Inps: le pensioni dopo la riforma

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Istruzioni Inps sulla riforma delle pensioni alla luce dei decreti "salva italia" e "milleproroghe".

L’Inps, con circolare nr. 35 del 14 marzo 2012, analizza dettagliatamente le nuove disposizioni in materia pensionistica, alla luce della riforma apportata dal Decreto “Salva Italia” (d.l. nr 201/2011), in vigore dal 1° gennaio 2012 e, da alcune modifiche intervenute con il “decreto milleprorghe” (d.lg. nr. 216/2011)

Nella circolare, l’Inps descrive tutte le disposizioni in materia, dall’introduzione del sistema contributivo per le anzianità maturate, all’opzione per la liquidazione della pensione con le regole del sistema contributivo, fino alle disposizioni particolari previste per alcune categorie di lavoratori.

Le nuove prestazioni spettano alle lavoratrici e ai lavoratori iscritti all’assicurazione generale obbligatoria ed alle forme sostitutive ed esclusive della medesima, nonché alla Gestione separata, che, nei regimi misto e contributivo, maturano i requisiti a decorrere sempre dal 1° gennaio 2012. Due soli tipi di prestazioni: la pensione di vecchiaia e pensione anticipata.

Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7)

A decorrere dal 1° gennaio 2012, i soggetti in possesso di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 possono conseguire il diritto alla pensione di vecchiaia al perfezionamento dei seguenti requisiti anagrafici e contributivi.

Requisiti anagrafici

a) per le lavoratrici dipendenti:

  • dal 1° gennaio 2012 al 31 dicembre 2012 con 62 anni;
  • dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2013 con 62 anni e 3 mesi;
  • dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2015 con 63 anni e 9 mesi;
  • dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2017 con 65 anni  e 3 mesi;
  • dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2020 con 66 anni  e 3 mesi.

b) per le lavoratrici iscritte alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi e alla gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335:

  • dal 1° gennaio 2012 al 31dicembre 2012 con 63 anni e 6 mesi;
  • dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2013 con 63 anni e 9 mesi;
  • dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2015 con 64 anni e 9 mesi;
  • dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2017 con 65 anni e 9 mesi;
  • dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2020 con 66 anni e 3 mesi.

c)  per i lavoratori dipendenti e per le lavoratrici dipendenti iscritte alle forme esclusive dell’A.G.O. di cui all’art 22-ter, comma 1, del decreto legge 1° luglio 2009, n. 78 e successive modificazioni e integrazioni:

  • dal 1° gennaio 2012 al 31 dicembre 2012 con 66 anni;
  • dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2015 con 66 anni e 3 mesi;
  • dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2020 con 66 anni e 3 mesi

d) per i lavoratori iscritti alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi e alla gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335:

  • dal 1° gennaio 2012 al 31 dicembre 2012 con 66 anni;
  • dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2015 con 66 anni e 3 mesi;
  • dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2020 con 66 anni e 3 mesi.
1 2 3 4
Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti

  • Mia moglie ha una pensione dopo aver lavorato 15 anni di 284 €. come mai non ha mai percepito il caro vita PIL
    ne sarei gratto se qualche signore o signora mi può dare delucidazioni? antoniomurgia38@alice.it

  • Rosanna

    Sono una donna nata nel 195 con 35 anni di contributi INPS, lavorato come dipendente. Ho usufruito dei due anni di congedo x la legge 104 ( ho una figlia disabile al 100% dalla nascita ) Ho smesso di lavorare per gravi situazioni famigliari non più gestibili da mia madre ormai troppo avanti con gli anni, mia figlia deve essere accudita anche nelle azioni più semplici del quotidiano.
    Ho l’autorizzazione alla prosecuzione dei contributi volontari.
    Ho fatto precedentemente domanda di pensione, ovviamente respinta e fatto anche il dovuto ricorso.
    A gennaio di quest ‘anno ho rifatto la domanda di pensione, sottolineando l’ autorizzazione ai contributi volontari e allegando il documento concernente la disabilità di mia figlia.
    Considerando che sono 4 anni che vivo senza stipendio aspettando la pensione, sono stremata.
    Ad oggi non ho ricevuto nessuna risposta dal INSP.
    Tutte le domande le ho fatte tramite un patronato.
    Grazie per la risposta che mi verrà data.

  • Rosanna

    Ho dimenticato un 2 ( sono nata il 14 luglio 1952 )