Garanzia Giovani, al via le assunzioni agevolate

Dal 3 ottobre, possono partire le assunzioni agevolate o "Bonus occupazione" previste dalla Garanzia Giovani

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Con Decreto Direttoriale n.1709 dell’8 agosto 2014 il Ministero del Lavoro ha reso noto che a partire da oggi, 3 ottobre 2014, possono partire le assunzioni agevolate o “Bonus occupazione” previste dal piano della cosiddetta Garanzia Giovani, ovvero del “Programma Operativo nazionale per l’attuazione della iniziativa Europea per l’Occupazione dei Giovani”.

Gli incentivi previsti dalla Garanzia Giovani riguardano Autoimprenditorialità o Autoimpiego, tirocini, apprendistato e assunzioni a tempo determinato e indeterminato, anche part-time e anche in somministrazione, queste ultime sono le agevolazioni di cui parliamo oggi.

Per usufruire delle agevolazioni previste dal Programma è necessario che l’azienda attivi una delle misure incentivate, ovvero assuma dal 3 ottobre 2014 al 30 giugno 2017 un giovane Neet, che ha aderito all’iniziativa Garanzia Giovani e sostenuto il primo colloquio di orientamento presso uno dei Servizi per l’impiego o degli enti accreditati.

Leggi anche: Dal primo maggio parte Garanzia Giovani, ecco come partecipare

I lavoratori dovranno avere quindi queste specifiche caratteristiche, riconosciute in fase d’iscrizione al programma:

  • età compresa tra i 15 ed i 29 anni,
  • obbligo scolastico assolto se minorenni,
  • non occupati e nemmeno inseriti in un percorso di studio e di formazione.

Incentivi Garanzia Giovani

In dettaglio gli incentivi previsti e le modalità di accesso:

  • Assunzioni a tempo indeterminato: bonus da 1.500 a 6.000 euro, in base alla profilazione del giovane e alle differenze territoriali. Il bonus è gestito dall’INPS.
  • Assunzioni a tempo determinato o in somministrazione: bonus da 1.500 a 4.000 euro, in base alla profilazione del giovane e alle differenze territoriali. Il bonus è gestito dall’INPS.

In caso di part-time gli importi sono riproporzionati alla percentuale del tempo parziale. In caso di trasformazione del contratto a termine o in somministrazione l’azienda potrà richiedere un ulteriore agevolazione pari alla differenza fra l’importo usufruito e quello spettante in caso di contratto a tempo indeterminato sin dall’inizio. Mentre per le proroghe non potrà richiedere ulteriori agevolazioni. Inoltre il Ministero specifica che questa agevolazione non è cumulabile con altre agevolazioni di tipo retributivo o contributivo (es. 407/90).

Modalità di fruizione dell’incentivo

  • per i contratti a tempo determinato di durata inferiore a 6 mesi l’incentivo è fruibile in 6 quote mensili di pari importo;
  • per i contratti a tempo determinato di durata pari i superiore a 12 mesi, l’incentivo è fruibile in 12 quote mensili di pari importo;
  • per i contratti a tempo indeterminato, l’incentivo è fruibile in 12 quote mensili di pari importo.

Per i contratti a tempo indeterminato ai fini della somministrazione l’incentivo non è corrisposto in relazione agli eventuali periodi di disponibilità.

Ammissione all’incentivo

Al fine di fruire delle assunzioni agevolate i datori di lavoro interessati devono inoltrare un’istanza di ammissione direttamente all’INPS esclusivamente in via telematica, indicando i dati relativi all’assunzione effettuata con modalità che provvederà a definire l’INPS.

Successivamente l’INPS provvederà a determinare l’importo dell’agevolazione e a verificare le disponibilità residue del fondo in base alla disponibilità regionale. Quindi l’istituto autorizzerà l’azienda ad usufruire del beneficio mediante conguaglio sulle denunce contributive.

Tabella Garanzia Giovani, disponibilità fondi su base regionale

Tabella Garanzia Giovani, disponibilità fondi su base regionale

Tabella Garanzia Giovani, importi agevolazioni

Tabella Garanzia Giovani, importi agevolazioni

Decreto Direttoriale n.1709 dell'8 agosto 2014 il Ministero del Lavoro
» 441,6 KiB - 623 hits - 3 ottobre 2014

Link Utile: http://www.garanziagiovani.gov.it/Pagine/default.aspx

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.