Bonus garanzia giovani 2017, circolare INPS con requisiti e istruzioni

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Il bonus garanzia giovani 2017 è un incentivo per l'assunzione anche a tempo determinato di lavoratori iscritti a Garanzia Giovani. Vediamo come funziona.

Il bonus garanzia giovani 2017 è un nuovo incentivo per l’assunzione di giovani iscritti al programma Garanzia Giovani, tecnicamente denominato “Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani”.

Si tratta di un incentivo che può essere richiesto per le assunzioni a tempo determinato e indeterminato effettuate dalle aziende su tutto il territorio nazionale tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre 2017 nel limite delle risorse stanziate.

Il requisito principale dei lavoratori che portano in dote il bonus garanzia giovani 2017 è di tipo anagrafico, infatti i soggetti interessati devono avere dai 16 ai 29 anni e non devono essere inseriti in un percorso di studio o formazione.

A differenza del Bonus Assunzioni Sud il bonus garanzia giovani 2017 può essere richiesto sia per le assunzioni a tempo determinato che per quelle a tempo indeterminato come vedremo in seguito.

Leggi anche: bonus assunzioni sud 2017

L’INPS con la circolare 40 del 28 febbraio 2017 ha illustrato il Decreto Direttoriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali n. 394 del 2 dicembre 2016 e ha fornito le istruzioni operative per la fruizione dell’incentivo.

In particolare la Circolare indica:

  • i datori di lavoro che possono accedere al beneficio;
  • i lavoratori per quali spetta il bonus;
  • l’ambito territoriale di applicazione e gli importi stanziati;
  • il coordinamento con altri incentivi;
  • la procedura di richiesta e i relativi adempimenti a carico dei datori di lavoro.

Bonus garanzia giovani 2017, requisiti dei lavoratori

L’incentivo spetta per l’assunzione di giovani iscritti a Garanzia Giovani. Possono iscriversi al programma i giovani di età compresa tra i 16 e i 29 anni (e 364 giorni) cosiddetti NEET, cioè non inseriti in un percorso di studi o formazione e che risultano essere disoccupati ai sensi dell’art. 19 del d.lgs. 150/2015.

Rapporti di lavoro incentivati

L’incentivo spetta per le assunzioni avvenute su tutto il territorio nazionale nel limite delle risorse stanziate (pari a 200 milioni di euro). Le assunzioni, anche part-time, possono essere:

  • a tempo determinato (anche a scopo di somministrazione) di almeno 6 mesi e successive proroghe;
  • a tempo indeterminato (anche a scopo di somministrazione);
  • per apprendistato professionalizzante;
  • per i rapporti di lavoro subordinato instaurati in attuazione del vincolo associativo con una cooperativa di lavoro.

Bonus garanzia giovani 2017, quanto spetta

L’incentivo è fruibile in 12 mensilità dalla data di assunzione del lavoratore ed è pari:

  • al 50% dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro fino a euro 4.030,00 per ogni lavoratore assunto con contratto a tempo determinato (comprese le proroghe);
  • al 100% dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro fino a euro 8.060,00 per ogni lavoratore assunto con contratto a tempo indeterminato.

In caso di part-time lo sgravio è riproporzionato in percentuale.

Per i datori di lavoro

Condizioni

Come gli altri incentivi il Bonus garanzia giovani 2017 è subordinato:

  • alla regolarità degli obblighi contributivi (DURC);
  • all’osservanza delle norme poste a tutela delle condizioni di lavoro;
  • al rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali e territoriali;
  • all’applicazione dei principi generali in materia di incentivi all’occupazione D. lgs 150/2015.

Leggi anche: bonus assunzioni 2017

Come richiedere e usufruire dell’incentivo

L’incentivo potrà essere richiesto telematicamente all’INPS successivamente al rilascio di apposito modulo di istanza on-line “OCC.GIOV.”, disponibile all’interno dell’applicazione DiResCo, che avverrà presumibilmente entro il 15 marzo.

Le prime istanze, pervenute entro 15 giorni dall’uscita del modulo, saranno valutate cumulativamente in ordine cronologico di assunzione.

Successivamente varrà l’ordine cronologico di presentazione dell’istanza fino a quando ci sarà disponibilità dei fondi.

Una volta ottenuta l’autorizzazione il datore di lavoro potrà usufruire dello sgravio mensile, e degli eventuali arretrati, attraverso il meccanismo del credito nel DM10.

Vi lascio comunque alla lettura della Circolare INPS numero 40 del 01-03-2017 per tutti i dovuti.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti