Dal primo maggio parte Garanzia Giovani, ecco come partecipare

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Il primo maggio parte il Piano Nazionale Garanzia Giovani, per offrire ai giovani, in età compresa fra i 15-29 anni opportunità di lavoro e di formazione.

Il Ministero del Lavoro annuncia, attraverso un comunicato stampa presente sul proprio portale, che il primo maggio 2014 parte il Piano Nazionale Garanzia Giovani, per offrire ai Neet (Not in Education, Employment or Training) cioè ai giovani che non studiano e non lavorano, in età compresa fra i 15-29 anni opportunità di lavoro e di formazione.

Leggi anche: Garanzia giovani: protocollo d’intesa per l’occupazione giovanile

Il piano nazionale Garanzia Giovani, prevede l’investimento da parte dello Stato di circa 1,5 miliardi di Euro, in buona parte finanziati dalla Comunità Europea (567 dalla Youth Employment Initiative, 567 dal Fondo Sociale Europeo e 379 di cofinanziamento nazionale) per garantire a tutti i giovani con determinati requisiti, un’offerta qualitativamente valida di lavoro, proseguimento degli studi, apprendistato, tirocinio, altra misura di formazione o inserimento nel servizio civile.

Come partecipare

Entro il 31 dicembre 2015 i giovani interessati potranno aderire all’iniziativa inserendo la loro richiesta sul portale www.garanziagiovani.gov.it, che è ancora in fase di attivazione, o attraverso i vari portali regionali che verranno via via attivati.

Il candidato quindi deciderà in quale regione italiana partecipare, non necessariamente quella di residenza e la sua domanda sarà smistata ai Servizi per l’Impiego, o le Agenzie private accreditate, per effettuare la profilazione, la registrazione al programma (è necessario infatti verificare i requisiti di età e di condizione occupazionale) e le fasi successive di orientamento.

In base al profilo e alle disponibilità territoriali, i giovani stipuleranno con gli operatori competenti un “Patto di servizio” e, entro i quattro mesi successivi, riceveranno una o più opportunità tra:

  • Inserimento al lavoro;
  • Apprendistato;
  • Tirocinio;
  • Istruzione e Formazione;
  • Autoimprenditorialità;
  • Servizio civile.

Scopo del Piano Garanzia Giovani

Con il Piano Garanzia Giovani il Governo intende realizzare un’operazione straordinaria verso i giovani che si fonda su una cooperazione tra tutti i livelli di Governo, nonchè tra le pubbliche amministrazioni, le imprese e le organizzazioni sociali e del terzo settore, per orientare l’inserimento lavorativo o il recupero formativo dei giovani, anche attraverso la promozione di iniziative innovative.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti

  • Angelo

    Grande!! dopo i 30 anni? ti fotti!