trasferte

Pubblicato in: Argomenti vari


  • Partecipante
    matteo07 del #53891

    Buongiorno, sono un dipendente di una grande azienda da più di 25 anni. Da qualche anno sto facendo delle trasferte di lavoro che variano da una settimana fino a tre settimane continuative, alternate a periodi di lavoro anche in sede. Sono papà di due bimbi di 3 e 8 anni, e ultimamente mia moglie non riesce più a gestire la situazione familiare durante la mia assenza per trasferte. Le chiedo se mi è possibile chiedere all’azienda di essere esentato completamente dalle trasferte e se c’è una legge che mi tutela quando dovrò fare questa richiesta. Chiederei all’azienda di essere ricollocato su un lavoro fisso in sede. GRAZIE PER L’AIUTO.


    Partecipante
    spartacus del #53893

    Purtroppo il lavoratore che rifiuti la trasferta può essere licenziato giusta causa a patto che nella trasferta il lavoratore svolga mansioni identiche a quelle espletate presso l’abituale sede di lavoro. In questi casi sarebbe opportuno trovare un accordo con il datore di lavoro, spiegando le problematiche personali.


    Partecipante
    matteo07 del #53894

    Non ho contratto da trasfertista, in ditta faccio lavori d’ufficio e in laboratorio elettrico. In trasferta lavoro solo su impianti.

consulenza
Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.