INPS: precisazioni sul pagamento della NASpI

L'INPS ha ricevuto 513.861 domande di NASpI, di cui definite 211.692. Ancora lunghi quindi i tempi di smaltimento degli arretrati di pagamento della NASpI.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Con un comunicato stampa del 28 agosto l’INPS rilascia precisazioni sulla procedura di pagamento della NASpI.

Ricordiamo che, come scritto in un precedente articolo, con l’entrata in vigore della NASpI dallo scorso 1 maggio, ci sono stati alcuni problemi, legati alla tempistica di rilascio della procedura di calcolo della nuova indennità di disoccupazione. Infatti le pratiche di NASpI, anche se pervenute dal 1° maggio, sono state elaborate solo dal 15 luglio in poi.

Leggi anche: NASpI, quando arriveranno i pagamenti?

L’INPS fa sapere che alla data del 27 agosto sono pervenute all’istituto 513.861 domande relative alla nuova indennità mensile di disoccupazione denominata “Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego” (NASpI), di queste sono state definite 211.692, con una conclusione delle istruttorie ed erogazione dei relativi pagamenti che si attesta intorno ad una media giornaliera di 7.056 domande.

Precisazioni sulla procedura di pagamento della NASpI

Alla data del 27 agosto 2015, a fronte di 513.861 domande relative alla nuova indennità mensile di disoccupazione denominata “Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego” (NASpI) pervenute, l’Inps ne ha definite 211.692, con una conclusione delle istruttorie ed erogazione dei relativi pagamenti che si attesta intorno ad una media giornaliera di 7.056 domande.

Con particolare riferimento alla gestione delle indennità di disoccupazione NASpI 2015 a favore del personale precario della Scuola, da fine giugno al 27 agosto sono pervenute 115.834 domande e ne sono state definite e pagate 53.957.

L’introduzione della nuova prestazione – istituita dall’art. 1 del decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22 in sostituzione delle precedenti indennità ASpI e mini ASpI – ha richiesto da parte dell’Istituto la soluzione di problemi applicativi attraverso implementazioni procedurali molto articolate, a causa delle complessità operative dovute alla gestione del nuovo calcolo.

In conseguenza di ciò, la procedura di istruttoria e pagamento delle domande è stata rilasciata il 15 luglio 2015, con la necessità di gestire le domande di disoccupazione intanto pervenute a partire dal 1° maggio 2015, data di entrata in vigore della nuova prestazione (si ricorda che dal 1° maggio è stato possibile inoltrare all’INPS la relativa domanda utilizzando i consueti canali telematici).

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo.

Altri articoli interessanti