CdL: contratti a termine e di somministrazione dopo il Jobs Act

Circolare 14/2015 della Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro con le prime istruzioni sui contratti a termine e di somministrazione dopo il Jobs Act

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Con la circolare n. 14 del 14 luglio la Fondazione Studi del Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro rilascia una guida contenente le prime istruzioni operative sulla legge che riordina le tutele contrattuali, relativamente ai contratti a termine e di somministrazione dopo il Jobs Act

Con l’entrata in vigore del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, in attuazione della Legge Delega 183/2014 c.d. Jobs Act, sul riordino delle tipologie contrattuali, i contratti a termine e di somministrazione hanno subito delle variazioni e a detta della Fondazione Studi il testo della norma è più semplice, efficace ed innovativo per molti aspetti e rende i contratti attualmente in vigore più coerenti con le esigenze del contesto occupazionale e produttivo.

Con questa guida la Fondazione Studi analizza le novità principali dei due istituti, soffermandosi su: limite temporale, proroghe e rinnovi del contratto a termine e sui casi di illegittimità del contratto di somministrazione.

Contratto a termine e somministrazione LE NOVITA’

Considerazioni introduttive

Attraverso il decreto legislativo 15 giugno 2015, n.81, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.34 del 24 giugno 2016 ed in vigore dal giorno successivo conformemente a quanto stabilito dall’art. 1 (co. 7) della L. Legge n. 183/2014, sono state apportate diverse modifiche volte a “riordinare i contratti di lavoro vigenti per renderli maggiormente coerenti con le attuali esigenze del contesto occupazionale e produttivo”.

Il Legislatore è intervenuto su una stratificazione normativa complessa e variegata, elaborando un testo più semplice ed efficace, e al contempo innovativo sotto molteplici aspetti.

In via preliminare si rappresenta che la legge in commento interessa i rapporti part-time, il lavoro intermittente, il lavoro a tempo determinato, la somministrazione di lavoro, l’apprendistato, i contratti di collaborazione, il lavoro accessorio, nonché il mutamento di mansioni.

Nella presente circolare, pertanto, saranno analizzate quelle che sono le novità principali relative ai contratti a termine e alla somministrazione.

Circolare n.14/2015 della Fondazione Studi
» 290,5 KiB - 975 hits - 14 luglio 2015

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo.

Altri articoli interessanti

I commenti sono chiusi.