Il dirigente non può sostituire l'impiegato assente per sciopero

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


Il datore di lavoro non può utilizzare personale con mansioni superiori a svolgere mansioni inferiori per rimpiazzare i lavoratori aderenti all'astensione.

Oggetto della sentenza della Corte di cassazione è stata la condotta della società Autorstrade per l’Italia che, in occasione di uno sciopero dei casellanti, aveva impiegato 31 dipendenti, facenti parte di personale dirigente, presso otto caselli autostradali che altrimenti sarebbero rimasti vuoti.

Ebbene, questo comportamento è antisindacale!

Nella sentenza 3 giugno 2009 n. 12811, Sezione Lavoro, la Corte ha chiarato che il datore di lavoro non può utilizzare personale con mansioni superiori (in questo caso dirigenziale) a svolgere mansioni inferiori per “rimpiazzare” i lavoratori aderenti all’astensione.

Così la Corte, nel respingere il ricorso della società autostrade che l’11 novembre 2001, in seguito allo sciopero proclamato dai casellanti, aveva incaricato della riscossione dei pedaggi ben 31 dirigenticollocandoli in altrettanti caselli, ha affermato che “il comportamento del datore di lavoro che fa ricadere su altri lavoratori le conseguenze negative di uno sciopero mediante il compimento di atti illegittimi, lede l’interesse collettivo del sindacato”ossia mette in pericolo la capacità del sindacato di difendere i diritti dei lavoratori mediante la coalizione solidale, perché fa derivare dallo sciopero conseguenze illegittime per altri dipendenti, ponendo così in contrasto e dividendo gli interessi dei lavoratori tra loro e con le organizzazioni sindacali.

L’antisindacalità di questo atteggiamento non viene meno neanche se c’è il consenso del lavoratore con qualifiche maggiori a svolgere attività prorprie di lavoratori con qualifica inferiore.
Questa sentenza pone un limite a quello che sicuramente è una facoltà del datore di lavoro; ossia del c.d Jus Variandi che consente a quest’ultimo la facoltà di modifica le mansioni del proprio dipendente ; ciò è legittimo solo nel caso in cui al fine di limitare gli effetti negativi dello sciopero, il datore impieghi i lavoratori non aderenti che abbiano però, mansioni inferiori a quelle dei lavoratori in sciopero; non è consentito il contrario.

D’altra parte, la Cassazione non ha fatto altro che applicare e ribadire un precetto che è già presente nel nostro Codice Civile all’art. 2103:

il lavoratore deve essere adibito alle mansioni per le quali é stato assunto o a quelle corrispondenti alla categoria superiore che abbia successivamente acquisito ovvero a mansioni equivalenti alle ultime effettivamente svolte

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti

  • Michele Mar.

    Si sono pienamente d’accordo con questa sentenza, non si può impiegare personale di livello superiore in mansioni inferiori; così facendo si vogliono scoraggiare i dipendenti a scioperare e a poter esercitare il proprio diritto!

    Ps: complimenti agli ideatori e sviluppatori del blog, mi raccomando sviluppate bene la parte “cerca lavoro” così mi date una mano anche a me….. ciao ciao

  • Antonio Maroscia

    Ciao Michele, grazie per il messaggio e soprattutto per i complimenti… cercherò di migliorare l’area di ricerca lavoro! Torna a trovarci presto.