Proposta assunzione accettata, ma…

Pubblicato in: Argomenti vari


  • Partecipante
    Ligustico del #67452

    Buongiorno,
    sono nuovo del forum.
    Scrivo per chiedere un consiglio sulla mia situazione.
    Lavoro all’estero ed ho accettato la settimana scorsa, dopo svariati colloqui, un’interessantissima offerta per un’azienda italiana.
    Durante le fasi di colloquio, alla classica domanda sulla disponibilità e sul preavviso, ho fatto presente le regole e leggi legate al mio contratto di lavoro, le quali mi farebbero entrare in servizio presso la nuova azienda il 01.06. Ho specificato (piú volte) che un’eventuale uscita anticipata, sarebbe a discrezione dell’attuale datore di lavoro e non volendomi sbilanciare, ho descritto come remota questa ipotesi, ma non impossibile.
    Dopo qualche giorno è arrivata la proposta scritta dove viene appunto riportata la data concordata del 01.06 come data di entrata in servizio. Perfetto. Firmo e consegno.
    Presento le dimissioni, ma il datore di lavoro non intende farmi uscire anticipatamente per necessità di organizzarsi col passaggio di consegne. Giustamente.
    Comunico con email alla futura azienda in merito alla presentazione delle mie dimissioni e l’impiegata mi dice, spero la facciano uscire prima, altrimenti con giugno andiamo lunghi.
    Al che ci sono rimasto. Se per loro fosse stato importante avermi avuto prima, per quale motivo non me lo avrebbero fatto presente durante i colloqui e nelle comunicazioni intercorse? Avrei presentato dimissioni differenti, cercando da subito un accordo col datore di lavoro magari. Penso la direzione della nuova azienda sia evidentemente d’accordo col farmi iniziare al 01.06, tanto da metterlo per iscritto e sottoscriverlo loro stessi; questo comportamento mi fa pensare che l’impiegata dell’HR abbia in qualche modo tentato di accorciare i tempi per fare bella figura all’interno.
    Io ancora a loro non ho chiesto chiarimenti, ma a voi chiedo: è prassi diffusa quella di forzare i tempi da parte delle aziende che cercano? E’ vincolante la proposta controfirmata da entrambe le parti (un vero e proprio preliminare di contratto)?
    Io lascerei che le cose procedano cosí come è stato scritto.

    Un saluto e grazie.

Stai vedendo 1 articolo (di 1 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.