesi + quello di dicembre. Ovviamente sta a te decidere, soprattutto se hai bisogno di prendere i soldi ora che sei senza nessuna entrata, o rimandare. Parlane con il tuo caf e vedi cosa ti dice.


    Partecipante
    prometeo777 del #47644

    grazie spartacus puntuale come sempre.
    Avrei un altro dubbio da porre all’attenzione:
    Io ho intenzione di fare domanda di MINI-ASPI, tuttavia se considero il biennio a partire a ritroso dalla scadenza del contratto 21/10/2013 -21/10/2011, ho raggiunto, anzi ho superato, le 52 settimane contributive, poichè ho lavorato da giugno 2012 a gennaio 2013 e da aprile 2013 sino a questo ottobre appunto; ho anche il requisito assicurativo perchè ho lavorato prima del 21/10/2011. In teoria ho tutti i requisiti per l’ASPI.

    Ora il mio dubbio è questo; posso fare domanda di ASPI, anche se per il periodo che va da giugno 2012 a gennaio 2013 (quindi 7 mesi) ho già usufruito (seppur parzialmente) della MINI ASPI.???????????????????

    Attendo risposte e grazie anticipatamente


    Partecipante
    spartacus del #47645

    Non saprei dirlo con certezza, però per non lasciare niente di in tentato fai la domanda di aspi con opzione di passarti d’ufficio alla mini nel caso non ci fossero i requisiti per l’aspi. L’inps, in fase di istruzione della pratica accerterà i tuoi requisiti, se hai quelli dell’aspi bene altrimenti sarà l’inps stessa a dirottarti sulla mini aspi senza che tu faccia niente.


    Partecipante
    prometeo777 del #47646

    Salve a tutti torno a scrivere per rendervi partecipi di una situazione veramente strana (se non incredibile a mio avviso). Allora ho presentato domanda di aspi a fine ottobre presso un caf. Oggi chiamo il centralino dell’Inps per sapere a che punto fosse la mia domanda, e l’operatore mi dice che il 12 novembre la domanda era stata accolta, ma ,poi, in data 18 novembre è stata inviata una comunicazione al mio caf di riferimento(comunicazione non ancora ricevuta tra l’altro) nella quale si chiede l’esibizione delle buste paga di tutti i mesi lavorati nel 2013 (da aprile fino a ottobre). Voi direte beh cosa c’è di strano????? Il fatto è che io ho lavorato presso un ente pubblico ed in effetti lo scorso anno per ricevere la mini aspi non ho dovuto presentare nessuna busta paga cartacea.
    Casa può essere successo ????? Io non mi so dare una spiegazione, ricordo, infatti, che quando feci la domanda lo stesso sindacalista mi disse che non c’era bisogno delle buste paga cartacee perchè tutti i dati necessari erano già presenti sul sito dell’inps.
    io poi non ho nemmeno conservato tutte le buste paga, convinto non fossero necessarie , ho solo quelle degli ultimi due mesi.
    Qualcuno sa darmi qualche consiglio?????? qualche spiegazione a riguardo???? stanotte mi aspetta una notte insonne 😥

    grazie anticipatamente


    Partecipante
    spartacus del #47647

    La cosa è stranissima, che ci azzeccano le buste paga con l’indennità aspi? Sarei propenso a pensare ad uno scherzo di pessimo gusto. Lascia perdere il centralino inps (sono ragazzi chiamati a rispondere senza nessuna cultura nel campo)e anche lascia perdere il caf, quella comunicazione non la riceveranno mai perché non può esistere, recati di persona all’ufficio inps di zona e chiedi li. Magari è tutto a posto.


    Partecipante
    prometeo777 del #47648

    grande rispetto per spartacus 😉

    Allora aggiorno: stamattina preso dall’ansia, recupero tutte le buste paga e mi reco subito al caf. Il quale mi dice che proprio oggi ha ricevuto la lettera nella quale mi si invita a presentare la “documentazione mancante” (c’era scritto proprio così) cioè le buste paga da aprile ad ottobre. Decido, dunque, di andare personalmente nel capoluogo di provincia sede Inps per consegnare questi benedetti “documenti” .
    Dopo una fila di circa un’ora riesco a parlare con l’impiegato allo sportello (prestazioni a sostegno del reddito) e gli dico di aver ricevuto la comunicazione di cui sopra e gli consegno le buste paghe richieste, gli faccio però questa domanda “io sono stato dipendente di un ente pubblico come mai mi viene richiesto di esibire tutte le buste paga dell’ultimo contratto?????” e l’impiegato con fare sc.azzato (scusate l’eufemismo) mi risponde che non riuscivano a vedere i contributi versati dall’amministrazione per “problemi di sistema” 😯 . Prendo la ricevuta con numero di protocollo, stringo la mano all’impiegato e vado via.
    Questa è l’Italia……….. mai come oggi mi son sentito un piccolo Fantozzi perseguitato dalla sfiga

    Incredibile


    Partecipante
    spartacus del #47649

    Beh, loro hanno problemi al sistema e bloccano l’iter dell’indennità quando sarebbe bastata una telefonata all’ente per farsi dare i dati previdenziali. Si, povera Italia.

Stai vedendo 10 articoli - dal 21 a 30 (di 30 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.