Scuola: istruzioni per le prove scritte del concorso docenti

Il MIur ha pubblicato le istruzioni per lo svolgimento delle prove scritte del concorso per docenti attualmente in atto.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Il Miur, lo scorso 15 gennaio, ha pubblicato sul proprio sito internet, le istruzioni per le prove scritte del concorso per docenti. Si ricorda che le prove scritte inizieranno il prossimo 11 febbraio e termineranno il 21 febbraio 2013.

L’elenco delle sedi d’esame, con la loro esatta ubicazione e con l’indicazione della destinazione dei candidati distribuiti in ordine alfabetico, sarà reso noto con successivo avviso pubblicato sulla rete intranet e sul sito del MIUR (www.istruzione.it), nonché sui siti internet degli Uffici Scolastici Regionali competenti a gestire la procedura,il 25/01/2013.

Leggi anche: scuola: diario prove scritte concorso docenti

Per quanto riguarda i partecipanti al concorso della regione Molise, si è provveduto ad aggregare le procedure concorsuali relative agli ambiti 4 e 9 del Molise con quelle analoghe dell’Abruzzo, a causa del numero esiguo dei candidati. Pertanto i candidati del Molise per espletare le prove concorsuali dovranno recarsi nelle sedi programmate del Capoluogo abruzzese dove sarà insediata una unica commissione giudicatrice.

Prove scritte 

Le prove consisteranno in quesiti a risposta aperta (4 o 3 come precisato nell’Avviso che accompagna il calendario delle prove) e verteranno sui programmi disciplinari allegati al bando e sui contenuti trasversali indicati nelle Avvertenze generali (All. 3 al Bando), al fine di accertare il possesso dei requisiti culturali e professionali del candidato.

A ciascun candidato sarà dato, subito dopo le operazioni di identificazione, un foglio di 4 facciate prestampate, ognuna per ciascun quesito. Saranno messi a disposizione del candidato fogli bianchi per eventuali brutte copie che però dovranno essere tenuti distinti dal foglio della prova e non inseriti nel plico da consegnare al termine della prova stessa.

Griglia per la valutazione della prova e calcolo del punteggio

 Ogni commissione disporrà, per la valutazione della prova scritta, di criteri definiti a livello nazionale quali “pertinenza”, “correttezza linguistica”, “completezza” e “originalità”, ed eventualmente di criteri specifici, differenziati per le diverse aree disciplinari. Ogni commissione inoltre potrà integrare o modificare i criteri proposti in sede nazionale, giustificando le ragioni dei cambiamenti apportati.

Ad ogni quesito verrà attribuito un punteggio intero da zero a dieci. La votazione complessiva della prova sarà data dalla somma delle votazioni attribuite a ciascun quesito. Le prove composte da quattro quesiti potranno quindi dar luogo ad una votazione massima pari a quaranta, quelle composte da tre quesiti daranno invece luogo ad una votazione massima pari a trenta.

Superano la prova scritta i candidati che ottengono una votazione minima pari a 28/40, nel caso di prove da quattro quesiti, e a 21/30, nel caso di prove composte da tre quesiti. Il tempo a disposizione per le prove composte da quattro quesiti: due ore e trenta minuti. Per le prove composte da tre quesiti: due ore.

Ausili consentiti durante lo svolgimento della prova, per tipologia di classe di concorso

  • Per tutte le prove sarà consentito l’uso del dizionario della lingua italiana.
  • Per la prova della classe di concorso A019 sarà consentito l’uso di codici e testi di legge non commentati e non annotati.
  • Per le prove delle cassi di concorso A017, A020, A033, A034, A038, A047, A059, A060, C430 sarà consentito l’uso di riga, squadra, gomma, matita, compasso.
  • Per le prove delle classi di concorso A245, A246, A345, A346, e per la prova scritta per la scuola primaria, sarà consentito l’uso del dizionario monolingue non enciclopedico.
  • Per la prova della classe di concorso A051, sarà consentito l’uso del dizionario bilingue italiano/latino.
  • Per la prova della classe di concorso A052, sarà consentito l’uso del dizionario bilingue italiano/greco.

Non sarà ammesso l’uso di calcolatrici di qualsiasi tipo, fatto salvo l’uso della calcolatrice scientifica nelle classi di concorso previste nell’Allegato 3 del bando. I candidati dovranno consegnare ai docenti incaricati della vigilanza, a pena di esclusione, ogni tipo di telefono cellulare, smartphone, tablet, notebook, anche se disattivati, e qualsiasi altro strumento idoneo alla conservazione e/o trasmissione di dati.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.