ottenimento disoccupazione in caso di fine lavoro dipendente con partita iva att

Pubblicato in: Altro


  • Partecipante
    maveriks del #54655

    Gentilissimi vi chiedo una informazione in merito alla possibilità esposta in oggetto. Sono dipendente a tempo indeterminato con contratto part time a 24 ore da quasi 4 anni e con partita iva attiva contemporaneamente x altro lavoretto mio.
    Ipotizzando che l’azienda per cui sono dipendente decidesse di interrompere il nostro rapporto lavorativo io potrei chiedere la disoccupazione nonostante abbia in contemporanea partita iva attiva?
    Oppure per ottenere la disoccupazione dovrei chiudere la partita iva PRIMA di ricevere il ben servito dall’azienda?
    Spero possiate spiegarmi come sarebbe meglio che io mi comporti in questa eventualità per non rischiare di perdere la disoccupazione.
    Grazie mille


    Amministratore del forum
    Antonio Maroscia del #54665

    Ciao la circolare INPS da tenere in considerazione è questa: https://www.inps.it/bussola/VisualizzaDoc.aspx?sVirtualURL=/Circolari/Circolare%20numero%2094%20del%2012-05-2015.htm&iIDDalPortale=&iIDLink=-1

    Ora quello che bisogna sapere è:

    1. la partita IVA è necessaria?
    2. hai intenzione di trovare un altro lavoro subordinato oppure vuoi cercare di ampliare l’attività con partita IVA?

    Se la partita IVA era solo per lavoretti saltuari e non hai intenzione di proseguire quella attività tanto vale chiuderla e prendere la NASpI per il periodo che ti spetta in attesa di un nuovo lavoro.

    Se invece hai prospettive di crescita con la partita IVA puoi prendere in considerazione l’ipotesi di richiesta della NASpI in unica soluzione per ampliamento di attività esistente.

    Infine la terza via è percepire la NASpI ridotta; nel caso in cui con l’attività autonoma non superi la soglia di 4800 euro potrai comunicare questi redditi tramite naspiCom all’INPS, il quale accerterà che non superando tale soglia non perderai lo stato di disoccupato e continuerà ad erogare la NASpI ridotta di un importo pari all’80 per cento del reddito previsto


    Partecipante
    maveriks del #54669

    grazie mille per la risposta.
    la mia via migliore credo sarebbe la prima. la mia partita iva mi produce più di 4800 ma non mi soddisfa quindi, se chiudendola anche una settimana prima che io ricevessi il ben servito dall’azienda, e questo mi permetterebbe di ottenere tutta la disoccupazione che mi spetterebbe, sceglierei questa come soluzione.
    in merito a questa possibilità, ipotizzando la cessazione della partita iva come detto una settimana prima del ben servito dell’azienda, i miei introiti precedenti con la partita iva compremetterebbero per caso l’ottenimento della disoccupazione o sarebbero ininfluenti?
    grazie ancora


    Amministratore del forum
    Antonio Maroscia del #54675

    Visto che si tratta di redditi antecedenti la disoccupazione non dovresti avere problemi.

consulenza
Stai vedendo 4 articoli - dal 1 a 4 (di 4 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.