#Cancellato, iniziativa per la giornata delle vittime del lavoro

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Domenica 13 ottobre si celebra la 63esima giornata per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro. L’ANMIL ha promosso l’iniziativa “#Cancellato”

Domenica 13 ottobre si celebra la 63esima Giornata per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro. In occasione di tale ricorrenza, l’ANMIL (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi del Lavoro) ha promosso l’iniziativa “#Cancellato”.

L’ANMIL, insieme all’artista Francesco Scepi,“cancelleranno” alcuni tra i più importanti monumenti di 21 città italiane, da Torino a Siracusa, etichettandoli con il tag #cancellato.

“Scuoteremo le coscienze di cittadini, istituzioni e media con questa provocatoria azione dell’artista Franco Scepi – dichiara il Presidente dell’ANMIL Franco Bettoni – affinché venga data maggiore attenzione al fenomeno degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali”.

Per questo da Torino a Siracusa, il Maestro Scepi e l’ANMIL denunceranno con “# CANCELLATO” il loro dissenso verso l’indifferenza generale per un problema che tocca tutti i cittadini, i lavoratori, il mondo dell’economia e non può essere oggetto di contrattazione nei luoghi di lavoro, sorprendendo con un’installazione che coinvolgerà alcuni monumenti emblematici del nostro Paese nella Giornata dedicata alle Vittime del Lavoro”.

“Cancelliamo i monumenti – ha sottolineato Bettoni – così come tanti incidenti sul lavoro o malattie professionali cancellano migliaia di persone. È tempo di far sentire che la vita rappresenta un grande valore per il nostro Paese e una repubblica fondata sul lavoro non può dimenticarlo”.

Il momento clou della manifestazione avrà luogo a Roma, e prevede alle ore 10.00 una singolare performance del Maestro Franco Scepi che “cancellerà” pubblicamente il Monumento equestre del Marco Aurelio.

Si terrà invece nella Sala della Protomoteca in Campidoglio, alle ore 10.30 – al termine di una S. Messa officiata alle ore 9.00 nella Chiesa di Santa Maria in Portico Campitelli dall’Arcivescovo Mons. Vincenzo Paglia (Presidente del Sacro Pontificio della Famiglia) in memoria dei caduti sul lavoro – l’appuntamento con le massime istituzioni in materia al quale parteciperanno: il Presidente nazionale dell’ANMIL Franco Bettoni, il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Enrico Giovannini; il Presidente della Commissione Lavoro del Senato Maurizio Sacconi; la Componente della Commissione Igiene e Sanità del Senato Giuseppina Maturani, il Presidente dell’INAIL Massimo De Felice, il Presidente CIV INAIL Francesco Rampi, il Vice Presidente di Confindustria con delega alla sicurezza sul lavoro Samy Gattegno, il ViceSegretario Generale UGL Paolo Varesi e il Segretario Confederale UIL Paolo Carcassi.

Si legge sul sito dell’ANMIL “Il fenomeno degli infortuni sul lavoro e ancor più quello delle malattie professionali restano purtroppo relegati in poche righe nelle pagine delle cronache locali. Eppure nel 2012 si sono ancora contati quasi 900 morti sul lavoro e sono stati denunciati 750.000 infortuni che hanno dato luogo a 40.000 invalidità permanenti; mentre sul fronte delle malattie professionali ancor più drammatico e sconosciuto, sono deceduti 396 lavoratori per malattie denunciate nel solo 2012, ai quali ne vanno aggiunti altri 1.187 per malattie professionali denunciate in anni precedenti, e il riconoscimento di oltre 17.000 casi di malattie professionali, anche se va detto che negli anni l’INAIL abbia registrato un trend moderatamente decrescente che, però, va tarato con la grave crisi occupazionale che stiamo vivendo.

Le iniziative più efficaci in materia di prevenzione e la tutela che deve essere garantita per una più valida e adeguata assistenza delle vittime del lavoro saranno, dunque, al centro dei lavori di questa Giornata in cui si ritroveranno a confrontarsi, sia a livello nazionale che nelle celebrazioni locali, tutti coloro che possono e devono garantire la salvaguardia della vita e della salute dei lavoratori ma anche una più adeguata tutela delle vittime.

Anche i giovani protagonisti della campagna di promozione della 63ª edizione della Giornata. Sull’onda dei progetti in cui l’ANMIL ha maggiormente investito negli ultimi anni entrando nelle scuole di tutta Italia, a partire da quelle elementari – nella convinzione che sia proprio dai più giovani che deve partire la cultura della sicurezza – per promuovere questa giornata, l’Associazione  ha scelto la campagna “The dream job – Il lavoro che sogno”, realizzata da Dario Di Matteo, giovane promessa del mondo della pubblicità che ha colto in pieno l’obiettivo dell’Associazione.

Tutte le info le potete trovare qui: Ufficio Stampa ANMIL Resp. Marinella de Maffutiis – 06.54196334/329.0582315 e sul sito www.anmil.it

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti