trasferimento in altra città o indennizzo

Pubblicato in: Argomenti vari


  • Partecipante
    bithia del #54889

    lavoro in una nota azienda italiana da 13 anni che oltre avere due sedi a milano e roma ha tanti negozi sparsi per l’italia . adesso questa azienda ha deciso di smantellare questi negozi e mi hanno proposto di segliere se trasferirmi e lavorare a 200km da dove lavoro adesso o di accettare un licenzimento compensandomi con 18 mensilità.
    avendo famiglia e un età non più giovanissima ,44 anni. sono molto preoccupata e mi chiedo se quello che l’azienda mi propone è legale dal punto di vista giuridico e se mi spetta di più delle 18 mensilità proposte.
    andare a lavorare a 200km vuole dire abbandonare famgiglia e casa che mi sono comprata con tanti sacrifici e quindi lo escludo a priori.
    inoltre nel caso dovessi decidere di licenziarmi ,visto che avrei intenzione di cercare da subito

    lavoro, nel periodo vacante potrei percepire almeno un assegno di disoccupazione a prescidere dall’indennizzo ?


    Amministratore del forum
    Antonio Maroscia del #54893

    Quello che propone l’azienda purtroppo per te è legale, al massimo potrebbe essere un giudice a stabilire il contrario ma dovresti impugnare il licenziamento. In caso di licenziamento, ma anche in caso di risoluzione consensuale in quanto il trasferimento supera i 50 km, comunque hai diritto alla Naspi che nel tuo caso durerà almeno 24 mesi, tranne se non trovi lavoro prima. Cosa diversa è se l’azienda procede ad un licenziamento collettivo, in questo caso accederesti alla mobilità, ma entrano in gioco i sindacati ed è quindi a loro che dovresti rivolgerti per tutte le pratiche.


    Partecipante
    bithia del #54895

    C’è un dettaglio che mi sono dimenticato di dire e che forse non è trascurabile .l’azienda non mi ha dato alcun preavviso e sta premendo affinché uno su affretti a firmare la risoluzione .come io sono tenuto a dare un preavviso in caso di licenziamento. L’azienda non è tenuta a dare un previso di tempo ?


    Partecipante
    bithia del #54896

    Inoltre per quanto riguarda i km .vengono calcolati dalla sede attuale o dalla mia residenza ?.perché io attualmente faccio già 70 km per andare a lavoro .ma li faccio in treno ed è accettabile. Loro in teoria possono trovarmi una posizione a circa 30 km da dove lavoro attualmente. Ma poi per me fare 100 km in auto a andare e 100 a tornare diventerebbe troppo oneroso e complicato .

    Grazie mille


    Amministratore del forum
    Antonio Maroscia del #54904

    Ciao, a quanto dici la situazione è molto più complessa di quanto hai esposto all’inizio. La risposta è più o meno la stessa di prima, però ti consiglio vivamente di consultare un legale o un sindacato prima di firmare qualsiasi accordo.

consulenza
Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.