MEF: ad aprile crollo delle partite Iva aperte, – 25,8%

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Secondo l'Osservatorio delle partite Iva del MEF, ad aprile crollano del 28,5% le aperture di nove partite Iva. Boom di aperture per giovani under 35 con un + 13,6%

L’Osservatorio sulle Partite IVA del dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia, ha fornito i dati delle Partite IVA, relativi al mese di aprile 2012. Sono state aperte in totale 46.337 nuove partite Iva, con una flessione, rispetto al mese precedente del 25,8%. In confronto al corrispondente mese dello scorso anno si registra invece, una flessione del 3%.

Il 77% delle nuove Partite IVA, sono relative a persone fisiche; solo il 14,8% è relativo a società o meglio, a società di capitali. Confrontando tali dati con il  corrispondente mese del 2011, si nota  che sono sempre le persone fisiche a sostenere l’andamento generale, poiché il loro lieve aumento (inferiore al 2%) mitiga il sensibile decremento di aperture relativo alle forme societarie.

Riguardo alla ripartizione territoriale delle aperture, il 42,5% di esse è avvenuto al Nord, il 22,6% al Centro, il 34,9% al Sud ed Isole; il confronto con aprile dello scorso anno mostra flessioni più o meno marcate al Centro-Nord, con alcune eccezioni (Val d’Aosta ed Umbria), mentre al Sud gli aumenti in Puglia e Sicilia riescono a bilanciare  il calo delle altre regioni.

Manco a dirlo, il settore produttivo che ha registrato il boom di aperture è  il commercio: il 22,1% del totale, seguito dalle attività professionali con il 14,7%. Nel complesso, al gruppo dei servizi appartiene il 50,5% delle aperture totali, con un calo, rispetto all’aprile 2011, dell’  1,2%.

Il settore agricolo mostra un aumento di aperture (+4,5%), mentre l’industria accusa, ancora, la diminuzione maggiore (-8,9%).

Relativamente alle persone fisiche, la ripartizione per sesso è stabile, sono i maschi a detenere il record, con il 65% di aperture di partite Iva. Il 51,3% delle aperture è dovuto a giovani fino a 35 anni e tale classe di età  è anche l’unica in aumento rispetto al corrispondente mese del 2011:+13,6%.

 

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti