modifica contratto tempo indeterminato

Pubblicato in: Argomenti vari


  • Partecipante
    teo87matbg del #54518

    buonasera,
    lavoro da 5 anni in uno studio professionale inquadrato come impiegato di 3 livello CCNL studi professionali.
    mi è stata proposta una modifica del contratto secondo due modalità per calo lavoro:
    – passaggio da tempo indeterminato full-time a tempo indeterminato part-time.
    – passaggio da tempo indeterminato full-time a lavoratore autonomo con partita IVA, con il vincolo di dover lavorare le 40 ore settimanali presso lo studio di cui sopra.

    il datore di lavoro sostiene che, qualora non accettassi le due proposte, sarei obbligato a dimettermi senza la possibilità di farmi licenziare e di accedere alla disoccupazione. confermate che la sua interpretazione è corretta?

    grazie

    Saluti


    Amministratore del forum
    Antonio Maroscia del #54520

    Per quanto riguarda la prima opzione la modifica non può avvenire unilateralmente, ma ci vuole il tuo consenso, quindi se a te non va bene il part-time non sei obbligato ad accettare. Per la seconda ancora meno, in quanto aprire una partita IVA non è proprio una cosa semplice ed è una scelta che bisognerebbe fare consapevolmente in quanto ti condizionerà negli anni futuri. Detto questo è chiaro che il datore di lavoro ti ha messo un po’ con le spalle al muro ed è evidente che se non accetti non andrà a finire bene… però sicuramente non può obbligarti a firmare le dimissioni, questo certamente no, tuttalpiù dovrà essere lui a licenziarti.

    Per quanto riguarda la prima opzione potresti far mettere per iscritto, che si tratta di un passaggio temporaneo, magari potreste inserire una clausola dicendo che il contratto viene trasformato in part-time fino al 31/12/2016? E’ solo una ipotesi per tentare di salvare capre e cavoli.


    Partecipante
    teo87matbg del #54522

    Gentile Dott. Maroscia,
    La ringrazio per la risposta. Ad ogni modo non sono interessato a salvare capre e cavoli considerato il trattamento che ho ricevuto. L’unica cosa che mi interessa è poter accedere quantomeno alla disoccupazione prevista per licenziamento per cause oggettive ( calo di lavoro) causa che poi in realtà non sussiste perché l’opzione della partita iva mi impegnerebbe 8 ore con le stesse mansioni di oggi;
    La disoccupazione avviene a seguito del licenziamento, sempre per cause oggettive, e non delle dimissioni.
    Non sono però sicuro, in virtù delle loro proposte, che il licenziamento per cause oggettive sia possibile.

    Grazie
    Buonagiornata


    Amministratore del forum
    Antonio Maroscia del #54523

    Certo, puoi accedere alla disoccupazione solo se vieni licenziato o ti dimetti per giusta causa, ma non mi sembra il tuo caso, almeno per ora.


    Partecipante
    teo87matbg del #54529

    Chiaro, in pratica vorrei farmi licenziare ma loro sostengono che sono io a dovermi dimettere perché comunque loro proposte alternative me ne hanno fatte.


    Amministratore del forum
    Antonio Maroscia del #54535

    Tu devi semplicemente rimanere fermo, non accettare e non firmare nulla, non possono costringerti. Alla fine o ti lasciano così o ti licenziano, non c’è altra via.

consulenza
Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.