TFA: ulteriori FAQ del Ministero sul tirocinio formativo attivo

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Dal sito tfa.cineca.it, alte sei FAQ del MIUR sui Tirocini formativi Attivi

Continua la pubblicazione, sul sito tfa.cineca.it, della FAQ del MIUR sui Tirocini formativi Attivi. L’aggiornamento risale allo scorso 1 giugno, ove sono state aggiunte altre 6 domande alle tredici inizialmente pubblicate che, vi riportiamo di seguito, con le relative risposte. La numerazione delle domande seguirà dal nr 13

Leggi anche: TFA: le FAQ del Ministero sul Tirocinio Formativo Attivo

14.Gli studenti in sovrannumero devono sostenere le prove selettive?

No, gli studenti in sovrannumero non devono sostenere le prove selettive e pertanto non devono procedere all’iscrizione on-line. Potranno iscriversi seguendo le procedure amministrative dell’ateneo prescelto.

15.Chi è ammesso in sovrannumero?

Sono ammessi in sovrannumero tutti coloro che rientrano nelle categorie previste dall’articolo 19 dal DM 11 novembre 2011, e che hanno sospeso la frequenza, senza alcuna limitazione temporale.

16. L’assegno di ricerca è incompatibile con la frequenza di un corso TFA?

L’assegno di ricerca non crea incompatibilità con la frequenza di un corso TFA.

17. Sono laureato in ingegneria dell’automazione L/S 29. Tale laurea non è prevista dal DM n. 22/05, né viene considerata titolo di accesso per l’iscrizione al TFA tramite il Cineca. Cosa devo fare?

Per le lauree non previste dal DM. n.39/98 e dal DM. n. 22/05 non è possibile l’iscrizione in quanto non sono state considerate “Titoli di ammissione”. Pur tuttavia, se la laurea, nella fattispecie la L/S 29, è stata considerata equipollente ad altra laurea, già riconosciuta come titolo di accesso per una o più classi di concorso, la laurea o le lauree dichiarate equipollenti, alle lauree individuate come “Titoli di ammissione” dal DM. n. 39/98, dovranno in forza della dichiarata equipollenza, prevedere nel piano di studi i corsi annuali o semestrali prescritti dal citato DM. n. 39/98, ovvero i “requisiti minimi” in termini di CFU previsti dal DM. n.22/05.

18. Ogni classe di concorso richiede differenti lauree come titoli di accesso. Quando una laurea non è prevista nel DM 39/98, ed al contempo è dichiarata equipollente ad altro titolo di accesso per una determinata classe di concorso prevista dal citato decreto, si può essere ammessi a sostenere le prove di selezione per quella classe di concorso, essendo in possesso della laurea equipollente ?

Ogni classe di concorso ammette una o più lauree con specifici piani di studio, quali titoli di accesso per quella determinata classe di concorso. La laurea o le lauree dichiarate equipollenti, alle lauree individuate come “Titoli di ammissione” dal DM. n. 39/98, dovranno in forza della dichiarata equipollenza, prevedere nel piano di studi i corsi annuali o semestrali previsti dal citato decreto, ovvero i CFU previsti dal DM. n.22/05.

19.Sono laureato in Ingegneria Vecchio Ordinamento. Posso accedere alla classe A049?

In forza del D.M. n.354 del 10 agosto 1998, i laureati in ingegneria qualunque indirizzo, possono richiedere l’accesso alla classe di concorso:
47/A- Matematica, se lo specifico piano di studi seguito abbia compreso i corsi annuali (o quattro semestrali) di: analisi matematica I, analisi matematica II, geometria o geometria I, due corsi annuali (o quattro semestrali) tra i seguenti: geometria ed algebra o algebra ed elementi di geometria, calcolo delle probabilità, analisi numerica o calcolo numerico, e due corsi annuali (o quattro semestrali) di: fisica generale.
38/A – Fisica, se il piano di studi abbia compreso due corsi annuali (o quattro semestrali) di: fisica generale.
49/A, sempre relativamente ai laureati in ingegneria senza vincoli di indirizzo, se il piano di studi seguito abbia compreso i corsi annuali (o quattro semestrali) di: analisi matematica I, analisi matematica II, geometria o geometria I, due corsi annuali (o quattro semestrali) tra i seguenti: geometria ed algebra o algebra ed elementi di geometria, calcolo delle probabilità, analisi numerica o calcolo numerico, e due corsi annuali (o quattro semestrali) di: fisica generale.
Resta fermo quanto previsto per i laureati in ingegneria la cui laurea è valido titolo di accesso indipendentemente dal piano di studi seguito purché conseguita entro l’anno accademico 2000-2001.

Si ricorda che le iscrizioni ai test di selezione sono scadute lo scorso 4 giugno. Le prove selettive si svolgeranno dal 6 al 31 luglio prossimi.

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti

  • Gianna

    Gentile Dott.ssa Di Paolo,

    mi rivolgo a Lei per avere un chiarimento circa i Tirocini Formativi Attivi (TFA) che preparano all’insegnamento per la scuola secondaria di secondo grado.
    Riporto di seguito la mia carriera universitaria:

    – Università di Catania / Laurea Triennale in Scienze del Governo e dell’Amministrazione (afferente alla Classe n. 19 delle lauree in Scienze dell’Amministrazione D.M. 04/08/2000)

    – Laurea Magistrale (- 2 materie alla fine) in Scienze dell’Economia Classe LM/56

    Esposto questo chiedo se per poter accedere ai TFA è sufficiente il mio attuale percorso oppure è necessario integrare eventuali esami per avere accesso all’insegnamento negli Istituti Secondari di Secondo Grado in merito ai seguenti insegnamenti: A019; A017; A039.

    Nel ringraziarLa, porgo
    Cordiali saluti.