Garanzia Giovani: erogazione dell'indennità di tirocinio dall'Inps

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Inps: erogazione dell'indennità di tirocinio nell'ambito del Piano Italiano di attuazione della cosiddetta Garanzia Giovani.

Con messaggio 7899 del 22 ottobre l’Inps fornisce le istruzioni procedurali per procedere alla erogazione dell’indennità di tirocinio nell’ambito del Piano Italiano di attuazione della cosiddetta Garanzia Giovani.

L’Inps fa quindi seguito al messaggio n. 6789 del 3 settembre scorso, con il quale comunicava che il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali invitava le regioni a manifestare la loro eventuale volontà di avvalersi del servizio di pagamento dell’indennità di tirocinio direttamente da parte dell’Inps.

Leggi anche: Indennità di tirocinio nel piano di Garanzia Giovani

Al suddetto invito hanno formalmente aderito le seguenti 19 Regioni: Lazio, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Calabria, Campania, Valle D’Aosta, Piemonte, Marche, Basilicata, Liguria, Umbria, Veneto, Toscana, Emilia Romagna, Abruzzo, Sicilia, Lombardia, Sardegna e Molise.

Le Regioni dovranno inviare all’Istituto – accedendo alla sezione Sistema Informativo Percettori, attraverso il link “Invio richieste di pagamento indennità/ sussidi” – mensilmente o con altra periodicità dalle stesse stabilita, le informazioni necessarie per il pagamento dell’indennità di tirocinio tramite un apposito file xml (elenco delle richieste di pagamento).

Per ciascun beneficiario dovranno essere indicati dalla Regione i dati anagrafici, le modalità di pagamento richieste, il periodo di riferimento e l’importo lordo complessivo da corrispondere a titolo di indennità di tirocinio per detto periodo.

Al calcolo dell’indennità di tirocinio spettante a ciascun tirocinante, dunque, provvederà direttamente la Regione, la quale non dovrà indicare né l’importo orario, né le ore svolte dal tirocinante, ma esclusivamente l’importo lordo spettante al giovane beneficiario a titolo di indennità di tirocinio per il periodo di tempo indicato nel file xml.

Modalità di pagamento dell’indennità e regime fiscale

A seconda della modalità indicata dal tirocinante, il pagamento della indennità può realizzarsi:

  • tramite accredito su conto corrente bancario o postale, provvisto di relativo IBAN, indicato dal tirocinante

ovvero,

  • qualora non fosse indicato un codice IBAN, tramite bonifico cd. “domiciliato” cioè a mezzo Ufficio postale (competente in base alla residenza/domicilio, individuato tramite il codice di avviamento postale indicato dal tirocinante) che provvederà ad inviare all’interessato una comunicazione per incassare l’importo a lui assegnato.

Per il pagamento dell’indennità di tirocinio non è necessaria alcuna domanda da parte dell’interessato e per lo stesso verrà utilizzata la procedura informatica DS WEB, opportunamente implementata in relazione al ricezione e lavorazione del file xml che sarà trasmesso – come già detto – dalla Regione tramite il Servizio Informatico Percettori.

  Messaggio numero 7899 del 22-10-2014 (182,8 KiB, 754 download)
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti