RINNOVO CONTRATTO


  • Partecipante
    MARSI00 del #44214

    Salve, lavoro c/o una multinazionale a tempi determinato da circa 2 anni, ho cominciato con un primo contratto di 3 mesi, dopo questo sono passata con un nuovo contratto per sostituzione maternità durato circa 17 mesi, sono stata poi sospesa per 20 gg cominciando con un altro contratto di sostituzione maternita durato 5 mesi, ora l’azienda a scadere di quest’ultimo mi offre ancora un tempo determinato ma devono sospendermi per altri 10 gg, mi hanno detto anche che sarà l’ultimo che potranno farmi, dopo potranno solo assumermi o lasciarmi a casa… chiedo aiuto a voi per capire di più sulla mia situazione, se è regolare quanto hanno fatto e se è vero che allo scadere di quest’ultimo non possono più fare rinnovi…attendo con ansia una vs risposta, grazie!


    Amministratore del forum
    Antonio Maroscia del #46237

    Ciao, la normativa sul contratto a termine è molto rigida e l’azienda almeno formalemente credo che abbia agito legittimamente. Il contratto a termine non può superare i 36 mesi compresi rinnovi e proroghe, ecco perchè all’approssimarsi di tale scadenza la tua azienda dovrà decidere se lasciarti a casa o trasformarti il contratto a tempo indeterminato.

    Resta il fatto però che tu hai comunque il diritto di precedenza su una eventuale assunzione futura dell’azienda nella tua stessa posizione e per far valere questo diritto devi comunicare la tua volontà tramite raccomandata all’azienda al termine dell’ultimo contratto.

    Inoltre puoi sempre valutare l’ipotesi di impugnare il contratto a termine, perchè molte volte l’azienda assume a tempo determinato senza i presupposti oggettivi previsti dalla legge. Per fare ciò devi rivolgerti ad un sindacato oppure ad un legale di fiducia e portare con te tutta la documentazione in tuo possesso per valutare bene la situazione. A tal proposito c’è una sentenza recente sulla FIAT che potrebbe fare al tuo caso https://www.lavoroediritti.com/2012/01/sevel-il-giudice-del-lavoro-condanna-la-societa-del-gruppo-fiat-a-reintegrare-due-precari-on-una-sentenza-storica


    Partecipante
    carla binci del #46238

    voglio solo aggiungere che è molto importante l’osservazione di antonio: il requisito oggettivo che l’azienda dichiara per ricorrere al contratto a termine deve essere analizzato molto molto bene .
    se i requisiti formali e sostanziali del contratto rispondono alla motivazione di sostituzione maternità, quel periodo lavorativo non incide sul limite dei 36 mesi. 😯

consulenza
Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.