ORARIO DI LAVORO


  • Partecipante
    Laura1969 del #44063

    Salve,
    ho un contratto a tempo determinato part-time di 30 ore settimanali con una cooperativa che mi viene rinnovato mese per mese, finora per tre volte…essendo iniziato il rapporto di lavoro a luglio. Attualmente, quindi nel quarto mese di lavoro,
    mi stanno facendo svolgere meno ore di quelle che dovrei, anzichè trenta si parla di 17 ore e mezzo o a volte 20 ma non di più. Vorrei gentilmente sapere se l’azienda può fare una cosa del genere e come dovrei comportarmi io in merito. Grazie.


    Amministratore del forum
    Antonio Maroscia del #45698

    Ciao Laura, in questi casi la prima cosa da fare è provare a chiedere informazioni al datore di lavoro. Questo è un atto dovuto perchè potrebbe essere una situazione temporanea, se poi la risposta sarà vaga il secondo passo è rivolgersi ad un sindacato, così solo a titolo informativo portando con te tutta la documentazione relativa al rapporto di lavoro.


    Partecipante
    gabrieledagostino del #45699

    La legge non stabilisce durate minime e massime di orario di lavoro per i lavoratori a tempo parziale,taluni contratti collettivi invece,individuano fasce orarie giornaliere,settimanali,o mensili entro la quale deve essere fissata la prestazione lavorativa.
    Quindi essendo un contratto a tempo determinato,a tempo parziale la cooperativa in questione può decidere come utilizzare il suo rapporto di lavoro,in quanto può giustificare il motivo per cui tiene ad utilizzare un lavoratore a margine dell’orario minimo contrattuale pattuito nel suo caso 30 ore settimanali,ciò è dovuto per motivi aziendali,tecnici,produttivi,crisi temporanee di mercato,inefficenze aziendali,insomma il suo comportamento deve essere quello di essere a disposizione dell’azienda,poi dipende se lei ha firmato sul suo contratto delle voci,che riguardano le clusole flessibili,clausole elastiche ovviamente questo è da vedere.
    Mi auguro di essere stato chiaro,se risolve la sua situazione noi del forum ci teniamo ad avere lumi in merito.


    Partecipante
    gabrieledagostino del #45700

    Prodromo,
    facendo un’attenta analisi,sui contratti a tempo parziale ho studiato attentamente anche quali potrebbero essere i benefici di cui si possono godere,elenco brevemente alcuni dettagli, secondo la giurisprudenza il D.L n.726/1984 l’art.5 comma 1 e 4 stabiliscono che:
    Comma 1:
    I lavoratori che siano disponibili a svolgere attività ad orario inferiore rispetto a
    quello ordinario previsto dai contratti collettivi di lavoro o per periodi predeterminati nel corso della settimana, del mese o dell’anno possono chiedere di essere iscritti in apposita lista dicollocamento. L’iscrizione nella lista dei lavoratori a tempo parziale non è incompatibile con l’iscrizione nella lista ordinaria di collocamento. Il lavoratore che venga avviato ad un lavoro a tempo parziale può chiedere di mantenere l’iscrizione nella prima o seconda classe della lista ordinaria nonché nella lista dei lavoratori a tempo parziale.
    Comma 4:
    Salvo diversa previsione dei contratti collettivi di cui al precedente comma 3, espressamente giustificata con riferimento a specifiche esigenze organizzative, è vietata la prestazione da parte dei lavoratori a tempo parziale di lavoro supplementare rispetto a quello concordato ai sensi del precedente comma 2.


    Partecipante
    carla binci del #45701

    laura, sei un socio lavoratore?
    ci sono casi simili al tuo dove il socio lavoratore firma un contratto dove si dice espressamente che la cooperativa può utilizzare il dipendente secondo le proprie esigenze aziendali.
    ritengo che la cooperativa non possa, comunque, astenersi dal giustificare il fatto che non ti permetta di effettuare la prestazione lavorativa secondo il contratto stipulato.

    …e poi, il tuo contratto viene prorogato ogni mese? 👿


    Partecipante
    Laura1969 del #45702

    Buongiorno,
    Vorrei ringraziare tutti per l’attenzione e le risposte che mi sono pervenute.
    Il contratto è rinnovato mensilmente, ora fino a fine anno e poi si vedrà..
    Giustamente ho chiesto spiegazioni all’agenzia interinale che mi ha assunto per conto della cooperativa in questione e mi è stato detto che le trenta ore settimanali, anche se dovrebbero essere lavorate, sono indicative a seconda delle esigenze della Cooperativa e quindi può capitare la settimana che si è impiegati per venti ore come quella per quaranta. Questa è la sostanza. Ho pensato che se mi dovessero proporre un ulteriore rinnovo del contratto per il 2012 mi informerò presso i sindacati sulle norme che regolano la categoria di cui faccio parte.

consulenza
Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.