Pratiche disoneste coop sociale

Pubblicato in: Argomenti vari


  • Partecipante
    a_pixie del #54577

    Buongiorno a tutti,

    Stavo percependo la Naspi da maggio 2015 ed a inizio febbraio ho ricevuto una proposta di lavoro da parte di una coop sociale. Inizialmente si è parlato di una ritenuta d’acconto (lavoro occasionale) ma dopo una settimana di lavoro sono stata chiamata dal coordinatore del progetto ed informata che mi era stato fatto un contratto a tempo determinato (3 mesi) con un livello C3 (come da ccnl coop sociali). Pochi giorni fa sono andata in amministrazione a firmare il contratto che non era affatto quello che mi era stato comunicato telefonicamente. Si tratta di un contratto part time a 95%, livello c1, per un periodo inferiore… meno di 2 mesi … firmato retroattivamente. Non avrei mai dovuto firmarlo tanto per iniziare, ma mi sono fatta condizionare dal fatto che l’azienda mi sta pagando anche un corso di formazione.
    Il problema che sorge è ancora un altro, questa cooperativa non paga neanche gli stipendi e a detta del responsabile del personale che ho incontrato per firmare il contratto il primo pagamento potrebbe avvenire dopo 60 giorni, cioè dopo che il contratto scade.
    Trovo il loro comportamento finora più che disonesto e non vorrei continuare il rapporto lavorativo con loro agli stessi patti ma vorrei anche assicurarmi di ricevere i pagamenti che mi spettano.
    Cosa potrei fare per tutelarmi in questo momento?


    Amministratore del forum
    Antonio Maroscia del #54616

    Ma da quando sei stata assunta? In questi giorni dovresti ricevere la prima busta paga, purtroppo non puoi tutelarti preventivamente da un mancato pagamento. Solo nel caso in cui non non dovessi ricevere il pagamento allo potrai diffidare l’azienda. L’azienda non può pagare a 60 giorni come regola, il pagamento per i lavoratori dipendenti avviene mensilmente.


    Partecipante
    a_pixie del #54732

    Ti ringrazio per la tua risposta,

    Effettivamente, il tempo scorre e fino ad oggi la cooperativa non ha emesso ne busta paga per il mese di febbraio ne mi ha chiesto il conto corrente per l’accredito dello stipendio. A mio malgrado sto prendendo contatti con un avvocato per proseguire con la diffida di pagamento.

    Terrò sto post aggiornato, qualora le informazioni servissero anche ad altre persone.

    Sto anche valutando di notificare l’ex ispettorato di lavoro.

consulenza
Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.