Ape sociale scuola, nota del Miur sulla procedura di anticipo pensioni

Il Miur ha pubblicato in una recente nota, le procedure per completare la richiesta di Ape sociale scuola da parte dei dipendenti del comparto scuola. I dettagli in questo articolo rispetto alle principali novità.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Chiarimenti sull’Ape sociale scuola, ovvero per gli addetti al comparto scuola, sono stati di recente forniti dal Miur in una recente circolare. La circolare in questione, è rivolta al personale scolastico e ai dirigenti scolastici che hanno ricevuto già una comunicazione dall’Inps sul riconoscimento delle condizioni di accesso. Questo primo passaggio, è essenziale per procedere alla presentazione della domanda di cessazione del servizio.

Per accedere all’Anticipo Pensionistico Social, infatti, il personale scolastico era tenuto alla presentazione di una apposita domanda sul sito ufficiale dell’Inps entro il 20 dicembre 2017. Tale domanda, poteva essere presentata in presenza dei requisiti di legge per l’Ape social 2018 entro la data del 31 dicembre 2018 e con collocamento a riposo al 1 settembre 2018. Tra i requisiti principali, ti ricordiamo il possesso di 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne e di 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini.

Ape sociale scuola, come completare l’accesso per i dipendenti del comparto scuola

L’Inps, ha valutato in questi mesi i requisiti di accesso delle domande presentate nel comparto scuola. Si è occupata, anche dell’invio di comunicazioni sulla conferma dei requisiti appena enunciati, da qui la necessità dei Miur di guidare il personale nelle successive fasi. Per completare la richiesta di accesso all’APE sociale scuola, è infatti necessario presentare una domanda di cessazione dal servizio. Dal primo settembre 2018, la cessazione dal servizio effettiva.

Con la nota numero 7673 dell’8 febbraio 2018, il Miur ha fornito le seguenti istruzioni al personale del Comparto Scuola. In particole, rispetto alle procedure da avviare per completare la richiesta di accesso all’Ape sociale. Eccone i punti essenziali:

  • Aver ricevuto una comunicazione dall’Inps sulla verifica e accettazione dei requisiti di accesso all’ape sociale da parte del dipendente del comparto scuola.
  • Invio da parte del dipendente di una domanda cartacea all’istituzione scolastica di appartenenza per la presentazione della cessazione del servizio.
  • Dichiarazione del dipendente del possesso dei requisiti di accesso per l’ape sociale e della comunicazione dell’Inps che ne riconosce i suddetti requisiti.

La nota del Miur, precisa che sarà possibile presentare le dimissioni anche tramite il sistema SIDI, inserendo un codice specifico il CS10. Non dovrà essere inserita in questa fase la data sulla domanda di cessazione del servizio. Inoltre, si conferma che pur presentando in questi giorni le richieste di cessazione dal servizio, le stesse avranno decorrenza solo a partire dal primo settembre 2018.

Attesa per la pubblicazione delle ultime novità sull’Ape sociale 2018

La citata notata del Miur, non presenta ulteriori istruzioni rispetto al personale che non ha ancora ricevuto l’ok dall’Inps sulla verifica dei requisiti di accesso. Si attendono, in merito, ulteriori aggiornamenti in materia. Tuttavia, la prestazione dell’ape sociale si appresta ad una importante novità a partire dalla giornata di oggi 13 febbraio 2018. In queste ore, infatti, è prevista la pubblicazione di una nuova circolare per l’avvio delle domande di accesso da parte dell’Inps e di un simulatore di calcolo. Come di consueto, seguiranno sul nostro sito degli utili aggiornamenti al riguardo.

Nota MIUR 7673 del 8 febbraio 2018 – Ape sociale scuola pdf

Alleghiamo come sempre la nota del MIUR numero 7673 datata 08/02/2018 con istruzioni su Ape sociale scuola in formato pdf per una comoda lettura.

Nota MIUR 7673 del 8 febbraio-2018- Ape sociale
» 453,2 KiB - 471 hits - 13 febbraio 2018

Info: MIUR

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.

Sull'Autore

Laureata in economia e commercio con una tesi in Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane, si occupa della redazione di contenuti economici da oltre 4 anni.

Altri articoli interessanti

I commenti sono chiusi.