riposo compensativo

Pubblicato in: Argomenti vari


  • Partecipante
    colombo del #44093

    Buongiorno, avrei la necessità di ricevere informazioni in merito al seguente quesito.
    Un dipendente assunto con il CCNL delle industrie metalmeccaniche private, assunto nella sede aziendale di Roma, viene mandato in trasferta in Sardegna. Il suo viaggio di rientro in nave avviene durante le ore notturne (dalle 22.00 alle 8.00). Vorrei sapere se il dipendente ha diritto al riposo compensativo (avendo appunto viaggiato di notte), oppure se è tenuto a recarsi al lavoro il giorno del suo rientro.
    Non esiste nessun accordo interno che regolamenta tale condizione. ❗
    Grazie in anticipo per la risposta.
    colombo


    Amministratore del forum
    Antonio Maroscia del #45776

    La disciplina in materia è alquanto dubbia, perchè se è vero da un lato che le ore di viaggio non possono essere considerate ore di lavoro ne di straordinario, è pur vero che le ore di viaggio sono servite a fare una trasferta per il datore di lavoro, quindi il lavoratore è comunque a sua disposizione, pertanto non possono considerarsi ore di riposo.

    Se il CCNL non regolamenta queste ore rimane quindi una lacuna normativa, a questo punto rimane la consuetudine aziendale e soprattutto il buon senso; pertanto ritengo che il lavoratore abbia diritto ad un periodo di riposo non retribuito dopo la trasferta, magari recuperabile in un altro giorno, esempio un sabato.

    A mio avviso quindi la cosa migliore è trovare un accordo fra le parti. 😉


    Partecipante
    colombo del #45777

    Molte grazie per la risposta sempre veloce e puntuale.
    colombo

consulenza
Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.