INPS: finalmente arriva l'indennità di disoccupazione per i collaboratori


Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

L’INPS, con circolare n. 74 del 26 maggio 2009, fornisce chiarimenti circa l’indennità di disoccupazione una tantum da corrispondere a favore dei collaboratori coordinati e continuativi (di cui all’ 61, comma 1, del decreto legislativo 10 settembre 2003 n. 276 e successive modificazioni) disciplinata dall’articolo 19 del D.L. 185/2008, convertito con modifiche dalla Legge 2/2009 e dall’articolo 7-ter del D.L. 5/2009 convertito dalla Legge 33/2009.

In allegato ho inserito la circolare INPS che spiega tutti i criteri di ammissione all’indennità e il modello da compilare in ogni parte da presentare all’INPS nel caso in cui si ritenga di avere tutti i requisiti validi per l’ammissione all’indennità.

Per aver diritto all’indennnità devono sussistere, in via congiunta, le seguenti condizioni:

  • monocommittenza: i collaboratori devono svolgere la propria attività esclusivamente per un unico committente e tale caratteristica riguarda l’ultimo rapporto di lavoro, quello per il quale si è verificato l’evento di “fine lavoro” (rilevabile dalle denunce glac/m);
  • dato reddituale riferito all’anno precedente: per il 2009 (primo anno di erogazione del beneficio) si deve considerare il reddito 2008 che deve essere compreso tra 5.000 euro e 13.819 euro (minimale di reddito 2008);
  • accredito contributivo: come recita l’ art 19, comma 2 lettera b) ed e) nell’anno precedente (es. 2008) devono essere accreditati almeno 3 mesi (lettera b) e non devono risultare accreditati almeno 2 mesi (lettera e). Pertanto, nell’anno precedente devono risultare accreditati non meno di 3 mesi, ma non più di 10. Il reddito del 2008 deve essere compreso tra 5.000 euro e 11.516,00 euro (pari ad una contribuzione IVS di 2.764 euro);
  • accredito contributivo nell’anno di riferimento: devono essere accreditati presso la relativa gestione separata, nell’anno di riferimento, almeno tre mesi (es. per il 2009, con un minimale vigente di 14.240,00 euro, il reddito per avere tre mesi di accredito deve essere di almeno 3.560,00 euro).

Domanda di disoccupazione Collaboratori
» 430,9 KiB - 16.219 hits - 1 giugno 2009

Circolare INPS disoccupazione collaboratori
» 4,2 MiB - 12.441 hits - 1 giugno 2009

Fonti:

Nel messaggio INPS del 16 settembre 2009 n. 20629, l’INPS fornisce precisazioni in merito al requisito del reddito del lavoratori con contratti di cococo e cocopro ai fini della percezione della indennità “una tantum” di disoccupazione.

L’importo minimo di 5.000 euro riferito all’anno precedente è stabilito dall’art. 2, comma 19 della legge n. 2/2009. Pertanto nell’ipotesi in cui il reddito percepito dall’interessato sia inferiore a 5.000 euro, non è possibile procedere all’erogazione dell’indennità.

Reddito massimo

Qualora il lavoratore abbia i requisiti previsti per l’accredito contributivo nell’anno precedente (e cioè almeno 3 mesi, l’indennità potrà essere erogata anche se il reddito conseguito nel 2008 superi l’importo di euro 11.516 (indicato a titolo esemplificativo al punto 1.2 della circ. 74), ma sia comunque al di sotto o pari a 12.667 euro, ovvero al di sotto dell’importo utile all’accredito di undici mesi nel 2008. In relazione alla determinazione di tale maggior importo si invitano le Sedi a rivedere le eventuali domande d’indennità respinte per reddito eccedente gli 11.516 euro.

Mesi accreditati

Con riguardo al requisito dei mesi accreditati va considerato che prima di poter visualizzare i contributi non risultino ancora in estratto-conto si può visualizzare la situazione del collaboratore e del committente, entrando nella procedura “mensilizzazione” della Gestione separata, secondo le modalità già indicate nel messaggio n. 12768 del 22/5/2007.

Se anche tale verifica non dà risultato positivo ma il richiedente produce documenti che attestano il versamento dei contributi, si rende necessario contattare il committente al fine di individuare e risolvere il problema del mancato accredito (ad esempio: mancato invio dell’e-mens; mancato abbinamento tra il versamento effettuato con F24 e l’e-mens; etc.).

(Messaggio INPS 16/09/2009, n. 20629)

Fonte: www.portalavoro.regione.lazio.it

Link: indennità di disoccupazione

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo.

Altri articoli interessanti