Garanzia Giovani: protocollo fra Ministero, Assolavoro e Rete Lavoro

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Assolavoro e Rete Lavoro, hanno siglato un accordo per potenziare il Piano di Garanzia Giovani.

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, con Luigi Brugnaro e Giuseppe Sverzellati, Presidenti, rispettivamente, di Assolavoro e di Rete Lavoro, Associazioni nazionali delle agenzie per il lavoro hanno siglato un accordo per definire un quadro di collaborazione per coadiuvare l’azione del Governo, delle Regioni e delle altre Pubbliche Amministrazioni coinvolte nell’attuazione del piano nazionale Garanzia Giovani.

Il protocollo d’intesa, siglato lo scorso 15 luglio servirà a realizzare iniziative di promozione e comunicazione a sostegno del Piano nazionale Garanzia Giovani, con attività di informazione rivolte alla pubblica opinione e di primo orientamento dei giovani utenti.

Leggi anche: Garanzia giovani: protocollo d’intesa per l’occupazione giovanile

Gli obiettivi primari sono quindi:

  • promuovere azioni di responsabilità sociale d’impresa orientate all’attivazione, all’occupazione e alla formazione delle giovani generazioni;
  • promuovere la partecipazione a Garanzia Giovani delle Agenzie per il Lavoro valorizzando la loro capacità operativa e gli strumenti della somministrazione e dell’intermediazione, nell’ottica della valorizzazione dei principi di flexicurity;
  • sostenere i percorsi previsti dal piano Garanzia Giovani attraverso un apposito Gruppo di coordinamento nazionale, nel quale valutare i risultati dei programmi e delle azioni realizzate nelle diverse Regioni, proponendo eventuali interventi correttivi.

Le azioni concrete previste dal protocollo interessano l’apprendistato, l’accompagnamento al lavoro ed i tirocini.

Per l’apprendistato, Assolavoro e Rete Lavoro si impegnano a promuovere presso le imprese associate il ricorso all’apprendistato, anche in somministrazione di lavoro, per favorire l’innalzamento del capitale umano e lo sviluppo dei talenti che possono contribuire a far crescere le imprese medesime. Si impegnao inoltre ad assistere le imprese, ed in particolare le PMI che hanno maggiori difficoltà ad erogare la formazione, nello stipulare convenzioni territoriali in materia di formazione.

Ricordiamo che il Piano Nazionale Garanzia Giovani, è partito il primo maggio 2014 ad opera del Ministero del Lavoro per offrire ai Neet (Not in Education, Employment or Training) cioè ai giovani che non studiano e non lavorano, in età compresa fra i 15-29 anni opportunità di lavoro e di formazione.

Leggi anche: Dal primo maggio parte Garanzia Giovani, ecco come partecipare

Per l’accompagnamento al lavoro, le associazioni firmatarie si impegnano ad utilizzare tutti gli strumenti attivabili finalizzati all’inserimento occupazionale dei giovani nella forma di ogni tipo di contratto di subordinazione, compresa la somministrazione, nei limiti di durata previsti dagli obiettivi fissati da Garanzia Giovani.

Infine, relativamente ai tirocini, le associazioni firmatarie si impegnano, con i propri associati, a promuovere i tirocini, laddove richiesti, presso le imprese clienti e ad attestare le competenze acquisite sulla base dei criteri fissati dalle relative normative regionali.

Fonte: www.lavoro.gov.it

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Consulente del Lavoro iscritto all'albo provinciale di Campobasso, fondatore e redattore di Lavoro e Diritti. D.U. in Economia e Amministrazione delle Imprese presso l'Università degli Studi di Teramo. Specializzando in Sicurezza sul Lavoro. Esperto Web.

Altri articoli interessanti