Apple ammette che alcuni suoi fornitori in Cina hanno sfruttato in passato lavoro minorile

La Apple fa outing e ammette che lo scorso anno, almeno tre fabbriche cinesi hanno sfruttato il lavoro minorile.

Google+ Pinterest Linkedin Tumblr +

Dopo aver pubblicato il suo Codice di Condotta per i fornitori, la Apple fa outing e ammette che lo scorso anno, almeno tre fabbriche cinesi hanno sfruttato il lavoro minorile: più di 11 bambini al di sotto dei 15 anni sono stati impiegati nella produzione di prodotti a etichetta mela morsicata. A dichiararlo è la stessa Apple, a seguito di controlli eseguiti presso i suoi fornitori.

Leggi l'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679
Condividi.