Scuola: via libera all'assunzione di 67 mila precari tra docenti e ATA

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Via libera all'assunzione a tempo indeterminato di circa 67mila precari tra docenti e ATA nell'arco degli anni 2011-2013.

Si è concluso positivamente l’incontro svoltosi lo scorso 13 luglio a Palazzo Chigi, tra il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Mariastella Gelmini, il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta, del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta e dei sindacati di categoria: saranno assunti a tempo indeterminato  circa 67mila precari tra docenti e ATA nell’arco degli anni 2011-2013, sulla base dei posti vacanti disponibili in ciascun anno.

Un piano che prevede l’immissione in ruolo di 30.482 docenti e 36.698 ausiliari tecnici e amministrativi (ATA) precari, il cui reclutamento dovrà concludersi prima dell’inizio del nuovo anno scolastico.

Il piano triennale di immissioni in ruolo, fa sapere il Miur nel comunicato stampa, è già stato deciso e approvato da alcuni mesi e, “eviterà la formazione di nuovo precariato in futuro e risponde ad una nuova filosofia: prevede infatti esclusivamente assunzioni basate sul reale fabbisogno del sistema d’istruzione, come sarà sempre, d’ora in poi, per tutte le assunzioni nel mondo della scuola”.

“E’ una risposta concreta al problema del precariato e delle graduatorie, e garantisce la stabilità del servizio scolastico ed educativo e le aspettative di quegli insegnanti abilitati iscritti nelle graduatorie ad esaurimento che prestano continuativamente da anni la propria attività tramite incarichi annuali”.

Per la CGIL il risultato di oggi costituisce “una risposta positiva ma solo parziale al grave disagio in cui versa la Scuola pubblica per effetto delle riduzioni di organico e dei tagli che penalizzano fortemente i precari.

Le Organizzazioni sindacali attendono una convocazione presso l’ARAN per definire “le condizioni necessarie” a concludere le procedure di reclutamento. A tal fine è stato predisposto un atto di indirizzo all’ARAN che verrà inviato nei prossimi giorni alle organizzazioni sindacali per l’apertura della sessione contrattuale”.

Aspettiamo di sapere la tempistica e le modalità di queste nuove assunzioni.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti