Le offese rivolte al capo non sempre sono motivo di licenziamento

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +
Richiedi una consulenza su questo argomento


La Cassazione ha deciso che dire "Chi cazzo ti credi di essere se sei un uomo esci fuori non ti faccio più campare tranquillo" al capo non è causa licenziamento

Con la sentenza n. 6569 del 18 marzo 2009, la Corte di Cassazione torna a difendere la posizione dei lavoratori, notoriamente “parte debole” del contratto di lavoro. Gli ermellini hanno stabilito in tema di licenziamento, che la frase “Chi cazzo ti credi di essere, se sei un uomo esci fuori, non ti faccio più campare tranquillo”, espressione rivolta al capo, in risposta al rimprovero per aver spinto un carrello portevivande contro un deposito di bombole di ossigeno, non è di per se sufficiente a giustificare un licenziamento. La Suprema Corte ha ritenuto che questa frase, seppur irriguardosa e minacciosa, non costituisce ingiuria nei confronti del datore di lavoro e, pertanto, non può essere motivo di licenziamento.

La Corte ha quindi affermato che la vicenda debba essere valutata nel suo complesso, ossia come un semplice alterco intervenuto tra i due. Più precisamente Piazza Cavour ha ritenuto che nel caso preso in esame una simile frase fosse null’altro che una reazione “emotiva ed istintiva” del lavoratore ai rimproveri ricevuti e, per questo, non sufficiente a fondare un buon motivo per il licenziamento, poichè questo episodio non può ascriversi ad una ipotesi di insubordinazione, questa si motivo di licenziamento.

Nella sentenza si afferma altresì che “per stabilire in concreto se una causa sia giustificativa di un licenziamento, questa innanzi tutto deve integrare una grave negazione degli elementi essenziali del rapporto di lavoro ed in particolare di quello fiduciario ma, soprattutto, occorre valutare da un lato, la gravità dei fatti addebitati al lavoratore, le circostanze nelle quali sono stati commessi ed l’intensità dell’elemento intensionale; dall’altro la proporzionalità tra tali fatti e la sanzione inflitta, stabilendo così se la lesione dell’elemento fiduciario su cui si basa la collaborazione del prestatore di lavoro sia in concreto tale da giustificare o meno la massima sanzione disciplinare”.

“Secondo l’orientamento di questa Corte – si legge nella sentenza – in tema di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, allorquando vengano contestati al dipendente diversi episodi rilevanti sul piano disciplinare – come nel caso in questione – il giudice di merito non deve esaminarli atomisticamente, riconducendoli alle singole fattispecie previste da clausole contrattuali, ma deve valutarli complessivamente al fine di verificare se la loro rilevanza complessiva sia tale da minare la fiducia che il datore di lavoro deve poter riporre nel dipendente”.

Questo in sintesi il contenuto della sentenza; tuttavia una riflessione sorge spontanea: questa sentenza può fare la felicità di molti lavoratori che oggi, si sentirebbero autorizzati a rispondere male al prorpio capo, fosse anche per togliersi “lo sfizio”. Beh, teniamo presente che gli uomini differiscono dagli animali per la cosidetta “ratio” che ci da la possibilità di frenare gli istinti; sto parlando dell’autocontrollo e forse anche di civiltà e di educazione che tutti, mondo del lavoro o meno, dovremmo aver ben chiaro in testa; non dimenticamioci che una frase come quella oggetto della sentenza, di per se, integra il reato penalmente rilevante di minaccia e ingiuria, che seppur di non così eccessivo allarme sociale, comunque reato rimane.

Pertanto cerchiamo sempre di tenere a mente che “la calma è la vera virtù dei forti”!

Richiedi una Consulenza a Lavoro e Diritti


Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/03
Condividi.

Sull'Autore

Avvocato non praticante ed ex formatrice, attualmente editor di Lavoro e Diritti e impiegata precaria nella PA

Altri articoli interessanti

  • rosa

    salve io ho lavorato 4 mesi in nero e poi a febbraio mi hanno assunta perche hanno visto che son brava ha fare le pulizie,però vengo trattata come una schiava e mi hanno tripilicato il lavoro e io ho cercato di fargli capire che non riesco a fare tutto in poco tempo,il mio titolare mi urla sempre come anche la sua collaboratrice che mi ha offesa piu di una volta e io sempre zitta,adesso e un mese che sono in malattia depressiva perche sono scoppiata per l’ultima volta che mi ha urlato il mio titolare e mi sono cosi spaventata che mi sono venuti gli attacchi cardiaci che ho avuto paura di un infarto,sto prendendo gocce antidepressive e pillole per lo stomaco anche ,non dormo piu bene,piango sempre e non capisco perche si devono permettere di trattare da schiavetta una donna che ha sempre fatto il suo dovere,a anche tanti straordinari mai retribuiti e anche la segrataria una volta al mese che il sabato e domenica mi toccava rispondere al telefono della azienda per la gente che voleva prenotare appartamenti.il mio lavoro sarebbe di pulire gli appartamenti che il mio titolare affitta ,vi prego ditemi come fare per mobbing sul lavoro,sto malissimo grazie mille per la risposta.

  • Ciao Rosa, l’unica cosa da fare è citare in giudizio il tuo datore di lavoro. In linea puramente teorica, i continui rimproveri e richiami espressi in privato ed in pubblico anche per banalità, o l’esercizio esasperato ed eccessivo di forme di controllo, sono riconosciute come forme di mobbing. Tocca però a te dimostrare in sede di giudizio le vessazioni ricevute e che, la tua depressione sia conseguenza delle vessazioni del tuo capo. ti consiglio di rivolgerti ad un sindacato o ad un legale esperto in materia per farti assistere Ci sono anche molte associazioni che possono aiutarti. cercane uno vicino o nella tua città. Se nel nostro sito, inserisci la parola mobbing potrai trovare molti articoli interessanti e sentenza della Cassazione sul tema.Non ti arrendere. in bocca al lupo. facci sapere