Carta acquisti anche per i cittadini stranieri

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Con decreto interministeriale del Ministero del lavoro e del MEF la carta acquisti è stata estesa anche ai cittadini stranieri

L’8 aprile scorso è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto interministeriale del Ministero del lavoro  e del MEF dello 12 febbraio 2014, con il quale, sono stati estesi i benefici previsti dal programma Carta Acquisti anche ai cittadini residenti di Stati membri dell’Unione europea ovvero familiari di cittadini italiani o di Stati membri dell’Unione europea non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero stranieri in possesso di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, ai sensi dell’art. 1, comma 216, della legge del 27 dicembre 2013, numero 147 (Legge di stabilità 2014).

La carta acquisti, introdotta dal governo Berlusconi, è nata per offrire un sostegno economico alle persone meno abbienti negli acquisti di generi alimentari, prodotti farmaceutici e parafarmaceutici e per il pagamento delle bollette domestiche di luce e gas.

Il suo importo è di 40€ mensili (una vera ricchezza!!) e viene ricaricata ogni bimestre con 80 euro. Può essere utilizzata per effettuare gli acquisti in tutti i negozi alimentari abilitati al circuito Mastercard. Inoltre, si potranno anche avere sconti nei negozi convenzionati che sostengono il programma Carta Acquisti, si potrà accedere alla tariffa elettrica agevolata e si potranno acquistare prodotti farmaceutici e parafarmaceutici.

Possono richiederla

Anziani con 65 anni o più cittadini e residenti in Italia;

  • con un’età tra i 65 e i 69 anni e redditi e trattamenti pensionistici fino a 6.000 euro all’anno;
  • con un’età pari o superiore a 70 anni e redditi e trattamenti pensionistici fino a 8.000 euro all’anno;
  • con redditi personali tali da non comportare il pagamento di alcuna imposta;
  • proprietari (da soli o insieme al coniuge) di una sola casa di abitazione;
  • titolari (da soli o insieme al coniuge) di una sola utenza elettrica e di una sola utenza del gas;
  • proprietari (da soli o insieme al coniuge) di un solo autoveicolo;
  • con meno di 15.000 euro di risparmi in Banca, alle Poste, ecc. (da soli o insieme al coniuge);
  • la cui famiglia ha un indicatore ISEE della situazione economica complessiva fino a 6.000
    euro.

Famiglie con bambini piccoli

  • con figli sotto i tre anni, cittadini e residenti in Italia (nel caso di più figli sotto i tre anni, gli accrediti si sommano);
  • proprietarie di una sola casa di abitazione;
  • titolari di una sola utenza elettrica ad uso domestico e non domestico
  • titolari di due utenze del gas;
  • proprietarie di al massimo due autoveicoli;
  • con meno di 15.000 euro di risparmi in Banca, alle Poste, ecc.;
  • con un indicatore ISEE della situazione economica complessiva fino a 6.000 euro.

La Carta Acquisti si potrà richiedere negli Uffici Postali presentando il modulo di richiesta con la relativa documentazione.

E’ attivo, inoltre, il servizio di comunicazione del saldo della Carta Acquisti tramite SMS: telefonando al numero verde Poste Italiane del programma Carta Acquisti 800.666.888 e seguendo le istruzioni della voce guida si potrà registrare il proprio numero di cellulare al quale sarà comunicato, tramite SMS, l’importo di ogni nuovo accredito o di ogni acquisto effettuato con la carta. Inoltre chiamando gratuitamente il numero verde 800.130.640, dal numero di cellulare registrato, si potrà ricevere un SMS che comunicherà immediatamente il saldo disponibile sulla carta.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti