Ministero del lavoro: lavoro subordinato a tempo pieno e lavoro accessorio

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Ministero del lavoro: i lavoratori con contratto di tipo subordinato a tempo pieno possano comunque svolgere prestazioni di natura occasionale (lavoro accessorio).

Il Ministero del lavoro, con interpello nr. 46 del 22 dicembre 2010, ha risposto ad un quesito del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, in merito alla corretta interpretazione delle disposizioni di cui all’art. 70 del D. lgs 276/03, concernenti la disciplina del rapporto di lavoro occasionale di tipo accessorio.

In particolare, si chiede se,  sia possibile lo  svolgimento di prestazioni di natura occasionale e accessoria per i lavoratori con contratto di tipo subordinato a tempo pieno.

Il Ministero, richiama dapprima i requisiti oggettivo e soggettivi previsti dalla normativa sul lavoro accessorio: “con riferimento ai settori di attività tassativamente elencati (ad es. lavori domestici, lavori  di giardinaggio, pulizia e manutenzione, insegnamento privato supplementare, attività svolte  nell’ambito delle manifestazioni sportive, culturali, fieristiche o caritatevoli ecc.), il  lavoro occasionale di tipo accessorio  non subisce alcuna esclusione di tipo soggettivo.

Conseguentemente le attività lavorative specificatamente indicate, dall’art. 70, comma 1, del D.Lgs.276/2003, possono essere svolte da qualsiasi soggetto (disoccupato, inoccupato, lavoratore autonomo o  subordinato, full-time o part-time).

Nell’ambito di  tutti gli altri settori produttivi non espressamente richiamati la norma prevede, invece, che  i committenti possano ricorrere a  prestazioni di lavoro accessorio  utilizzando esclusivamente alcune categorie di soggetti, ossia giovani con meno di 25 anni di età,  pensionati, nonché soggetti percettori di misure di sostegno al reddito e lavoratori part time, in via sperimentale, rispettivamente, per gli anni 2009 – 2010 e per l’anno 2010 (art. 70, comma 1 bis).

Pertanto, il Ministero, ritiene che i lavoratori con contratto di tipo subordinato a tempo pieno possano comunque svolgere prestazioni di natura occasionale secondo  quanto sopra delineato fermi restando, per i lavoratori del pubblico impiego, i limiti di cui all’art. 53  del D.Lgs. n. 165/2001.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti