Buoni Pasto: in arrivo nuove regole, ecco cosa cambia

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Il nuovo decreto MISE, stabilisce che dal 9 settembre 2017 le regole sui buoni pasto cambieranno del tutto. Ecco le nuove regole di come usarli.

Il nuovo decreto MISE, stabilisce che dal 9 settembre 2017 le regole sui buoni pasto cambieranno.

Tutte le novità sono state già pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale del 10 agosto 2017. Qui di seguito tutti i dettagli sull’utilizzo dei buoni pasto.

Buoni Pasto: Come utilizzarli con il nuovo decreto

Come detto sopra, dal 9 settembre 2017 i possessori dei buoni pasto avranno maggiore possibilità di effettuare la spesa e pagare ristoranti.

La precedente normativa prevedeva il divieto di accumulare i buoni pasto da parte dei possessori, questa direttiva però difficilmente veniva rispettata, quindi il MISE ha deciso di introdurre appunto nuove regole da rispettare per utilizzare correttamente i Ticket.

La nuova direttiva che entrerà in vigore il 9 settembre, prevederà il cumulo di massimo 8 buoni pasti e potranno essere spesi anche in agriturismi, mercatini e spacci industriali.

Le nuove regole oltre ad estendere la possibilità di utilizzo, prevedono anche dei limiti abbastanza chiari.

I buoni pasto dal 9 settembre dovranno essere obbligatoriamente nominativi, quindi essi potranno essere utilizzati esclusivamente dal titolare e il loro utilizzo è ammesso soltanto per acquisti di prodotti alimentari.

Chi può avere i buoni pasto

La nuove legge stabilisce che, solo i lavoratori dipendenti oppure collaboratori con contratto full-Time oppure contratti Part-time, possono avere diritto nel ricevere i Ticket dal proprio datore di lavoro. Inoltre, possono avere diritto solo i lavoratori che si trovano a una distanza che rende difficile raggiungere la propria abitazione nella pausa pranzo.

Sicuramente non tutti gli esercizi commerciali sono obbligati a ricevere come pagamento i Ticket dei lavoratori. Infatti il nuovo decreto stabilisce che, il buono pasto potrà essere utilizzato solo presso:

  • Mense aziendali;
  • Attività commerciali di bevande e alimenti;
  • supermercati;
  • locali di produzione  dei prodotti alimentari;
  • vendita al dettaglio sul posto di prodotti alimentari;
  • agriturismo;
  • Ittiturismo;

I ticket non potranno essere ceduti, commercializzati oppure convertiti in denaro.

Come riconoscere buoni pasto falsi

Molto spesso c’è il rischio di ricevere Ticket che non sono conformi all’originale. Ma come si riconoscono buoni pasto falsi?

Per riconoscere dei Ticket falsi è davvero molto semplice, infatti su di essi devono essere presenti alcuni particolari fondamentali, ossia: Inchiostro fluo, Codeline univoci, anno di validità, microscritture.

Sul Ticket, dovranno essere presenti alcuni dati fondamentali tra cui:

  • codice fiscale oppure nome dell’azienda;
  • ragione sociale e il codice fiscale della società di emissione;
  • il valore del Ticket;
  • data di scadenza;
  • Uno spazio per la firma dell’utilizzatore, per la data di utilizzo e uno spazio per il timbro dell’attività commerciale dove il buono pasto viene utilizzato.
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Altri articoli interessanti